Decimi… pretendiamo altro

La Fiorentina vince anche a Ferrara in una gara ovviamente inutile, ma che che ci conferma al decimo posto in classifica. Nel maledetto anno di transizione, possiamo dire che i viola raggiungono quello che era l’obiettivo minimo, ovvero lato sinistro della classifica. I tifosi ad inizio anno speravano in qualcosa di meglio. Dopo il lockdown che ha visto la Fiorentina fra le squadre più colpite e dopo la debacle contro il Sassuolo i tifosi hanno temuto però anche il peggio. E alla fine, pur avendo passato un giugno difficile, Iachini in 21 gare è riuscito a fare una media di 1,52 punti a partita. Una media che ci avrebbe traguardato nell’intero campionato a 58 punti, ovvero ampiamente all’ottavo posto e a pochi punti dalla zona uefa. Senza quindi la disgrazia Montella (così l’ha chiamata oggi Rocco) l’anno di transizione ci avrebbe messo veramente in rampa di lancio per il prossimo anno. Il giorno dopo la fine di questo campionato anomalo, a valle anche della conferenza di Commisso, si consuma però il primo disallineamento fra la proprietà americana e il popolo viola. Commisso dice che i soldi non sono un problema: però li vuole investire e non buttare al vento o peggio metterli in un sistema che poi ridistribuisce a pochi. E non è solo un problema di fair play finanziario, che i (presunti) ricchi sono i primi a disattendere. Il tempo delle sue promesse è finito e ora attende il tempo dei fatti da parte degli interlocutori politici. Così come non vuole disattendere i principi aziendali fondati prima di tutto sulla cultura del lavoro. E da questo punto di vista Commisso snocciola una serie di risultati ottenuti da Beppe Iachini, fregandosene dei giudizi estetici sul suo gioco, sul suo modo di fare calcio. Che tanto, alla fine ognuno la pensa a modo proprio. Noi tifosi però ci troviamo oggi decimi e in barba ai comandamenti del calcio, pretendiamo altro. Commisso si confronta con altre proprietà, compresa quella dei Della Valle, dice che come esordio nessuno ha fatto meglio e chiede tempo. I tifosi si specchiano alla loro storia e pensano che si può dare di più. La ragione non è solo da una parte. Però oggi sarebbe complicato immaginarsi una proprietà migliore. La guida tecnica non accende la fantasia, ma è molto legato alla causa viola e ha lavorato comunque bene su un gruppo che ha dei valori. Forse è finita la luna di miele con Commisso &Co, ma è ora di avviare un percorso da fare fianco a fianco nel rispetto reciproco e alla ricerca di soddisfazioni.

1 Commento

  1. Guardando la classifica a bocce ferme siamo a 49 punti, il Sassuolo che è ottavo a 51 e poi il Napoli, in Europa, a 62. Con poco sforzo, con meno errori marchiani e con un pizzico di fortuna in più potevamo essere al posto del Sassuolo e quindi primi degli ultimi, cioé primi di quelli fuori dall’Europa.

    Però, però… lontani dall’Europa oltre 10 punti e mai in gara per starci, né in campionato, né in coppa Italia.

    Secondo Rocco abbiamo fatto il massimo. Lui, la società, ha fatto il massimo ed ha fatto megli di altri presidenti ora alla guida di società più blasonate. Questo non lo so e non ho voglia di indagare, ma è certo che Rocco abbia fatto meglio dei DV, perché i DV arrivarono in serie C2 e quando arrivarono in serie A potevano/dovevano aver già capito come funzionavano i giochini, invece lo capirono, a loro/nostre pesantissime spese, solo dopo calciopoli.

    Quindi Rocco, per me, va bene così. L’inizio è stato un inciampo pieno con Montella e, a quel punto, con l’esonero deciso in ritardo e l’Europa già lontana, con Iachini ci siamo tirati fuori dalle guisciaie e quindi abbiamo concluso in ripresa. L’errore fu la riconferma di Montella, speriamo che quell’errore abbia insegnato qualcosa e con Iachini non succeda la stessa cosa. Cioé che ci siano delle ragioni più serie, più oggettive alla base della scelta di Iachini che non quella “c’era già”.

    Ai giornalai non è piaciuto essere chiamati per nome e infatti la guerra mediatica, la protesta sotterranea è già iniziata, la Fiorentina pare che stia smobilitando tutto e i tifosi, la maggioranza che non ragiona, sono in subbuglio. Il mercato, che non so quando finirà, sarà decisivo per l’umore di molti.

    Il mercato caro Rocco, l’anno scorso su suggerimento di Montella sono arrivato calciatori alla frutta, quest’anno guardiamo di infilare un paio di colpi buoni per davvero e di confermare la Fiorentina non vende. (Stadio permettendo)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.