Disastro

Un vero disastro la Fiorentina di stasera. Purtroppo siamo costretti a giocare un campionato che non ha niente di sensato. Avevo già sottolineato che è imposssibile sapere (da fuori) in quale stato siano i singoli giocatori, fisciamente e mentalmente. E ogni partita passa da partitella del giovedì, a calcio d’agosto, fino ai supplementari di una semifinale mondiale. Però iniziano a passare le partite e l’incubo del finale dello scorso anno inizia a di nuovo a farsi sentire. Il disastro di stasera inizia (e in gran parte forse finisce) nella gestione Iachini. Si, perché se un allenatore ed il suo staff non sono in grado in questo periodo di leggere prima della partita le condizioni fisiche e mentali dei giocatori, abbiamo davvero un grosso problema. Castrovilli, Ghezzal, Ceccherini e Lirola erano letteralmente vuoti di tutto. E Ribery purtroppo si è salvato solo con i suoi colpi di classe, perché comunque era in palese difficoltà. Non è un caso che sono poi stati tutti sostituiti. E sarebbe davvero inpietoso dare un giudizio, specialmente a Castrovilli che sembrava davvero la sua ombra assassina. Ma di fatto per un’ora abbiamo avuto la sensazione di giocare in netta inferiorità numerica. Anche Chiesa comunque è apparso poco lucido. Al primo minuto, davanti al portiere, uno come Chiesa deve tirare giù la porta. Ed invece l’appoggia piano, come se il gol fosse già fatto. Davanti al nostro disastro il Sassuolo è sembrato il Barcellona dei tempi d’oro. Inizialmente la partita non sembrava proprio messa male e il mezzo fallo su Pezzella in area non visto, che oltre a non aver procurato il rigore, ha contribuito a creare il vuoto cosmico che ha portato invece al rigore del Sassuolo ci ha riportato subito ai fantasmi dell’olimpico. In realtà, dietro c’era appunto il disastro raccontato. Personalmente non mi sento di dare ancora colpe dirette ai giocatori, anche perché quelli citati sopra sono stati fra i migliori sabato scorso. Se però, come e più di altri, abbiamo difficoltà in questo momento a sostenere partite ogni tre giorni deve essere il mister a dosare in modo giusto i giocatori. Oggi De Zerbi ha tenuto Berardi ed altri in panchina. Iachini ha preferito basarsi sui nomi, trascurando condizione e direi anche tattica. Il ritorno ad un modulo senza punte quando anche per quest’anno abbiamo ormai dimostrato che non abbiamo seconde e mezze punte dal gol facile penso sia una palese rinuncia alla vittoria. E’ vero che Cutrone non l’aveva mai buttata dentro. Come è vero che lo scorso anno Simeone non la buttava mai dentro. Però quando hai bisogno di gol, sempre bene tenere più possibile in campo chi ha dimostrato in passato di saperli fare i gol… a partire probabilmente dallo stesso Benassi.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.