Due squadre che meritano…

Secondo i commentatori Sky, il secondo tempo di Fiorentina e Genoa ha dimostrato che sono due squadre che meritano una posizione migliore e tranquilla rispetto a quella attuale. Per gran parte della gara, però, almeno per un’oretta, ho pensato che Fiorentina e Genoa fossero due squadre che meritano di retrocedere. Sembrava di rivedere la gara di fine campionato scorso, essendo però questa volta alla decima giornata. Non gioco, poche idee, poca intensità, troppo poco tutto per una gara di serie A. Poi c’è stata la reazione viola che riaccende un po’ le speranze. Un secondo tempo fatto per gran parte dalla Fiorentina, che era meritatamente passata in vantaggio. La VAR ha fatto però quello che quest’anno avrebbe dovuto evitare, ovvero andare a sbirciare in modo ovattato e rendere irregolari piccoli contatti di gioco, davvero ininfluenti sulla dinamica dell’azione. Ma dopo un po’ di occasioni viola, Prandelli ha avuto la malaugurata idea di stravolgere la squadra, spengendo lo spirito che la stava portando spesso vicino al gol. Più volte nella prima ora ho pensato che la Fiorentina avesse bisogno di Borja, come quello visto magari a Udine. C’era bisogno di qualcuno che accorciasse a centrocampo, che facesse girare la palla veloce, che consentisse ad Amrabat di spingere dalla tre-quarti in avanti. Quando è entrato però mi sono reso conto che avremmo avuto bisogno di Borja di 8 anni fa… il suo impatto è stato negativo, sua la responsabilità del gol del Genoa, oltre ad una lettura errata dei centrali di difesa.

Dobbiamo comunque appigliarci al gioco e soprattutto alla rabbia vista nella ripresa. L’ennesimo gol di Milenkovic a tempo praticamente scaduto potrebbe essere un segnale del vento che gira. Vero è, però, che questa squadra, oltre a qualche blocco mentale e a un pizzico di sfortuna, ha anche problemi tecnico/tattici importanti. In particolare, non può permettersi due giocatori come Ribery e Callejon in evidente ritardo fisico. Non può permettersi un Castrovilli che opera così a stento. Buono invece secondo me l’impatto di Bonaventura. Come buona ritengo la prova e l’approccio di Vlahovic. Se continua con questa dedizione e anche questa cattiveria, i gol arriveranno presto. Lunedì per almeno tre volte è stato ad un passo dalla rete. Ed è un bel segnale. Buona anche la prestazione di BIragni, che secondo me dovrebbe avere di più il coraggio di puntare più spesso l’area di rigore dal vertice alto, per creare più alternative di gioco. La linea difensiva a 4 mostra ancora qualche incertezza, ma sembra in miglioramento. Ed è importante anche l’apporto dei due terzini quando c’è da spingere. PEccato che Caceres abbia davvero i piedi poco educati.

In questa fase probabilmente il sacrificato negli 11 titolari dovrebbe essere Callejon, sperando che con il campo Ribery ritrovi presto la condizione mgliore. Come d’altra parte occorre far girare con più intensità il gioco. Per far questo, Amrabat deve giocare piu avanti, lasciando posto magari a Duncan, e mettendo Bonaventura al posto di Callejon. Per domenica potremmo avere qualche sorpresa di questo tipo. Speriamo soprattutto che i piccoli segnali visti nella ripresa, diventino sempre più delle certezze, di cui questa squadra ha assoluto bisogno.

1 Commento

  1. O via, via…
    Devo dire che Davide, dopo anni di affiancamento, riesce a leggere perfettamente le partite 🙂

    Partiamo da Borja, che giudicavo un giocatore finito quando se ne andò. Oggi è un giocatore strafinito, giocatore sulla carta, da usare in partite leggere e non cattive, buono per far girare palle dove il risultato è pienamente acquisito.

    Valuto positiva la partita di Vlahovic, di Bonaventura, del centrocampo e della difesa in generale e vorrei che Prandelli avesse il coraggio di rischiare Lirola al posto di Caceres.

    Ribery e Calleon hanno fatto e continuano a fare la figura dei pensionati di lusso. Fino a che staranno in campo con quell’atteggiamento noi regaleremo sempre due giocatori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.