La voglia di Prandelli

Com’era ormai inevitabile, la storia di Iachini sulla panchina viola è giunta al capolinea… almeno per ora, visto che da queste parti una seconda volta non si nega a nessuno. Quando arrivi alla fine di una storia con un personaggio a cui, comunque vada, vuoi bene, viene subito da chiedersi se valeva la pena partire. Sicuramente non valeva la pena ripartire ad agosto con Beppe, perché come dice giustamente Simone, il suo lo aveva già fatto. Commisso però è uomo delle opportunità, questo dobbiamo impararlo, perché la sua storia è stata un’enorme opportunità. E penso imparerà a darle anche nel calcio in modo appropriato. E ora tocca a Prandelli, che certo non arriva nel momento migliore della sua carriera. Anzi, lasciato Firenze ormai dieci anni fa all’apice della sua carriera, ritorna alla Fiorentina per giocarsi l’ultima opportunità per fare qualcosa di importante. La scelta è sembrata quasi obbligata, perché nomi come Montella, Sousa, Aquilani erano improponibili. Mazzarri sarebbe stato un azzardo molto grosso. Il tecnico di San Vincenzo è sempre accompagnato da questa sua rabbia di fondo con il mondo, che per tanti anni ne ha caratterizzato i suoi successi. Oggi, in questa situazione, a Firenze, potrebbe essere negativamente devastante. E mentre oggi Sarri e Spalletti sono solo delle suggestioni, non mi sarebbe dispiaciuto Semplici. Ma concordo che sarebbe stato rischioso… per entrambi.

Ed ecco allora Prandelli, uomo serio, professionista serio, persona preparata, che ha visto calcio anche a giro per il mondo, veramente innamorato di Firenze. Difficile dire a priori che sia una scelta sbagliata. Ma il tecnico di Orzinuovi ha comunque due handicap da cui partire: un passato ormai remoto da assoluto protagonista a Firenze, dove però i cavalli di ritorno hanno quasi sempre fallito, e un recente passato con veramente poche soddisfazioni. In tutto questo giocheranno un ruolo fondamentale due aspetti, che possono essere sintetizzati con una sola frase: la voglia di Prandelli. Voglia di Prandelli intesa come volontà del popolo viola di accoglierlo di nuovo sulla panchina della Fiorentina. Ho dato un’occhiata ai sondaggi di violanews: su quasi 5000 votanti, siamo all’85% di pareri positivi. Penso solo Antognoni a Firenze possa raggiungere questi valori. A Firenze c’era grande voglia di Prandelli. Questo consentirà al tecnico e alla squadra, almeno per un po’, di lavorare con non troppo stress. C’è poi il secondo aspetto. In uno scambio di messaggi con Simone, si augurava che Cesare abbia ancora mordente e voglia di fare l’allenatore. Questa voglia di Prandelli sarà ancora più determinante. Stamattina si legge che ha accolto con commozione la telefonata di Commisso. Forse veramente ha sempre ritenuto dentro di se che la storia con Firenze fosse stata interrotta e non conclusa. Forse avrebbe voluto veramente concretizzare qui il suo percorso da allenatore. Se c’è veramente questa rabbia, una rabbia positiva e non amara come quella di Mazzarri, c’è speranza che possa essere di nuovo l’allenatore giusto e deve esserlo almeno oggi senza pensare a giugno, a Sarri, a Spalletti o qualsiasi altro.

1 Commento

  1. Un super-mega-top giornalaio durante l’intervista ha incensato Prandelli dicendo che la sua Fiorentina aveva “furore agonistico”.

    Ma qui vogliono prenderci tutti per i fondelli? La Fiorentina di Prandelli, di tutte le qualità possibili e immaginabili sulla terra per una squadra di calcio, tutto aveva meno che furore agonistico.

    Ammetto che ai suoi tempi alla Fiorentina fece bene, certo il miglior allenatore dell’era Della Valle, forse anche quello con la miglior rosa. Ma oggi?

    Lasciata la Fiorentina ha avuto un buon successo agli Europei del 2012. Quella Spagna era davvero troppo forte per tutti e la medaglia d’argento può essere considerato un successo. Poi è stato un cammino tragico, un vero e proprio lazzaretto.

    Io non sono contento, ma non vedo l’ora di vederlo all’opera. Noi tifosi siamo fatti così…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.