Piccola, timida, impaurita

Prandelli ha detto che non è una vergogna giocare per difendersi e ha perfettamente ragione. E la Fiorentina è andata a Bergamo per giocare da piccola. Il problema è che la Fiorentina dell’approccio da piccola ha avuto solo la volontà di non sbilanciarsi. Ha però perso tutti i contrasti e le seconde palle, non ha mai avuto idee precise e ha sbagliato quasi sempre gli appoggi nelle ripartenze. Ed è così che la Fiorentina con il passare dei minuti si è fatta piccola, piccola, timida, impaurita. Fino a precipitare alla fine del primo tempo. E ha preso gol perché è stata indecisa nel ripartire dal limite della propria area, ha perso due/tre contrasti, ha lasciato Gosens solo in area. E comunque fino a quel momento Dragowski era già più volte intervenuto in modo decisivo. Quindi per rispondere a Prandelli, non è un problema giocare per difendersi, ma anche questo è un calcio che va saputo giocare. Non si può infatti mollare sui contrasti, sulle seconde palle e sui calci piazzati, perché quando non ci sono spazi, è li che si determina. Occorre inoltre scendere in campo con i giocatori adatti. E in questo caso sinceramente si fa fatica a capire la presenza di Venuti e Eysseric. Il primo perché fa oggettivamente fatica a reggere un calcio fisico come quello dell’Atalanta. Il secondo perché sinceramente il francese sembra davvero un ex giocatore, specialmente per i ritmi dei bergamaschi. Non so cosa avesse Caceres, ma serviva altra fisicità (ma Martinez Quarta?). E va bene che Ribery e Callejon non sono in condizione. Ma se l’alternativa è Eysseric… E nel mezzo, premesso che anche Amrabat deve cambiare marcia, la personalità di Pulgar è davvero sotto il livello del minimo sindacale per il ruolo che ricopre. E per finire, la prova di Vlahovic non è stata negativa, ma è evidentemente acerbo per mettersi la squadra sulle spalle, specialmente se la Fiorentina dovrà ancora a lungo fare questo tipo di partite.

E quindi giunti quasi a fine anno, siamo in pratica a rimpiangere quegli acquisti che alla fine del calciomercato ci eravamo quasi convinti che non fossero poi così determinanti. Ovvero un bel regista e una bella punta. C’è poi anche un problema caratteriale. Dopo la carota data con i giorni di riposo della settimana scorsa, la società passa ora al bastone del ritiro. La verità è che comunque servono leader. Vediamo se in questi giorni di reclusione, Prandelli trova le leve giuste, per affrontare al meglio i due incontri interni con Sassuolo e Verona, che diventano determinanti. Il tecnico ha provato anche a vedere se possono esserci delle sorprese fra le terze linee. Purtroppo occorre far affidamento sui nomi che conosciamo, che sulla carta non sono nemmeno gli ultimi arrivati: Pezzella, Milenkovic, Biraghi, Amrabat, Castrovilli, Ribery, Callejon, Bonaventura. Rimangono quindi pochi posti, guarda caso per un play e per la punta.

4 Commenti

  1. Ho visto solo il primo tempo e, preso il gol, ho proprio deciso di fare altro. A Bergamo, messi in quel modo, potevamo puntare solo allo 0-0.

    Vedere Eysseric in campo è uno scempio. E’ arrivato quattro anni fa, ha sempre, sempre, sempre dimostrato di non essere adatto alla serie A, ma forse nemmeno alla serie C. Più o meno passeggia per il campo, i contrasti non li fa mai, che razza di giocatore è?
    Sicuramente una sconfitta per Prandelli averlo messo in campo.

    Non credo che bastassero un bel centravanti e un bel regista, serve gente che ha volontà, che ci mette la gamba, che magari è meno tecnica ma che si butta all’arrembaggio. Quelli dell’Atalanta sono furie scatenate che giocano tutti con la bava alla bocca. Di noi chi gioca con la bava alla bocca?

    Per prima cosa bisogna uscire da questa situazione, per fortuna c’è Gennaio. Dopo di che, bisogna scegliere un nuovo DS, questo l’unica intuizione l’ha avuta con Cuadrado.

    L’unica cosa per cui non concordo con Davide è che a me Venuti non è dispiaciuto, ci ha messo più cuore e più gambe di tanti altri.

  2. Per quanto riguarda la grinta e la dedizione di Venuti sono da’accordo pure io. Però non è il giocatore da stare bloccato dietro a fare a sportellate con gente tipo Zapata, Gosens, Freuler. Certo anche Lirola poco più avanti non gli ha dato una mano. Se devi fare 0 a 0, metti Igor o Caceres e magari Venuti al posto di Lirola.

  3. Ma quanto tempo ancora dovremo aspettare Vlahovic? Ma come si fa ad andare avanti con un Pradè che ha detto che la squadra andava bene così? Ma la dirigenza non si accorge come si gestisce una società e una squadra? Il Sassuolo, il Verona, l’Atalanta non hanno insegnato nulla ? Queste società con pochi soldi hanno costruito realtà che sanno giocare e divertono! Se si continua a sprecare soldi per comprare i Zurkowsky, i Rasmussen, gli Esseyric, i Cristoforo, i Maxi Olivera, i Belouan(!), gli Igor, i Saponara, ecc., dove possiamo andare, se non in serie B? Nessuno si è accorto che in giro c’erano anche i Boga, i Kjaer, i Malinowsky, ecc. Ma in che mani siamo noi poveri tifosi, costretti tutti gli anni a vedere una squadra che arranca per salvarsi dalla B?

    • Ciao Carlo e benvenuto sul nostro blog. In questo momento penso che aspettare Vlahovic sia unica soluzione, perché le alternative si sono mostrate inferiori. Purtroppo oggi ci troviamo davvero ad invidiare modelli come Atalanta, Verona, Sassuolo, come per molti anni hanno invidiato il nostro. Anni in cui queste squadre e molte altre erano lontane dal nostro modo di pensare, costruire e fare calcio. La tendenza si è invertita da gennaio 2016. Scelte sbagliate, sfortuna, la tragedia, una società ormai al capolinea e una nuova proprietà che non è ancora riuscita a trovare il bandolo della matassa. E’ vero che sono circolati nomi improbabili. Però da quel momento sono arrivati, son partiti e ci sono anche giocatori come Astori, Ilicic, Kalinic, MIlenkovic, Pezzella, Veretout, Bernardeschi, Chiesa, Biraghi, Castrovilli, Simeone, Muriel, Caceres, Bonaventura, Ribery, Sottil. Magari no da farci una Champion, ma che probabilmente da altre parti avrebbero garantito almeno un piazzamento Uefa.
      Ci siamo persi e unico appiglio (non trascurabile) è quello quanto meno di avere una società sana. Mi sa che dobbiamo ripartire da qui.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.