Che amarezza

Iachini non ammette la sconfitta. Non è il solo di questi tempi. Sconfitta di fatto non c’è stata, ma come direbbe il vecchio Cesaroni: che amarezza! Iachini ha cercato di immettere un pò più di fervore in un modo di gioco però sempre compassato, ripetutamente e instancabilmente uguale a se stesso. Un po’ di passaggi in orizzontale, qualche passaggino in verticale e palla a Ribery. Ogni tanto qualche cross di Biraghi, altrimenti è sempre e solo Ribery a provare ad entrare in area di rigore ed essere pericoloso. Sicuramente i giocatori della Fiorentina erano stati anche ben catechizzati nel non sbilanciarsi eccessivamente, perché d’altro canto il Parma ha deciso di non giocare e di aspettare nella propria metà campo per innescare appena possibile le frecce davanti, che proprio nelle praterie lasciate vuote si esaltano. Ovviamente ognuno si difende con le armi che ha. E noi? Sicuramente nella Fiorentina ci sono delle qualità e il vecchio 3-5-2 permette di creare pericoli dalle fasce se non ben contenuto. E per questo che squadre da un certo livello in giù giocano con “molto rispetto” della Fiorentina. Fatto sta che con quelli forti alla fine subiamo, con quelli come noi e più deboli, le squadre giocano prima di tutto per intercettare e disinnescare Ribery e il gioco sulle fasce. Ed è per questo che la squadra di Iachini stenta. Perché non riesce ad uscire da questo canovaccio. Chissà se con Callejon Iachni avrebbe provato qualcosa di diverso. Con Pulgar si è visto di nuovo un regista e un Amrabat un po’ più libero di variare, di correre in lungo e in largo. Rimane il problema però che Pulgar è un regista molto didattico. Rimane secondo me il problema che Castrovilli non ha una posizione ben definita e continua a pestarsi i piedi con Ribery, che poi diventa il vero regista. E così si lascia solo davanti Koumé, che ha fatto vedere anche qualche movimento interessante, ma viene molto spesso sopraffatto da dopplia, tripa, quadrupla marcatura. Per Iachini è mancato l’ultimo passaggio, il guizzo finale. Ma la sensazione è che la Fiorentina faccia molta fatica ad arrivare nelle condizioni di fare un ultimo passaggio determinante.

Purtroppo la sensazione è che Iachini davvero non abbia la forza per cambiare questa grigia tendenza e non farci vivere una stagione in amarezza. D’altra parte in questo momento non vedo possibili salvatori della Patria. Preferirei allora che la Fiorentina scegliesse (o magari avesse già scelto) il suo allenatore per il prossimo anno, uscendo dalla logica del casting da talent che serve solo per fare notizia e audience sui media. E accetterei di vivere un’altra stagione anonima, evitando di buttare un altro allenatore nella fossa dei leoni, rischiando di ritardare per l’ennesima volta l’avvio di un progetto tecnico che ci possa contraddistinguere in Italia e, quanto prima, anche in Europa.

1 Commento

  1. Evito di scrivere qualsiasi cosa sulla partita di Parma. Le dichiarazioni di Iachini mettono di fronte a due possibilità: o c’è o ci fa. Ma sopratutto: sotto il cappello che c’è?

    Dire che Sepe è stato il migliore del Parma è un insulto all’intelligenza di noi tifosi. Iachini l’anno scorso ha fatto bene, operare in situazioni di emergenza per salvarsi ad ogni costo è il suo ambito. Guidare una squadra con ambizioni almeno da parte sinistra della classifica è più grande di lui. Ciao Beppe, ti vorremo sempre bene, ti ricorderemo come un grande mediano di rottura che una volta ripresa palla aveva bisogno di affidarla subito al compagno dotato di miglior tecnica e maggior visione di gioco. Lo stesso che hai dimostrato da allenatore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.