Piccoli segnali da uomini piccoli

Ieri è stato il giorno degli uomini piccoli, se n’è andato il più grande, e il nostro numero 28 ci ha regalato la qualificazione in Coppa Italia.

Ho visto la partita a tratti quindi non la posso giudicare bene. Certamente mi è parso che con un centrocampo formato da quattro centrocampisti veri si riesca a fare più gioco.

Di sicuro Prandelli non cambierà centravanti molto presto, a Vlahovic saranno concesse almeno altre 5/6 partite, ma al ragazzo farebbe bene un bel bagno di umiltà e un campionato intero in una squadra meno blasonata. Ieri ha sbagliato un altro gol capolavoro, ma non l’ha sbagliato perché ha concluso male, l’ha sbagliato perché ha controllato male la palla. Esattamente come successe a Milano contro l’Inter. Vlahovic, come tantissimi che giocano in serie A, non riesce ad essere confidente con la palla.

Due cose mi hanno fatto molto piacere, la prima che Prandelli abbia provato Lirola esterno alto, potrebbe essere una soluzione umile per affrontare squadre più blasonate di noi. La seconda che Cutrone abbia offerto l’assist a Montiel. Vorrei che, con Prandelli allenatore, 6/7 partite a fila da titolare come centravanti fossero offerte proprio a Cutrone.

Vorrei spendere anche una parola su Kouamé che forse non sarà un centravanti, ma che non mi sembra nemmeno un’ala, però si sacrifica e qualche intuizione buona ce l’ha.

A questo punto mi pare che la struttura portante della Fiorentina di Prandelli si possa delineare in una difesa a 4, dove l’unico punto fisso è Milenkovic, 3 centrocampisti fissi che sono Amrabat, Castrovilli e Pulgar, dai Cileno che devi migliorare, un centravanti che dovrebbe essere Cutrone, e poi due uomini da scegliere tra Kouamé, Ribery, Calleon, Bonaventura, Duncan, Borja e, perché no, Lirola come ala destra, per dare un’impostazione più o meno offensiva alla squadra. Per piacere Saponara ed Eysseric mai più.

Un pensiero commosso e sincero per Diego Armando Maradona, che ci ha emozionato tutte le volte che scendava in campo. Che in cielo trovi la pace che non ha avuto in terra.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.