Ci voleva!

Vittorie come queste meritano sempre un titolo speciale, di esaltazione. Siamo fra l’altro al turno pre-natalizio e quindi ci potremmo anche sbizzarrire. Poi ho ricevuto il messaggio di Simone: Ci voleva! Ecco il titolo perfetto. Non minimizza il fatto che comunque rimarrà un risultato storico. Ma non perde d’occhio il momento molto delicato che stiamo attraversando. Non va pensata comunque la partita della svolta, ma una boccata di ossigeno globale. Ossigeno per la classifica, ma anche per la consapevolezza di squadra, per un cashback della fortuna e, diciamolo, pure per il lavoro di Prandelli, dal cui carro già alcuni stavano iniziando a scendere (vero Calamai?)

Entrando nel merito della gara, si è capito da subito che la Fiorentina voleva fare una partita aggressiva, questa volta cercando di tamponare sulle fasce e creare gioco e verticalizzazioni anche centralmente. Abbiamo visto importanza di avere un regista di professione per questo tipo di gioco. E’ ovvio che Borja non può essere il titolare (ma un buona riserva). E’ però evidente di come potrebbe svoltare la manovra con qualcuno in quella posizione che possa dare ritmo e anche un po’ di sostanza al gioco. Con questo schieramento sono stati definitivamente liberati i cavalli motore di Amrabat. E anche Castrovilli, che ancora ha qualche difficoltà, può trovare maggiore spazi. A questo si aggiunge che Ribery può iniziare ad entrare nel gioco dalla tre-quarti e quindi ad essere più determinante. Governando il gioco centralmente, si riesce quando si creano occasioni, anche a lanciare i laterali negli spazi. E se Caceres è stato spesso un po’ impacciato (segnando comunque alla fine il gol del tre a zero), Biraghi ha lavorato in modo insistente e alla fine ha infilato i due assist che hanno messo KO la Juve. Sono ovviamente molto contento per Vlahovic. Oggi ha iniziato a raccogliere qualcosa di quello che ha iniziato a seminare… e i clienti non erano certo fra i più teneri.

Forse a causa della tensione, della paura di buttar via una grandissima occasione, della pressione che comunque mette questo avversario e l’ambiente, anche senza pubblico, però ci sono state due/tre leggerezze che veramente rischiavano di rovinare tutto. MI riferisco a qualche passaggio avventato verso Dragowski, lo stesso errore del portiere, qualche lettura sbagliata nel pressing. Però sono stati errori individuali e quindi “perdonabili”.

Errore madornale l’ha fatto invece Cuadrado e forse gli juventini dovrebbero essere in primis arrabbiati con lui. La Penna non è stato morbido con i nostri, ammonendo tutti al primo fallo sopra le righe. Ha al tempo stesso concesso di più a Bonucci & co, specialmente nei confronti di Vlahovic. Non capisco quindi perché Borja si meritasse un uno-due di gialli così severo. Ci poteva stare secondo giallo, ma contrasti da dietro cercando di intervenire sulla palla non sono stati puniti neppure per gli juventini. Per quanto riguarda i due rigori, (alla Juve) a volte si possono anche dare. Però Berna-Drago corrono alla pari allargando entrambi il braccio. Per quanto riguarda Castro-Ronaldo, bisogna andare con la lente per vedere se il contatto è dentro e fuori…e non era così clamoroso. Difficilmente abbiamo preso rigore a favore di questo tipo.

Quello che c’è da dire, invece, che fin dai primi minuti gli juventini hanno avuto atteggiamenti volti ad indurre l’arbitro ad essere severo con i viola. E forse questo atteggiamento ha avuto un peso anche sulla linea scelta dall’arbitro. Diciamo che anche un arbitro così ci voleva, per poter giocare la nostra partita. Certo è che volentieri lasciamo la Juve alla sua giornata nera, mentre noi finalmente possiamo gioire almeno dentro, fare un respirone e affrontare queste vacanze con qualche certezza in più e paura in meno. Ci voleva, anche se la partita più difficile da vincere adesso è la prossima contro il Bologna, come ha detto Biraghi, che sta diventando uno dei leader di questa squadra.

