Reazione

In partite come Udinese-Fiorentina, dove ci si gioca gli ottavi di finale in turno secco, alla fine la cosa che conta maggiormente è vincere. La Fiorentina ha vinto e già questa è un’ottima notizia, perché ci consente di andare avanti nell’unica competizione che può portarci qualche soddisfazione. Questa partita poteva rappresentare però un pericoloso punto di rottura. La squadra era chiamata a dare un segnale dopo le ultime prestazioni inguardabili e il j’accuse di Prandelli. E devo dire che una reazione c’è stata. Niente di eccezionale, però si è visto un po’ di carattere. La squadra è stata in partita dall’inizio alla fine. E alla fine si è visto anche un po’ di gioco. Concordo con Simone che i 4 centrocampisti hanno contribuito a dare maggior senso alla manovra. Lo hanno fatto, secondo me, grazie ai seguenti fattori: maggiore movimento senza palla, più densità intorno alla palla e tentativo/capacità di cambiare gioco con il lancio. Se non hai palleggiatori eccelsi come il Barcellona di Guardiola, sono questi gli elementi che possono contribuire a velocizzare il gioco, creare superiorità e quindi occasioni. E oltre all’importanza del regista basso, in tutto questo ha spesso giocato un ruolo importante Borja Valero. Spero che anche Bonaventura sia in grado di svolgere questo ruolo. Riguardo alle punte, devo dire che la prova di Vlahovic è stata molto diversa dalle precedenti e sicuramente più convincente. Ha cercato sempre di accorciare, ha lottato, si è creato e ha avuto occasione di segnare. Questi sono secondo me aspetti incoraggianti. Siccome le qualità tecniche ci sono, unica cosa è che per ragazzi di 20 anni bisogna saper attendere che l’incertezza di oggi, il controllo sbagliato, la mancanza di freddezza davanti al portiere si trasformino piano piano in prestazioni e reti da vero centravanti. E’ per questo che dovremmo farlo crescere dove può giocare e sbagliare con meno pressione. E dare in effetti spazio a Cutrone. E come Simone, anche io ho abbastanza fiducia in Kouamé, che però deve giocare insime e vicino ad una punta vera. Con un centrocampo più equilibrato e con un Pezzella ritrovato, secondo me ritroveremo anche una difesa di un certo valore, perché gli interpreti sono tutto sommato buoni. A differenza di Simone, non mi fa invece impazzire l’idea di un Lirola esterno di centrocampo nel 4-4-2, forse perché al momento lo vedo ancora molto timido. La ciliegina arriva invece dall’ingresso e dal gol di Montiel. Un altro oggetto di Corvino, che sembrava già rappresentasse una storia deludente della Fiorentina, dimenticandosi che ha appena 20 anni. E magari insieme alla reazione, viene fuori anche qualche rivoluzione.

Per concludere, mi associo anche io al saluto del grandissimo Diego Armando Maradona. Nel suo modo di vivere e interpretare il calcio è stato unico, un giocatore immenso, sicuramente fra i più grandi di sempre e gli auguro anche io di riposare in pace. Detto questo, nel calcio ognuno ha i propri idoli e le proprie scale di valori e nelle mie Maradona non è number one.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.