Beppe Iachini! Scelta aziendale

E alla fine Beppone Iachini l’ha spuntata e rimane sulla panchina viola anche il prossimo anno. Come da contratto. Si, perché questo è il primo elemento da tenere in considerazione per definirla una scelta aziendale. Tutti dicono che è stata una scelta di Commisso. Però non dobbiamo fare l’errore nel valutarla una scelta di cuore, empatica e, alla fine, penso neppure economica. Questi aspetti Commisso li ha valutati semmai nella scelta a dicembre del tecnico. Quella di ieri per me rimane una scelta aziendale a 360°. E’ stato siglato un contratto a cui sono stati associati degli obiettivi. Facile immaginarsi che fra questi ci fosse una salvezza tranquilla. Obiettivi raggiunti, contratto ancora in essere, spogliatoio (ovvero i soggetti che devono lavorare per l’allenatore) compatto, senatori (che devono essere i primi a trasmettere i messaggi del capo) allineati. In un completo spirito aziendale, Commisso ha voluto dare continuità a tutto questo, non creando nessun tipo di frattura ed evitando salti nel vuoto, specialmente in un anno molto particolare come questo. Cosa che è successa anche al Milan. Proprietà straniere, che ancora vogliono attenersi ai principi della gestione aziendale e non se la sentono di entrare completamente nelle strane logiche del mondo calcio. Entrambe le società hanno valutato che in questa fase meglio ambire ad un miglioramento incrementale, poggiando sulle basi costruite dagli attuali tecnici, piuttosto che cercare un salto di qualità magari potenzialmente più alto, ma senza punti di appoggio. Siamo infatti in una situazione diversa dall’arrivo di Prandelli o dal primo Montella, dove comuqnue tutta la squadra andava rifondata. Questa Fiorentina ha una base valida, un progetto secondo me valido, che poggia su una linea molto giovane e su innesti di esperienza mirati.

Detto questo, gli esperti del settore, i media e soprattutto noi tifosi ragioniamo su parametri diversi. Valutiamo quello che vediamo in campo e soprattutto possiamo immaginarci un futuro sempre migliore. Specialmente nella fase centrale della gestione Iachini sono stato il primo a criticare il tecnico (pur premettendo la situazione strana e difficile che tutti hanno dovuto gestire). Non entusiasma, questo è poco ma sicuro. Iachini è un uomo di campo e non mediatico. Lavora sugli avversari come sulla sua squadra. Per questo spesso non traspare la sua idea di calcio. Per questo appare spesso più difensivo che offensivo. Per questo sono (stato) il primo ad auspicare qualcosa di meglio. Certo no di cambiare tanto per cambiare, cosa ricorrente nel calcio. Sinceramente Di Francesco, ma anche gli stessi De Zerbi, Gianpaolo e peggio ancora De Rossi mi avrebbero lasciato perplesso. Juric poteva essere una tentazione a costo contenuto. Per il resto, dovevamo andare su profili diversi, che forse non è il momento giusto adesso per farli atterrare a Firenze.

E allora, che Beppe Iachini sia. Non mi fa impazzire, diciamo che non mi ha convinto, però non ha sbracato, ha saputo ricompattare ambiente e soprattutto ha convinto Commisso. Ora mi aspetto un mercato di qualità, ma molto mirato, con poche cessioni importanti (penso che la Fiorentina ne farà una, per fare 2/3 acquisti di valore). Per il resto, forza Iachini e alè Viola.

1 Commento

  1. La maggioranza dei tifosi che ragionano (che sono la minoranza) la pensano come te. E io mi allineo.

    Diciamo che Beppe è riapartito dalle basi, ha rinsaldato il gruppo ed ha imbastito una squadra che punta a difendere.

    E’ evidente che far giocare Chiesa (che sia buono o meno) in quella posizione è un successo dell’allenatore, così come vedere Ribery sorridente.

    Per il gioco aspettiamo i giocatori, tre pezzi buoni, ma buoni davvero e lottiamo per qualcosa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.