6 Commenti

  1. Una precisazione. Ho definito Caceres un po’ impacciato quando doveva impostare/spingere sulla fascia. La sua prova come esterno di difesa è stata invece ottima.

  2. Ci voleva si, per la classifica, per il morale e per vedere la faccia di Nedved che esce incazzato dallo stadio. Ah, ah, ah. Una volta che trovano un arbitro imparziale si lamentano… Squadra ridicola e tifosi peggio.

    E’ innegabile che la mano di Prandelli si è cominciata a vedere da quasi subito e che, partita dopo partita, si è visto un cambio di atteggiamento di tutti. O quasi. Chiaramente di queste cose non possono accorgersene i giornalai.

    Ieri, dopo tanto lavoro, è arrivata la prima soddisfazione vera, anche se dobbiamo riconoscere che ha pesantemente contribuito l’errore clamoroso di Cuadrado (anche un po’ a figlio di) che ci ha lasciato in vantaggio e con un uomo in più. A quel punto abbiamo giocato meglio di loro, l’unico pericolo è stato Cristiano, levi lui la Juventus vale zona uefa scarsa.

    Borja Valero in mezzo al campo è stata una bella mossa, supportato da Castrovilli e Amrabat, potrebbe essere finalmente la nostra quadratura del cerchio. Certo che soffriremo le squadre più aggressive, ma potremo venire via nel palleggio se anche Ribery si abbassa molto come ieri.

    A questo punto ci vuole il coraggio di togliere un difensore centrale, per me Pezzella, ed aggiungere un uomo a metà tra centrocampo e attacco in base alle squadre che ci troviamo di fronte. Senza contare che ora c’è il mercato che potrebbe rivoluzionare tutto il campionato.

    Vlahovic conferma di avere una tecnica ancora molto grezza (eufemismo), ma se gioca come ieri, tenace, tignoso e sfruttando le occasioni, il posto è suo indiscutibilmente.

    I migliori, seppur impacciati palla al piede, Milenkovic e Igor. IGOOOORRR!!!

    Per il mercato di Gennaio lascerei perdere la punta buona che tanto non esiste e costerebbe troppo, di mezze punte, intese come punte poco buone ne abbiamo già tre e giovani inutile prenderne un’altra; il centrocampista forte idem, semmai servirebbe qualche buon corridore di fascia molto garrosso. Non è il fosforo che ci manca ma il calcio. (Vediamo chi la capisce)

    Il mio sogno si chiama Papu… che si incastrerebbe perfettamente tra il centrocampo e l’attacco.

    • Vista la puntualizzazione di Simone, è vero che Ribery è stato un ottimo raccordo, a volte abbassandosi, ma non ha dovuto girellare per tutto il campo o venire addirittura a prendere palla dai difensori. Questo secondo me gli da più respiro e gli consente anche di mettersi in moto più pericolosamente a partire dalla tre quarti avversaria.
      Sul mercato ci sarebbe da fare a questo punto delle considerazioni più approfondite e magari avremo tempo nei prossimi giorni. Certo Papu sarebbe una gran cosa. E pensare che Montella lo voleva nel 2014 e noi tifosi (me lo ricordo bene) lo avevamo snobbato.
      Sul modulo, non so se Prandelli se la sente adesso di ripassare a 4 dietro, visto che così abbiamo più sicurezza. Attenderà ancora qualche partita. E non penso sia comunque Pezzella ad uscire.
      Non che la cosa mi interessi molto, ma per quanto riguarda la Juve secondo me ha di fatto un centrocampo insufficiente per i suoi obiettivi… forse lo abbiamo meglio noi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.