Chi scaglia la prima pietra?

A Roma la Fiorentina non ha fatto che confermare il trend delle ultime gare. Ha giocato i primi 10 minuti, poi è sparita dal campo. Con la differenza che questa volta non è riuscita a fare subito due reti e in compenso ha rischiato di subirne molti di più dei due realizzati dai giallorossi, fra l’altro con una facilità imbarazzante. Non c’è stata la goleada (che fu invece determinante per Montella lo scorso anno) grazie a Dragowski, uno dei pochi a mantenere una certa lucidità. Ovviamente tutti fin dal dopo partita si sono scatenati (giustamente) contro Iachini. Ma la domanda che mi pongo è: chi scaglia la prima pietra? A parte tifosi e giornalisti che per definizione hanno sempre ragione, in Fiorentina sono pochi purtroppo ad essere esente da colpe. E partire prima di tutto da chi va in campo. Errori come quelli di Caceres e di Martinez Quarta, che sembra venuto da Marte, piuttosto che dal River, sono inspiegabili. Inspiegabile è pure la prestazione di Bonaventura e l’atteggiamento delle punte quando entrano in campo. E’ evidente che c’è un problema anche nella testa dei giocatori. Non so se c’è, invece, abbastanza personalità nello spogliatoio per risolverlo. Prima si pensava che Chiesa destabilizzasse. Forse certe presunte azioni di mercato hanno delegittimato anche Pezzella e lo stesso Milenkovic. Fatto sta che nessuno dei viola si è preso la responsabilità di parlare a nome dello spogliatoio. Poi c’è Iachini. Su questo ho visto si è sbizzarrito anche Simone, con un articolo fra l’altro pienamente condivisibile. In questo momento probabilmente riesce a sbagliare tutto quello che si può sbagliare, dalla posizione di Amrabat, alla scelta di Quarta invece di Igor, alla posizione di Bonaventura, alle ali finte punte e le punte finte ali. E’ in confusione totale, in cui mi sembra che l’unica logica sia quella di non scontentare i giocatori senior, mettendoli tutti in campo, però in modo sbagliato. Tutti hanno detto un po’ tutto su questo. Vorrei allora aggiungere una cosa su Ribery. Un bravo allenatore dovrebbe dare un gioco tale, far correre la squadra in modo tale, far correre la palla in modo tale, che un fuoriclasse come lui dovrebbe solo poter dare classe a tutto questo, un po’ come ha fatto Totti nella Roma negli ultimi anni. Invece sembra a volte che corra solo lui, che vada a cercare la palla solo lui, che vada a prendere la palla da compagni che non sanno come giocarla. Ovviamente la pietra gira e si arriva a Pradè. Premesso che Amrabat rimane per me un ottimo acquisto, se siamo stati un anno a dire che Pulgar non ci piaceva molto come regista, perché Bonaventura si e un regista no? E se come dice lui, a Callejon si era pensato subito, indipendentemente da Chiesa, perché abbiamo aspettato ultimissimo giorno di mercato a prenderlo, in evidente ritardo mentale e fisico. E soprattutto se non era lui sostituto di Chiesa, perché lasciar andar Chiesa e anche Sottil? Abbiamo accusato poi Corvino di aver speso soldi a caso per i terzini, avendo preso Gaspar, Maxi Olivera, Biraghi. Per i tre ha speso poco più della metà dei soldi spesi per Lirola… e meno male abbiamo almeno ripreso Biraghi. Per non parlare poi della situazione punte, in cui siamo riusciti come sempre ad avere tre giovani promettenti ma insicuri. Se penso che la nostra coppia poteva essere Muriel-Simeone mi verrebbe da mangiarmi le mani… poi penso che era roba di Corvino e allora qualcosa di male ci doveva essere in questi giocatori. Si arriva infine a Commisso. Per due volte ha voluto forzare la mano sul tecnico. Per due volte ha sbagliato. Avevo scritto già in estate che Commisso si comporta da manager di azienda. Purtroppo il calcio è un’azienda strana, se non altro perché il vento cambia nel giro di poche settimane, anche di pochi giorni se si gioca spesso. E allora, chi scaglia la prima pietra? I giocatori non stanno prendendo una decisione e Iachini non mi sembra voglia mollare… anche perché di Pioli ce n’è uno solo. Anche Pradè a questo giro non si è fatto sentire. Non so se anche Commisso vuole starsene ancora con la pietra in mano. Visto che dopo il Parma c’è un’altra pausa, potrebbe prendere ancora un po’ di tempo. Però ad oggi veramente niente fa sperare che la stagione della Fiorentina possa raddrizzarsi senza scagliare pietre.

1 Commento

  1. Questo articolo l’ho letto ora ma mi piace molto.

    Sottolineo:
    1 – l’unica logica sia quella di non scontentare i giocatori senior
    Si, si, si. Iachini, da allenatore di bassissima personalità, gli unici che non vuole scontentare sono i giocatori di alto rango

    2 – Pradé racconta un sacco di fregnacce. Di Simeone disse per tutta l’estate che avrebbe brucato l’erba, poi lo vendette. L’ha venduto lui o l’ha mandato via Montella?

    3 – Commisso ha già sbagliato due allenatori, e Prandelli chi l’ha scelto?

    4 – Manca qualcuno che dentro lo spogliatoio abbia la personalità per prendere in mano la squadra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.