Neppure Mandrake…

E dopo due settimane in cui l’ambiente si era un po’ ricaricato con il ritorno di Prandelli e riacceso con buoni propositi di tutti, è arrivata la neopromossa Benevento a rifarci precipitare nella depressione e soprattutto ai limiti della zona retrocessione. Un po’ tutti, stampa, tifosi e dirigenza sperano che il mago di Orz trovi il bandolo della matassa e rimetta in carreggiata questa squadra. Ma con la Fiorentina vista oggi non ce la può fare neppure Mandrake… e sarà anzi occasione per bruciare un altro allenatore, dopo Montella e Iachini. E buttare via un altro anno. Prandelli non ha stravolto la squadra, almeno negli interpreti, andando però a fare aggiustamenti tattici attesi (e auspicati), ovvero: difesa a 4, due mediani (Amrabat e Duncan), Castrovilli libero di svariare da sinistra a destra andando a dialogare rispettivamente con RIbery e Koaumé. Vlahovic preferito a Curtrone. Il problema è che per un’ora la Fiorentina, come a Parma, ha giocato con una compassatezza imbarazzante. Solo Castrovilli ha provato ad alzare il ritmo, subito però chiuso con raddoppi multipli. Ribery ha potuto giocare più vicino all’area di rigore ed in un paio di occasioni avrebbe essere più incisivo in 1 contro 1, ma ha dimostrato di non essere in condizione. Per rimediare ad un errore non da lui si è pure fatto male. Kouamé e Vlahovic inguardabili e soprattutto ingiustificabili. Giocano davvero con una superficialità che ormai non si vede più neppure nei campetti di periferia. E a parte il fatto che sembra abbiano sempre il corpo messo male rispetto al pallone, con i loro fisici è davvero inspiegabile perché debbano cadere al primo contatto e comunque perdere sistematicamente ogni duello. Su Kouamé penso (spero) ci posssa lavorare Prandelli. Vlahovic secondo me invece ha bisogno di andarsi a fare 40 partite da titolare in una squadra di B, dove possa imparare a prendere e difendersi da botte continue alle caviglie. Duncan e Amrabat in mediana sono stati vittime/carnefici della lentezza del gioco della Fiorentina. Difficile dire dove finisce il loro limite in termini di regia e dove inizia la passività di tutti gli altri. Dopo lo svantaggio si è provato a giocare a ritmi più alti, però le condizioni di Pulgar (entrato al posto di Duncan) erano veramente al di sotto dell’accettabilità per una gara di serie A. E tutti hanno dimostrato una condizione fisica non eccellente. Ovviamente i problemi non vengono mai soli e insieme al piattume del gioco viola si è aggiunto l’errore grossolano di Biraghi che ha scaturito il vantaggio del Benevento, che da quel momento ha anche meritato la vittoria. La Fiorentina ha concluso con 1 tiro in porta.

Dalle ultime prestazioni dei viola risulta veramente macrospica la necessità di un regista e di una punta di peso. Come risulta inspiegabile secondo me la partenza di Sottil in coppia con quella di Chiesa. Ed è davvero difficile adesso valutare positivamente gli acquisti di Pulgar, Duncan, Lirola e lo stesso Cutrone. Si può capire quindi perche oggi Pradé fosse di umore nero. La speranza è che non sia tutto così negativo come sembra in questo momento. Sicuramente sarà necessario che Cesasone mago di Orz si metta subito i panni di Mandrake.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.