Prima, dieci, mille

E’ toccato a Fiorentina-Torino inaugurare il primo campionato partito in era Covid. E visto anche il gemellaggio fra le due squadre e la festa che poteva essere, ha fatto ancora più effetto lo svolgersi della gara con zero spettatori. Magari fa un po’ rabbia che la decisione del governo di aprire gli stadi a 1000 spettatori sia arrivata mentre le due squadre erano in campo. Sarà un campionato strano, da vivere alla giornata. E intanto è importante che alla prima di campionato sia arrivata subito la prima vittoria della Fiorentina. Una vittoria cercata, meritata ma certamente non semplice. A metà del primo tempo sembrava anzi quasi che la squadra di Giampaolo stesse imbrigliando un po’ i viola. Complice anche un centrocampo sottotono, lento e impreciso nelle idee di gioco. Premesso che facevano 30 gradi, Duncan è stato buono a far filtro ma un po’ impacciato alla regia. Castrovilli in chiara difficoltà fisica e anche oscurato dalla vicinanza a volte asfissiante di Ribery. Bonaventura alla ricerca della posizione e del passo giusto, ma ancora indietro di condizione. Certo la squadra di Iachini, a parte in una occasione un po’ estemporanea dove ha fatto una buona parata Dragowski, non ha corso mai pericoli. Questo grazie alla sicurezza del reparto difensivo con un ottimo Milenkovic e Ceccherini che ha sostituito bene Pezzella. E grazie anche alla compattezza della squadra nel cercare di non far giocare il Torino e recuperare velocemente la palla. Per quanto riguarda le azioni offensive, ecco invece il Biraghi che non ti aspetti. Grazie anche al supporto di Ribery da quella parte, il terzino viola per oltre un’ora ha spinto in continuzione, ha messo 3/4 palle d’oro in area di rigore. E qui da sottolineare la prova di Kouamè, eccellente a saltare e prendere il tempo agli avversari, ma un po’ frenetico e impreciso nelle conclusioni. Anche se Sirigu ha fatto un paio di inteventi veramente ottimi. Questa combinazione potrebbe però essere un tema interessante per la nuova stagione. Dall’altra parte molto in ombra Chiesa, anche poco aiutato da Bonaventura.

Nel secondo tempo il dominio della Fiorentina è stato assoluto, ma non era facile trovare gli sbocchi giusti. C’era riuscito proprio Biraghi, ma un tocco poco provvindenziale quanto inutile di Bonaventura lo aveva messo in fuorigioco. Ad un certo punto Chiesa ha cambiato un po’ marcia e anche Castrovilli ha preso un po’ più la scena, forse anche per il calo eveidente di Ribery. E da un’azione di forza e tecnica di Chiesa sulla destra, nasce il cross perfetto proprio per Castrovilli. Prima da dieci, prima rete. Un buon segnale. La Fiorentina avrebbe potuto anche raddoppiare e al Torino ha concesso solo un paio di ripartenze per errori di appoggio macroscopici di Ribery prima e Biraghi dopo e per questo direi non strutturali.

La prima vittoria in campionato con il gol del nostro numero dieci coincide con la vittoria mille al Franchi. Tre motivi per festeggiare una buona partenza. Sembra che questa squadra abbia buoni argomenti per fare un buon campionato. Ci sono sicuramente degli aspetti su cui lavorare. In attesa di capire se avremo o meno un vero regista, per me il problema più evidente è che RIbery in quella posizione oscura comuqnue la mezzala sinistra. E siccome nel caso specifico si chiama Castrovilli, mi sembra un bel peccato. Kouamé sembra avere nelle corde tanti bei gol. Ma non sappiamo quando inzieranno ad arrivare con continuità. E allora, visto che adesso entra in gioco Amrabat, perché non provare a fare una scommessa con Ribery e farlo giocare veramente regista avanzato, liberando il posto per una vera punta da affiancare a Kouamé? Il francese fra l’altro in campo pressa, rincorre, non si risparmia e quindi finché ha fiato non è un peso per la squadra. E con le 5 sostituzioni e un Borja in panchina il gioco sarebbe fatto.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.