Sempre peggio

Mi sono letto di un fiato gli ultimi tre articoli di Davide e, a parte qualche nome, sono d’accordo con quello che dice. Mi verrebbe da dire che io l’avevo detto tempo fa…

Le ultime tre partite
Nella prima non siamo riusciti a fare il gol decisivo, però purtoppo abbiamo giochicchiato contro una squadretta ormai destinata alla serie B. E sopratutto non abbiamo fatto il possibile per vincere quella partita.
Con la Lazio abbiamo giocato bene visto l’avversario e abbiamo perso solo per motivi extra-calcistici e un po’ di sfiga.
Ieri il collasso, ma qualcosa possiamo recriminare perché due gol li abbiamo regalati noi e se infiliamo il palo di Pezzella la partita cambia inerzia.
Se e ma però non contano…

La condizione fisica
Oh Beppe, ma che combini? D’accordissimo con Davide sul fatto che non è possibile rimettere in campo un Ghezzal che ieri non l’ha vista mai, mai, mai, mai. Così come un Lirola completamente andato nelle barbe. Forse nemmeno Ceccherini era in gran forma, ma il centrale di difesa riesce a mascherare meglio i difetti di condizione fisica. Il quinto di fascia o la mezzala se non sono in condizione fanno le figure barbine di Lirola e Ghezzal di ieri sera.

La formazione
Oh Beppe, ma ti sei presentato snocciolando numeri e numeri su quanti schemi hai usato nel passato e poi non ti accorgi che noi soffriamo clamorosamente a centrocampo perché giochiamo se va bene con tre, alle volte (Lazio e Sassuolo) con due. Com’è possibile?

La rosa (Perdé)
Rammento ancora la presentazione di Badelj “si è ridotto lo stipendio per venire a giocare alla Fiorentina”. Caro Perdé, i tifosi puoi anche prenderli per il culo, ma le bugie hanno le gambe corte. Badelj, che ho visto anche capitano, è esattamente la cartina tornasole di questa Fiorentina, inconcludente. Tanto fumo e poco arrosto, come la sua partita con la Lazio, benino fino a che c’è da impostare, clamorosamente goffo quando c’è da essere giocatore di calcio vero, quello che picchia al momento giusto.

Chiesa
Qui vorrei rispondere all’interrogativo che Davide si pone sul calcio autoreferenziale, autocelebrativo.
Chiesa è proprio autoreferenziale e autocelabrativo, molto peggio di Simeone. Chiesa si guarda allo specchio e si piace già così. Le ultime tre partite di Chiesa sono un obbrobrio, lui si sente già arrivato, già giocatore di altro rango, può permettersi di protestare su ogni decisione dell’arbitro e, clamorosamente, può permettersi di non fare più i contrasti. Ha due piedi che sono due roncoli e pretende di giocare di punta quando non è altro che un umile fasciaiolo.

La società
Caro Rocco si fa dura… Lo stadio verrà costruito al centro di una palude di sabbie mobili, la squadra è abbastanza allo sbando, l’allenatore (troppo brava persona proprio come Pioli) non ha potere, il direttore sportivo ne ha troppo.
In un’azienda normale il capo a questo punto prenderebbe il toro per le corna ma il calcio non è un’azienda normale.
Dai Rocco, dai… Possibile che tu non abbia qualche “amico” più potente degli “amici” del calcio?

Ribery
Purtoppo l’affare Ribery assomiglia sempre di più all’affare Gomez, c’è il Bayern di mezzo, c’è Perdé di mezzo, c’è la presentazione hollywoodiana di mezzo, c’è un infortunio importante di mezzo. C’è molto più gusto a veder giocare Ribery che non Gomez, ma i risultati mi sembra che siano gli stessi… 🙂

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.