La Lazio tutte le feste porta via

Dopo il buon Natale post Torino e il brusco risveglio post capodanno col Bologna, nel giorno dell’Epifania la Lazio tutte le feste porta via. Dopo appena cinque minuti la Lazio ha affondato sulla nostra destra come una lama nel burro. Su quel lato un Bonaventura sempre sfavato e un Venuti in chiara difficoltà hanno fatto andare al cross Acerbi con una facilità che non si vede nemmeno negli allenamenti pre-partita. E poi sul duello aereo Lazzari-Biraghi, Caicedo ha pensato positivo e Pezzella anche… e la frittata è fatta. In generale la Fiorentina non ha giocato neppure una brutta partita e se l’è giocata fino alla fine. Però la nostra è davvero una squadra incompiuta. Oggi si è visto cosa significa avere una punta di peso. Premesso che anche Immobile non si tira indietro se c’è da fare a sportellate, Caicedo è un vero guerriero, sia nel mezzo al campo, sia in area di rigore. Vlahovic è uno che come Immobile sa lanciarsi negli spazi, ma ancora non è maturo per fare a sportellate. Ho già detto dell’atteggiamento negativo di Bonaventura. Non si capisce però con l’uscita forzata di RIbery, perché Prandelli debba mandare in campo Eysseric. Serviva grinta, velocità, lucidità, avendo comunque già Castrovilli e Bonaventura per il palleggio. Ha battuto una punizione dalla tre/quarti della Lazio di tacco all’indietro, facendoci perdere 30 metri di campo come se si fosse nel campetto del prete. Questa squadra, oltre ad avere ruoli scoperti, ha alcuni giocatori veramente fuori target agonistico, come appunto Eysseric, ma spesso anche Bonaventura, Lirola e Kouamé e oggi purtroppo anche Venuti. A proposito dell’ivoriano, al suo ingresso si è visto comunque l’importanza di poter giocare con due punte, una che accorcia ed una che allunga. Purtroppo però Kouamé e Vlahovic sono entrambi del secondo tipo. L’attacco viola va completamente ripensato e speriamo che su questo fronte Pradè faccia veloce e bene. Sembra in crescita Castrovilli e sicuramente abbiamo un gran bisogno del nostro numero 10. Come d’altra parte abbiamo bisogno di un centrocampista di spessore. Positiva anche la gara di Martinez Quarta e la conferma di Igor. Questi segnali positivi dalla retroguardia viola potrebbero indurre Prandelli a passare alla difesa a 4. Forse sono gli stessi giocatori ancora poco convinti di questo assetto, però potrebbe veramente dare qualche opzione in più per la fase offensiva dei viola, sia per vedere magari Ribery dietro due punte, sia per una linea a tre davanti con Callejon, che oggi ha dato qualche piccolo segnale.

2 Commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.