Ancora nel tunnel

Seconda sconfitta in campionato per Prandelli e classifica che adesso diventa davvero scivolosa. Siamo ancora nel tunnel e domani sera potremmo anche trovarci in zona retrocessione. Certo, la sconfitta di oggi non è paragonabile a quella con il Benevento. Prima di tutto per la forza dell’avversario. Il Milan è la squadra più in forma del campionato e in questa fase quella che alla fine offre anche il gioco migliore. Pressing, gran palleggio, verticalizzazioni sempre pericolose e difesa attenta. In questo momento buio, un pensiero va anche a come abbiamo fatto fuggire Pioli da Firenze. Quel progetto alla fine non era male, ma è capitato nel momento sbagliato. E Pioli ora si sta prendendo delle belle rivincite. Oggi anche da parte nostra qualche segnale s’è visto. Certo ancora non sufficiente per vedere una luce nel tunnel. Però il gioco ha avuto un po’ più di intensità, il giro palla è stato un po’ più veloce, Vlahovic più presente nella manovra. Sono però ancora più determinanti i problemi, specialmente se davanti ti trovi una squadra come il Milan. E’ evidente che la difesa a 4 è ancora in rodaggio. Con Pezzella che è più in difficoltà a mantenere le distanze centrali e i terzini che devono sincronizzarsi meglio. Si vede che è cambiato anche il modo di difendere sui calci piazzati e stiamo incontrando qualche difficoltà. A centrocampo capita ancora di essere impresici nel palleggio e, cosa più importante, manca spesso il coraggio di trovare qualche giocata più determinante. E in avanti non c’è ancora il peso specifico sufficiente per creare pericoli con una certa costanza. Si aggiunge poi la pessima condizione di Ribery e anche di Callejon. E lo stesso Castrovilli sembra un po’ involuto. In generale, sembra anche che manchi la brillantezza atletica che si inizia a riscontrare in molte squadre. Qui però secondo me la differenza potrebbe davverlo averla fatta e/o farla il Covid (vedi per esempio Lazio e anche Atalanta).

Insomma, Prandelli ha molto da lavorare e, tutto sommato, nella rosa della Fiorentina un po’ di materiale per farlo c’è. Vero è che questi calciatori l’abbiamo sempre valutati singolarmente, ma non abbiamo mai avuto un riscontro vero come organico. Potremmo per questo avere anche brutte sorprese. Dobbiamo comunque ripartire proprio dal concetto di squadra, come voglia condivisa di lottare, correre e soffrire insieme, prima ancora del gioco. Proprio per questo forse Prandelli è l’uomo giusto. Però oggi più che mai serve anche una società solida, presente, severa e rassicurante.

2 Commenti

  1. Beati coloro che hanno visto dei miglioramenti, io vedo solo una Fiorentina di pensionati. Poteva andar bene Ribery (attenzione alle somiglianze con Mario Gomez), poi si sono aggiunti Bonaventura, Borja Valero e Calleon. Dall’essere una squadra di calcio siamo diventati un RSA e, a quel punto, abbiamo preso un allenatore in pensione.

    Ci manca brio, voglia di rischiare (la gamba), di azzardare (la giocata). E chi rischia? Chi azzarda? Il pensionato?

    Sulla partita c’è da dire che abbiamo regalato subito Calleon, possibile che sia entrato in condizione dopo una settimana? Poi che Pezzella non è quel gran difensore che tutti osannano a Firenze (non sarà meglio Igor?), poi che non ne possiamo più di Caceres (è buono solo a giocare sull’uomo), meglio Lirola che fa le solite cazzate difensive ma almeno sa anche attaccare.

    La prossima è col Genoa e sarà il primo di una lunga serie di scontri salvezza.

    Finito l’anno provvedere al cambio tecnico integrale, direttore sportivo e allenatore.

  2. Riguardo a rischio, azzardo, coraggio, non penso sia un fatto di età, anzi semmai il viceversa. E per quanto riguarda Bonaventura, a 31 anni, con un Europeo alle porte, non penso proprio sia giunto il momento di mollare. Pezzella penso sia sopra la media della qualità viola. Il problema è che questa squadra è qualche anno che non gioca a 4 dietro e ci siamo fatti imbucare come ragazzini sulle distanze fra centrali e terzini. Manca invece la squadra, quella che Pioli riuscì a tenere fino alla fine dell’anno della scomparsa di Astori. Poi ci siamo persi nel niente, causa forse di una società in vendita e colpa di una società che deve imparare come costruire, partendo appunto da dirigenti di livello. Ha fatto per ora una collezione di figurine. Non è detto che siano tutti da buttare (a partire da Antognoni, al quale credo ancora). Ma un po’ come successo al Milan, bisogna che qualcuno che sa di calcio sia responsabilizzato e si prenda della responsabilità. Per fortuna tutto questo sta accadendo ora e c’è il tempo per darsi una bella svegliata. In questa situazione meglio un allenatore saggio che uno troppo bravo. Poi il prossimo anno vedremo. E intanto la società potrebbe far capire che non siamo al Gran Hotel Firenze.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.