Una buona amichevole

Siamo veramente ai titoli di coda di questo campionato. Tutti i giochi sono ormai fatti e il calcio sta rimettendosi i suoi panni abituali, ovvero quelli da calcio d’agosto. Per questo alla fine Fiorentina Bologna è stata poco più di una buona amichevole. La sconfitta di Roma ci aveva definitivamente allontanati dall’ottavo posto. Darebbe però un po’ di morale e qualche milioncino in più riuscire quantomeno a rimanere nella parte sinistra della classifica. Ad inizio stagione con Simone si auspicava di non andare oltre il secondo quarto di classifica (ovvero fra sesto e decimo posto). Forse in extremis riusciamo ad arrivarci dal basso, dopo un’altra stagione di stenti. Ma mentre lo scorso anno abbiamo terminato con le nostre azioni morali veramente al minimo, da queste ultime gare qualche segnale lo stiamo avendo. Prima di tutto conferme dal reparto difensivo. Nelle ultime 5 partite abbiamo subito tre reti, di cui una su azione alla fine della gara di Lecce (Isullo 0 – 3) e 2 su rigore a Roma. Qualche segnale in più anche sul fronte marcature, visto che in queste 5 gare abbiamo segnato 10 reti, mentre fino ad ora la media gol per noi era di 1,2 reti a partita. La Fiorentina chiude la sua stagione al Franchi con una goleada, con una tripletta di Chiesa, con qualche buon segnale come dicevamo, anche se ovviamente non è tutto oro quella che luccica. Possiamo dire subito che il problema Chiesa non è/era (solo) Chiesa. Il problema più grosso è che se ne andrà. L’altro problema importante è che dal momento che Sousa l’ha lanciato, non c’è stato un allenatore capace di dargli una sua identità. Poi Chiesa c’ha messo del suo e qui Simone un po’ di ragione ce l’ha, perché non sempre è stato determinato come lo è stato ieri. Ritornando sull’aspetto tattico, probabilmente Pioli, Montella e Iachini si sono trovati delle rose con delle lacune e con cui non hanno potuto esprimere fino in fondo la loro idea di calcio. In queste situazioni è difficile far crescere determinati profili, o magari semplicemente non ne sono stati capaci. Nella sostanza, però, arriviamo alla fine di questa stagione non sapendo dove Chiesa può dare il meglio (e lo scopriremo quando indosserà colori diversi), ma anche non avendo una idea precisa di quanto valgono Sottil e Vlahovic. In realtà, abbiamo idee confuse anche su altri giocatori: Lirona, Pulgar, Duncan, lo stesso Venuti, per non parlare di Agudelo che non abbiamo mai visto. Personalmente ho pochi dubbi su Dalbert, anche perché è il più grande fra quelli citati. Sembra sempre che viva una sua partita; se per qualche coincidenza entra in sintonia con la gara, può essere anche un elemento valido. Anche ieri però, nel primo tempo specialmente, sbagliava tutto quello che si poteva e non si poteva sbagliare. A me non dispiace invece Lirola, perché ha un modo “moderno” di interpretare il ruolo di esterno, sa entrare anche dentro il campo, sa entrare in area di rigore. E tutto sommato in un paio di partite da titolare, compresa quella di ieri, non mi è dispiaciuto Venuti, che forse ha maggiori attitudini difensive, ma sa comunque proporsi in avanti. Pulgar per me è timido e gioca con poca autorevolezza. Anche ieri è capitato più volte che gli stessi difensori lo abbiano ignorato, impostando loro. Questo significa mancanza di personalità. Altra cosa notata/confermata ieri è la tipologia di gioco. Premesso che non si è visto niente di eccezionale, è evidente che il gioco ha cercato di essere più fluido, con un palleggio spesso a due tocchi (a parte qualche strappo di Castrovilli o sulle fasce) e la ricerca della profondità. Cosa completamente diversa rispetto a quando c’è Ribery in campo, dal momento che richiede spesso la palla sui piedi. Sono due idee di calcio diverse. Non penso che la prima escluda a priori Ribery, ma il nuovo tecnico dovrà valutare bene queste due ipotesi, partendo prima di tutto dalla posizione adeguata del francese.

Per quanto mi riguarda, trovando un simil Lirola (o anche meglio) a sinistra, con Castrovilli e Amrabat mediani/mezzale, Ribery regista e una bella punta da affiancare a Kouame/Cutrone, avremmo una Fiorentina niente male. Questo dando per scontato la partenza di Chiesa e rimanendo con il dubbio: cosa facciamo con Vlahovic?

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.