Alea iacta est

Cesare

E lo so, non sono originale, ma Cesare è Cesare e anche questo dado ormai è tratto, sarà lui l’allenatore della Fiorentina per, si spera, il resto del campionato.

Domani, contro il Benevento, si riparte con lui in panchina dieci anni dopo. Che Fiorentina sarà? Che Cesare sarà?

Intanto è stato un Cesare che in conferenza stampa non ha insistito sui discorsi di gioco, sul legare i reparti, sui movimenti, gli schemi, le supercazzole o l’autoincensarsi. E’ stato un Cesare molto pacato, che conosce tutti i giornalisti, che in questi dieci anni non ha raccolto molto sportivamente ma sembra aver raccolto tanto in sicurezza e autostima. E’ innegabile che sia circondato da una certa aureola di autorevolezza che mancava da tanto. Basterà?

Tecnicamente non ha detto praticamente niente, ma ha parlato di cattiveria e voglia di vincere. Basterà?

Io domani me la guardo, a mezzogiorno sarò sicuramente davanti alla tv, curioso di vedere la formazione. La mia non la metto, faccio anche questo sacrificio, ed è grosso. Basterà?

Ma quello che davvero mi interessa è: il nostro Cesare, riuscirà prima o poi a passare il Rubicone?

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.