Nuovo anno, vecchi problemi

I primi cinque minuti di Fiorentina Bologna penso abbiano illuso tutti noi tifosi. Fiorentina aggressiva, veloce, con alcune percussioni interessanti sulla sinistra che ci ha portato pericolosamente in area di rigore avversaria. Speravamo che ci fosse davvero continuità con la grande prova pre-natalizia a Torino. Poi piano piano ha preso il sopravvento il palleggio del Bologna, la sua pressione sui nostri play-maker, le sue verticalizzazioni. E la partita si è complicata enormemente. Per gran parte della gara il Bologna è stato più intraprendente di noi e Dragowski ci ha messo una pezza. Non ho mai sottolineato le prove del portiere polacco, anche perché quello che conta maggiormente per un portiere è la continuità. Nel corso del 2020 possiamo dire che Dragowski è stato fra quelli con un rendimento più costante e anche sopra la media. Per il resto, abbiamo visto la differenza fra un Borja libero di giocare e un Borja pressato, come ha fatto il Bologna. Lo spagnolo è stato molto limitato e vuoi anche per la giornata no di Amrabat, ci siamo limitati a giocare sempre sullo spicchio laterale sinistro occupato da Castrovilli, Ribery, Venuti, che purtroppo non è Biraghi. Inutili sono stati i lanci su Vlahovic, anche lui un po’ in ombra e poi supermarcato dai centrali bolognesi che non avevano altri a cui pensare. Insomma, nuovo anno, vecchi problemi. E non siamo andati oltre uno zero a zero. E’ evidente che abbiamo bisogno di un giocatore che abbia i piedi, la testa, il fisico e il coraggio di far girare la squadra centralmente. E che sia ben supportato nelle mezzali, in modo che eventualmente sulle fasce si creino veramente spazi importanti. Abbiamo bisogno secondo me di un centravanti con esperienza che sappia fare il gioco sporco e dia semmai a Vlahovic la possibilità di lanciarsi negli spazi (vedi gol alla Juve). Se continua il 3-5-2 abbiamo bisogno anche di un esterno che sia maggiormente determinante nell’uno contro uno, come fu Cuadrado ai tempi di Montella. Forse la nota più positiva di oggi è che per la prima volta i cambi hanno favorito la Fiorentina. Ma può dipendere anche dal fatto che il Bologna le avesse finite. Fatto sta che negli ultimi 15 minuti abbiamo ripreso in mano il gioco e con un po’ di fortuna potevamo anche vincerla.

A proposito di cambi, è entrato Lirola, che qualcosina ha smosso sulla corsia di destra, ma è sempre molto timido. E’ entrato Bonaventura, che sembra molto nervoso (anche se la qualità si percepisce e potrebbe cambiare l’inerzia delle partite). E’ entrato Kouamé, che invece continua ad essere un oggetto misterioso. Non è entrato Callejon. Non si vede mai Duncan. Del resto neppure se ne parla. Praticamente Prandelli sta giocando con 15 giocatori e su alcuni i dubbi non sono pochi (Kouamè su tutti). Insomma, Pradé è chiamato a fare un mezzo miracolo per cambiare marcia. Altrimenti sarà un campionato in piena sofferenza… e fra tre giorni c’è la Lazio. Chiudo con una nota sull’arbitro, visto tutto il rumore per la gara con la Juve. A me in generale Orsato in partite “non di cartello”, come quella di oggi, non piace e non è piaciuto neppure stasera. Soprattutto perché vuole essere sempre lui il protagonista. Alla Lo Bello. E si diverte a fischiettare, sistemare le cose come vuole lui. Come diceva il buon Menicucci, è uno che dirige. Difficile che faccia grandi errori. Ma tante volte è lui che fa la partita e nel calcio di oggi questo è anacronistico.

2 Commenti

  1. E infatti leggo i giudizi su Orsato e cosa trovo? “Autorevole Orsato in Fiorentina-Bologna, dirige una partita molto accesa con 7 gialli distribuiti nel corso del match. Ne manca solo uno per Schouten che al 19’ viene anticipato da Venuti e finisce per travolgere l’avversario. Orsato indica il pallone, che però era stato colpito dal giocatore viola.” Quindi, ricapitolando, ammonisce subito giusto per tenere buoni buoni tutti e l’unica ammonizione seria non da neppure punizione. E questi sono quelli che la gente chiama grandi arbitri. Il grande arbitro moderno è quello che con autorevolezza tiene la gara su toni agonistici alti, non avendo paura a farsi imporre quando qualcuno supera la soglia, senza compensazioni e senza bastonate preventive In Italia ci piacciono invece quelli che accomodano.

  2. Contro il Bologna la Fiorentina ha dimostrato una volta di più di essere una mezza-squadra che deve lavorare ancora tanto.
    Il fallo di cui parli avrebbe messo più tranquillità a Schouten e dato qualche possibilità aggiuntiva a Castrovilli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.