La Fiorentina dalle belle Ciglia

In questi giorni in cui Iachini sta cuocendo piano piano sulla graticola e tutto il resto del mondo viola sta proponendo allenatori più o meno proponibili, mi sono venute in mente le copertine di alcuni album calciatori panini di fine anni 70 inizio anni 80, in cui la Fiorentina veniva rappresentata come una giovane bionda e ammiccante… chissà perché poi. Da qui il paragone con la Fiorentina dalle belle ciglia, che nessun allenatore si piglia. Fatta la considerazione umoristica, si passa alla riflessione amara. Qualcosa che ci sta più o meno accompagnando dal dopo Sousa. Nel bene e nel male la scelta del tecnico portoghese fu una scelta precisa, della direzione tecnica, con l’idea di evolvere un progetto di gioco. Da quel momento in poi, ho avuto sempre la sensazione che ci sia qualcosa, qualcuno che pone una serie di potenziali candidati, da quelli più allettanti a quelli più improponibili. E sembra sempre che tutti abbiano reali aspirazioni verso la Fiorentina dalle belle ciglia, ma alla fine la scelta lascia sempre con l’amaro in bocca. E viene il dubbio che le scelte le hanno fatte soprattutto gli allenatori che hanno rinunciato.

Certo a questo giro abbiamo veramente di tutto di più: mariti con cui si è già formalizzato il divorzio, ma che continuano ad ammiccare, come Prandelli e Sousa. Certo il tempo annacqua le ruggini ed enfatizza i bei ricordi. Sarà allora che per Sousa non è passato così tanto tempo… ma veramente eviterei. Ovviamente ci sono separati in casa, nel caso specifico Montella. Un modo per far completamente dimenticare il ricordo di Zamparini nel calcio. Diciamo non una bella impresa. Ci sono anche i virgulti, che fino a pochi mesi fa pensavano ai ragazzini (in senso calcistico ovviamente), poi di punto in bianco primavera e ora magari prima squadra, alias Aquilani. Forse è bravo davvero, ma eviterei lo stesso. Poi ci sono “i belli e impossibili”, quelli per cui forse si rimane amanti “a solo” per sempre. Ovvero gli Spalletti, i Sarri, perché no, Allegri, visto che stiamo parlando di toscani. E a proposito di toscani, c’è anche chi a Firenze ci verrebbe davvero, però avrebbe preferito farlo un po’ più in pompa magna, come Mazzarri, o magari aspettando giorni migliori, come Semplici.

Insomma, abbiamo fatto una decina di nomi, per i quali tutti ci chiediamo come potremmo fare a prenderli, quando potremmo prenderli. Mi sembra che di nuovo però si stia dimenticando la domanda più importante: perché! Possibile trovarsi ancora a cercare qualcuno che voglia prendersi questa Fiorentina dalle belle ciglia e non riuscire a cambiare paradigma, dove invece la Fiorentina invece sceglie il PROPRIO allenatore, con una logica di progetto tecnico, avendo chiari gli obiettivi, sia in termini di risultati, sia di immagine?! La Fiorentina dei Della Valle c’è riuscita tre volte, con Prandelli, Montella e Sousa. L’era Commisso si trova ancora nella palude e mi viene il dubbio che il primo vero cambio debba essere fatto nella direzione tecnica.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.