Partite di pallone

Mi è capitato oggi di leggere che dalla ripresa del campionato sono calati molto i telespettatori e Sky addirittura vorrebbe uno sconto. Magari nessuno sottolinea che stiamo vedendo poche partite di calcio e molte partite di pallone. Fiorentina Cagliari è stata sicuramente una di queste. Ovvero una partita giocata prevalentemente con squadre mobili quanto in una gara a subbuteo, dove tutto si focalizza appunto sulla zona dove gira la palla. Io penso che la pausa, la situazione in generale, l’assenza di tifosi e soprattutto il caldo, gli incontri ravvicinati, rendono quasi impossibile fare calcio. Almeno per come siamo stati abituati a vederlo, considerando fra l’altro che quello italiano non è certo fra i più agonistici. Penso però che un po’ ci metta del suo anche la nostra cara fiorentina ed un mister, appunto, che non vuole prendere imbarcate. Con un Chiesa irriconoscibile, un BAdelj che sembra il Mogol della nazionale cantanti, Lirola che sembra stanco prima di inziare è davvero difficile immaginarsi un gioco. E in questo piattume, risalta ancora di più la classe e soprattutto la volontà di RIbery di provare a inventare qualcosa. Certo anche per lui però è dura mantenere freschezza e lucidità con temperature oltre i 30° e umidità da serate africane.

Nella partita di pallone, a parte Ribery, chi ha provato a fare un po’ di calcio è stato Duncan, anche se a volte si è incaponito su azioni personali senza possibilità di sbocco. E anche se la difesa non ha demeritato, alla fine dobbiamo ringraziare anche Dragowski, altrimenti rischiavamo di uscire sconfitti per l’ennesima volta dal Franchi.

Unica vera nota lieta riguarda il ritorno in campo di Kouame. A parte che è andato subito vicinissimo al gol, la speranza è che sia arrivato qualcuno che la porta la vede con una certa facilità. E magari sappia anche correre verso la porta, specie se in superiorità numerica, invece di aspettare sempre che gli avversari ritornino ad essere belli protetti. Nella scorsa estate ci siamo liberati di Simeone e Muriel come fossero due zavorre per la nostra voglia di spiccare il volo. Due giocatori che oggi valgono 27 reti in campionato, ovvero praticamente quasi la totalità dei gol segnati dalla Fiorentina. E’ evidente che sulla parte offensiva Pradè ha avuto poche idee e molto confuse e non rimane che vedere come sarà aggiustato il tiro in questa sessione estiva. Detto questo, rimane però il fatto che negli ultimi anni Firenze nel suo complesso ha affrettatto giudizi e bruciato davvero tanti giocatori: Ilicic, Rebic, Simeone, Muriel sarebbero oggi tutti titolari fissi in maglia viola.

3 Commenti

  1. Ilicic quattro anni a Firenze ha fatto pena.
    Simeone due anni a Firenze ha fatto malino, sopratutto perché non ha la tecnica per giocare in A e può giocare solo in squadre di bassa classifica.
    Rebic bocciato in sei mesi da Montella, ma non lo posso rimpiangere, è un mucco e vederlo giocare è una pena.
    Muriel è l’unico che rimpiango e che, pare, sia scappato nel periodo di vuoto di potere che si è verificato nel passaggio dai DV a Commisso.

    • L’unico sinceramente che non rimpiango è Rebic: non voglio dire che è un mucco, ma insomma… Per gli altri invece il vero rimpianto è che sono capitati con allenatori che pensavamo molto al proprio gioco e poco ai giocatori che avevano a disposizione. Due di questi, Ilicic e Muriel, sono veramente sopra la mediae hanno dimostrato di essere adatti per una squadra che punta alla Champion. Simeone è comunque (per ora) un centravanti di difesa che arriva senza nessun penare troppo e senza rigori in doppia cifra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.