Qualcosa, qualcuno

La partita con il Sassuolo era determinante soprattutto per la credibilità e la permanenza di Prandelli. Il tecnico viola aveva detto che ci sarebbe stata una reazione, che avremmo visto una Fiorentina diversa, una specie di voto di fiducia chiesto alla squadra. LA reazione c’è stata. Sarebbe stato ovviamente molto importante e utile vincere. Era però davvero fondamentale non perdere ed effettivamente abbiamo visto qualcosa, qualcuno. Prandelli è ripassato alla difesa a tre, dove i nostri, specialmente Pezzella, si trovano molto più a proprio agio. Ha rispolverato quindi un 3-5-2, che agilmente diventa un 5-3-2. Infatti, oltre a Biraghi a sinistra, sembra che Prandelli abbia trovato risposte importante da Venuti a destra. Come sottolineato anche da Simone qualche giorno fa, il ragazzo ci mette voglia, grinta, corsa e comunque anche qualità. Peccato davvero gli manchi un po’ di fisicità. Oltre alla difesa più sicura e a un buon Venuti, abbiamo soprattutto ritrovato un Ribery a livelli accettabili. Prandelli cerca di forzarlo (giustamente) negli ultimi 30 metri e il francese è riuscito ad essere determinante. Oltre al rigore, poteva davvero mettere il sigillo da campione, fermato solo dalle dita di Consigli e dalla traversa. Abbiamo rivisto Amrabat davanti alla difesa. E’ evidente che non è il suo ruolo, ma anche lui sembra in crescita. E buona secondo me è anche la prova di Vlahovic, che ha fatto a sportellate, ha cercato di far salire la squadra, si è preso la responsabilità di calciare un rigore dalla palla molto pesante. Buona è stata in generale la prestazione della squadra, sia da un punto di vista di corsa e intensità, sia come ordine tattico. Il Sassuolo sa muovere molto bene la palla e creare spazi variando fra le fasce e le incursioni centrali. A parte qualche occasione, la Fiorentina è stata sempre compatta, si à mossa bene in avanti, ha saputo arretrare e scivolare da destra a sinistra. E per alcune parti della partita ha anche manovrato e creato. Certo la manovra non è sempre scorrevole e paghiamo, oltre all’assenza di un regista, il periodo no di Castrovilli e la lenta ripresa di Bonaventura. Rimane per me invece ancora un’incognita il valore e soprattutto l’atteggiamento di Kouamé. Il suo ingresso sembra sempre depontenziare la squadra.

Sicuramente Prandelli sta trovando qualcosa, qualcuno da cui ripartire. Anche se è un pò in mezzo al guado, fra il rassicurante Iachiniano 3-5-2 e le suo idee di gioco, sta cercando intanto di trovare le sue prime scelte. E prima di presentare la lista per gli acquisti di gennaio, i giocatori da recuperare assolutamente sono Castrovilli e Bonanventura, sperando che Ribery, Amrabat e Vlahovic continuino nel loro processo di crescita. E oggi è già vigilia di un altro incontro determinante. Arriva domani il Verona di Juric, in un misto davvero esplosivo di emozioni: il gemellaggio, il mancato passaggio del mister alla Fiorentina, la polemica con la sua società, il battibecco con Pradè. Non sarà certo una passeggiata, ma la Fiorentina deve dimostrare che c’è qualcosa di buono su cui basare la ripresa, c’è qualcuno di valore su cui puntare per realizzarlo.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.