Zona Rossa

I due incontri casalinghi con Sassuolo e Verona potevano darci un po’ di ossigeno in più per la classifica. Anche con i veneti è stato invece un pareggio, forse anche più bruttino del primo e rimaniamo quindi in piena zona Rossa. Ci rimaniamo soprattutto perché martedì ci attende la sfida contro la Juve e quindi il rischio di finire l’anno con il massimo stato di allarme è concreto. Però è importante fare un’analisi a più ampio raggio. Prima di tutto non dobbiamo dimenticare che non più tardi di 5 mesi fa queste due squadre a Firenze ci dettero una vera lezione di calcio. Considerando la stato d’animo con cui sta giocando adesso la Fiorentina, in queste due gare abbiamo alla fine giocato alla pari. Per di più ieri dopo un minuto, l’arbitro Forneau prima lascia giocare con Salcedo in fuorigioco e poi trasforma un mezzo fallo dell’attaccante in un assurdo rigore per il Verona. E riesce perfino a confermarlo dopo averlo visto alla VAR, visto che dalla regia gli avevano fatto capire che era inventato. La partita si è messa subito in una salita tale che poteva spezzare le gambe ai viola. La squadra invece ha avuto la testa e le gambe per giocare la partita così come preparata. Questo almeno fino a quando Prandelli non ha fatto le prime sostituzioni e questo ovviamente è un tema. Rimanendo sulla prima ora, è stata confermata la buona prestazione della difesa e anche dello stesso Igor. Ancora incoraggianti i segnali di crescita di Amrabat e Vlahovic, che segna anche il secondo rigore con la stessa freddezza. Un po’ meno Ribery, che evidentemente paga ancora giocare a distanza di tre giorni. Non male neppure le due fasi sulle fasce. Ancora in affanno e un po’ nervosi Castrovilli e Bonaventura. Forse non riescono a trovare la loro giusta collocazione. La Fiorentina in questa fase manca secondo me nella densità a centrocampo. Si tende sempre ad allargare, creando a volte buone situazioni. Ma giocando sempre così la Fiorentina diventa troppo prevedibile. Abbiamo bisogno che Castrovilli e Bonaventura vengano a creare qualcosa anche per le vie centrali. Fino a quando Vlahovic è riuscito a vincere i duelli aerei, regger palla e far salire la squadra, siamo riusciti anche a riempire bene l’area e c’è stata anche qualche occasione di conclusione dal limite. Quando invece si tratta di costuire, sappiamo farlo solo sulle fasce. E purtroppo con i cambi, che sono una delle chiavi di volta di questo campionato, la Fiorentina ci perde sempre qualcosa. Callejon, Borja, lo stesso Cutrone, putroppo tendono subito ad abbassare l’effettiva qualità e quantità in campo. Il mercato di gennaio sarà probabilmente la vera mission critical della Fiorentina.

Dicevamo quindi Zona Rossa. L’evento zero secondo me è stato il pareggio con lo Spezia, che ha gettato sulla squadra incertezze e paure. Spero che il picco negativo sia stato toccato nel periodo Benevento, Atalanta. La squadra si sta ripredendo. Ha ovviamente estremo bisogno di punti, ma non è certo mai banale prenderli con Sassuolo e Verona, che stanno giocando già in tranquillità e sicurezza un campionato da zona Uefa. E sarà dura ovviamente prenderli a Torino. Però sembra che Prandelli stia trovando un po’ il bandolo e soprattutto le leve per agire su questi giocatori. Al tempo stesso è ormai evidente che qualcuno è fuori da questo progetto ed è qui che deve intervenire in modo deciso Pradè. A questa squadra manca anche un po’ di condizione fisica. Peccato che la pausa sia molto corta. Spero comunque che il vero campionato di PRandelli inizi a gennaio.

3 Commenti

  1. Ma vi siete accorti che la squadra non tira in porta in tutta la partita e che segna solo se le danno un rigore? Ma dove stanno i miglioramenti di Vlahovic? Uno come lui lo giudichi solo dai gol che fa o che non fa, non basta aver preso 1 palo! Quanto a Ribery, credo che si sia rotto le scatole di stare in una squadra così ridotta e tenda a vivacchiare come fece un certo Mario Gomez, venuto a Firenze a farsi una vacanza strapagata! E così Callejon, mandato via da Napoli ormai bollito!

  2. Su Vlahovic non sono d’accordo. Se andiamo a rivedere un po’ di partite fa, non reggeva un pallone, sempre messo male con il corpo, quasi mai un appoggio per far salire la squadra. E’ vero che tiriamo poco in porta, ma perché Prandelli ha deciso di ripartire da un po’ di sicurezze dietro. Nelle ultime due partite Vlahiovic c’è riuscito molto di più a fare lavoro sporco e siamo riusciti a riempire un po’ di più l’area. Sono capitate buone palle dalla distanza, che Venuti, Amrabat e altri non hanno sfruttato molto bene. Che poi ci sia un problema gol è evidente, ma penso sia molto limitativo trovare in Vlahovic adesso unico colpevole del gol. Per quanto riguarda Ribery, non so se si sia rotto le scatole. Mi sembra soprattutto in difficoltà fisica. Prandelli sta cercando di tenerlo negli ultimi 30 metri, consentendogli anche di tirare maggiormente fiato. Penso invece che sia uno che non si risparmia, neppure per il lavoro sporco e questo lo paga. Penso che a gennaio sia più importante trovare un centrocampista titolare, che riesca a far arrivare bene la palla al limite dell’area di rigore e magari una punta (di esperienza) che sia un ottimo cambio per Vlahovic e/o Ribery. Su Callejon invece ho tanti dubbi pure io… anche se è davvero strano che in pochi mesi sia diventato l’ombra di se stesso.

  3. Devo anche io spezzare una lancia a favore del Vlahovic visto in queste ultime 2/3 partite. La sostanza è cambiata poco, perché non fa gol, perché non chiude un triangolo, perché per controllare il pallone deve toccarla tre volte. Però nell’atteggiamento è cambiato, è più combattivo e più voglioso.

    Ribery assomiglia a Gomez, viene dal Bayern, è vecchio, l’hanno preso Pradé e Montella, hanno fatto lo show alla presentazione. Ma anche lui nelle ultime 2/3 partite è scedo in campo con un atteggiamento che Gomez non ha mai avuto.

    Calleon è un uomo completamente perso che per ora ha veramente l’atteggiamento da pensionato.

    I 5 difensori in campo non mi piacciono, ci fanno una squadra troppo difensivista e ci sminuiscono a centrocampo. Tanto è inutile che le occasioni capitino sui piedi di Biraghi e Venuti, sono occasioni al vento.

    Per stasera, tanto per ridere, me la giocherei così:

                      Vlahovic
                  Ribery Montiel
    Castrovilli Amrabat Bonaventura
      Biraghi Igor Milenkovic Venuti
                      Dragowski

    Difesa bloccata e centrocampo bello denso con Castrovilli e Bonaventura un pochino sacrificati a difendere. Pochi tiri in porta ma importanti.

    Se poi mi metto a pensare contro chi giocheremo mi vengono i brividi quasi da non avere il coraggio di guardarla. Sarà un Natale ricco di gol. Loro!!!
    🙁

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.