Una sola preoccupazione

E’ ormai evidente che il campionato di questa Fiorentina è figlia dell’anno di transizione, sventolato in modo cautelativo a inizio stagione. E qui devo dare ragione a Simone; questa definizione è figlia di Pradé, sempre attento agli equilibri e anche per questo forse non nativamente un vincente. Certo anche Antognoni, stupendo calciatore, ottimo dirigente, non ha così confidenza con lo spirito vincente. Perché giocatori come Ribery, Milenkovic, Chiesa, Castrovilli, Pezzella e altri ancora non sarebbero da transizione. E questa squadra ha evidentemente valori superiore alla attuale classifica. Lo ha dimostrato la partita di ieri sera, dove abbiamo giocato alla pari e forse meglio della Lazio. E ora che la classifica si fa scivolosa, ho una sola preoccupazione: che con questa posizione, in questo fine campionato fra il virtuale e il paradossale, con una rosa giovane, con una neo-proprietà straniera che non ha neppure una stagione completa alle spalle, questa squadra possa cadere nelle provocazioni. Evidente quanto accaduto a Vlahovic, dopo che due volte la Lazio aveva rischiato di restare in 10. Preoccupanti però atteggiamenti come quello dell’arbirtro Fabbri. E purtroppo non è la prima volta. Sembra quasi un metro per misurare le intenzioni e l’approccio della nuova proprietà, che certo non nasconde la propria volontà di contare ed anche un po’ di cambiare il sistema calcio. Un po’ come aveva fatto Vittorio Cecchi Gori prima e Della Valle dopo. La mia preoccupazione è che questa squadra, che potrebbe avere ben altre ambizioni, non ha sufficientemente le spalle larghe. E succede quindi che in una partita in cui il pareggio stava stretto, porti a casa solo rabbia e amarezza. Poi ovviamente si può valutare tutto il resto, tipo la cronica difficoltà a buttarla dentro. Oppure un centrocampo che con il calare delle mezzale diventa fragilino. Badelj che si fa infilare da Luis Alberto senza aver neppure la forza di far fallo. E Iachini che vuole l’approvazione dello stesso francese per togliere Ribery dal campo, ma palesemente in difficoltà dopo il 70-esimo. D’altra parte è anche vero che quando sta bene dimostra una qualità, una sicurezza, una personalità da grande fuoriclasse.

Penso che Beppe Iachini abbia davvero poche chance di essere l’allenatore viola il prossimo anno. Ha però ora occasione di riuscire a dare un po’ una sua impronta vera a questa squadra, soprattuto sul modo ignorante di stare in campo. Non solo grinta, cuore, corsa. Ma anche più provocazione e meno reazione. Più figli di … prima e meno proteste dopo.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.