Brutta, ma molto importante!

La Fiorentina porta via tre punti a Parma, con un vittoria brutta, ma molto importante!. Una vittoria alla Iachini, con una gara preparata in modo sartoriale sulle conformazione del Parma. Una Fiorentina prevalentemente operaria, infatti, ha cercato di tenere a bassi giri i ritmi della gara, ingolfando il più possibile il motore da ripartenza del Parma. Fuori Chiesa, Castrovilli, Badelj, Ghezzal, Lirola e addirittura Dragowski, la Fiorentina ha provato a sorprendere il Parma sulle fasce ed in particolare dalla parte di Venuti. E ci è riuscita bene. Prima traversa dalla distanza, poi penetrazione in area e rigore. In questo schieramento secondo me anche Ribery ha fatto molta fatica a fare qualcosa di diverso. Fra l’altro costretto, a volte in modo pericoloso, a fare giocate azzardate anche dentro la nostra metà campo. Si, perché Pulgar, impeccabile dagli undici metri, appare davvero molto timido in regia. Passaggi sempre un metro indietro e con un pizzico meno di velocità rispetto a quello che servirebbe per cambiare marcia nelle azioni. Davvero mi chiedo se questi ragazzi si mettono mai a guardare video su video di partite giocate da Pizarro, da Pirlo. C’è una differenza abissale fra il passaggio e l’appoggio: il primo è proattivo, il secondo è passivo. Ero curioso di vedere Benassi, ma evidentemente non è ancora in buona forma. Duncan invece è uscito alla distanza. Nella ripresa ci siamo abbassati e il Parma ha preso metri di campo e coraggio. Alla fine comunque le migliori occasioni per chiudere la partita le abbiamo avute noi. Il problema è che davvero ci manca la cattiveria del gol. Cutrone prima e Sottil alla fine hanno concluso in modo blando da ottima occasione. Chiesa e Castrovilli, come accade spesso, imprecisi.

Con questi tre punti e con i risultati di Lecce e Genoa la Fiorentina tira un sospiro di sollievo, anche se occorre ricordare che lo scorso anno a questa giornata avevamo 39 punti. L’ideale sarebbe chiudere il discorso salvezza entro le prossime tre giornate, ovvero lo scontro con i salentini. Il calendario ci impone comunque di vedere partita dopo partita. Perderemo probabilmente in modo definitivo Benassi per l’infortunio muscolare, mentre RIbery dovrebbe essere pronto… anche se un piccolo riposino, visto che giochiamo di nuovo alle 19:30, con almeno 30 gradi ci potrebbe anche stare.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.