Le regole del calcio

Visto che il risultato dell’Olimpico per noi non era così determinante, possiamo permetterci anche di fare un po’ di filosofia. Anche se a dire il vero, con il rallentamento del Sassuolo potevamo puntare all’ottavo posto, che comunque ha un suo significato in visto della prossima Coppa Italia. Ad ogni modo, dicevamo, la filosofia. Il calcio è lo sport più popolare del mondo, perché alla fine con poche regole, può essere giocato da tutti ovunque. Ma anche a livello professionistico le regole del calcio sono poche e semplici, a parte il mito del fuorigioco. Nel tempo si è visto che c’erano talmente poche regole, che era facile anche per i meno forti imbrigliare le partite a scapito dello spettacolo. Forse era meglio lavorare sulla cultura, che è ancora più democratica delle regole. Ma non divaghiamo. C’è un fattore però determinante, che è l’interpretazione da parte dell’arbitro. E ci sono poi le regole non scritte. Gli errori nell’applicare le regole sono state giustificate quasi sempre con il tema dell’interpretazione: “l’arbitro in campo ha dato questa interpretazione”. Al tempo stesso, ci sono poi le regole non scritte, dal banale “palla contesa palla alla difesa ” (a dir la verità sempre più in decadenza), alla cosidetta “sudditanza psicologica”. Con la forza delle TV e delle riprese sempre più sofisticate si è arrivati a contemplare anche l’errore umano. Ciò da cui ovviamente ogni arbitro cerca di stare alla larga è l’errore tecnico, perché quello poi invalida tutto. Nella semplicità delle regole del calcio, l’errore tecnico nella storia penso si sia verificato veramente pochissime volte e praticamente mai determinante. Ecco… Roma Fiorentina di ieri è stato l’apoteosi di come regole scritte, interpretazioni, regole non scritte ed errori tecnici possono andare a creare una situazione perversa e paradossale, la cui unica soluzione sarebbe veramente la ripetizione della gara, tanto più nell’era del VAR. Nell’azione del secondo rigore c’è stato chiaro errore tecnico (arbitro devia palla, che andava fra l’altro verso giocatore della Fiorentina), interpretazione errata di un contatto in area (avvenuto a palla già fuori campo), sudditanza, perché era dura negare questa opportunità alla ROma forse unica di chiudere la gara. Si vede che Chiffi chiede a Terracciano: l’hai toccata? No, e allora è rigore. Sapendo invece che lui la palla l’aveva toccata pochi secondi prima. La sudditanza è stata fra l’altro di tutta la partita, perché il giovane Kouame è stato preso a legnate per tutto il primo tempo senza avere una punizione. E Vlahovic si è preso una manata nel muso, che poche settimane fa a Milenkovic e Caceres è costato un giallo pesante e ieri neppure una punizione. Ritornando all’episodio del rigore, l’arbitro Chiffi (classica scuola basata su arroganza e protagonismo, forte con i deboli e debole con i forti) ha messo se stesso, la classe arbitrale e tutto il sistema in una situazione di forte imbarazzo. E davvero non si capisce come il VAR sia così impotente difronte a queste debacle arbitrali. La partita non si ripeterà. E penso che al di la di eventuali scuse (non scontate), la Fiorentina sarà nei fatti più minacciata che ammaliata. E il calcio aggiungerà un’altra pagina nera, probabilmente presto dimenticata perché capitata alla fine di un campionato strano, in una partita poco significante, ad una squadra che tanto c’è abituata. Rimane però la domanda: dove sta andando questo calcio e soprattutto, chi ha in mano il timone?

Due righe per dire che ci sono anche regole del calcio non scritte per la parte più tecnica e tattica delle gare. Una di queste dice che le partite si vincono spesso a centrocampo e ieri il centrocampo della Fiorentina è stato sopraffatto da quello della Roma. Quasi sempre inconcludente Ghezzal, molto spreciso Duncan, sempre da compitino Pulgar. E sulle fasce male Lirola e ruoli invertiti fra Spinazzola, che ha fatto l’ala pura, e Chiesa, che si è trovato spesso a marcarlo (con pessimi risultati) ai limiti dell’area di rigore. Grazie alle buone prestazioni dei difensori centrali e Terracciano, la Fiorentina però tutto sommato reggeva l’urto. Iachini voleva un punto e l’avrebbe forse ottenuto se non c’era la Chiffata. Da dire che al problema del centrocampo si aggiunge che Ribery viene a fare il regista e ovviamente l’altra punta rimane isolata. Meglio infatti nel secondo tempo con Vlahovic e Cutrone, che qualche palla l’hanno tirata su. Ripeto quindi che la posizione ed il ruolo di Ribery sarà il vero tema per capire come il prossimo anno la Fiorentina dovrà provare a portare almeno un calciatore a segnare in doppia cifra.

1 Commento

  1. Eh ragazzi… la capacità di analisi e di sintesi di Davide non è comune. Io vado più al sodo: il calcio è diventato un circo dove tutto è manovrato, l’arbitraggio di Chieffi è solo la puntina dell’iceberg. Almeno fino a che non c’era il VAR poteva valere il beneficio del dubbio, ora è lampante che per credere alla regolarità di questo calcio bisogna avere fede (o essere ciechi o essere scemi). La logica evidenzia il contrario.

    Riguardo al calcio mi dispiace per Beppe ma continua ad evidenziare delle lacune tecniche che non possono farmi desiderare che rimanga con noi anche il prossimo anno.
    Ghezzal non è adatto,
    Chiesa non è una punta, ma non è nemmeno un terzino.
    Duncan vale più o meno Benassi.
    Ribery non può fare tutto.

    Non è possibile andare a giocare a Roma per strappare il punticino mettendo in campo il classico repertorio di tutta la stagione.
    Oh Beppe, ma se hai detto che sai giocare secondo tutti gli schemi, perché non provi a mettere in campo una squadra piena di giovani di proprietà della Fiorentina e a farli giocare serenamente? Se va male hai fatto degli esperimenti, se va bene sei un mago.
    Altrimenti non fai altro che confermare che sei l’allenatore giusto solo per chi gioca per la salvezza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.