Bruttina, sofferta, meritata

Quella con il Cagliari è la classica partita in cui il risultato veramente determina tutto, compreso i commenti. Potremmo scrivere tante cose della partita di ieri, forse perché ci sono state diverse partite nella gara. Oppure potremmo semplificare semplicemente dicendo che la Fiorentina ha giocato bene (o male) a tratti, che la partita è stata bruttina, ma la vittoria, seppur sofferta, alla fine è stata meritata. Un po’ di cose, quasi tutte condivisibili, le ha scritte Simone. Vorrei in particolare sottolinearne tre: Ribery con questa Fiorentina è stato troppo catalizzatore del gioco, senza dare poi sufficienti sbocchi e/o soluzioni vincenti. Pezzella (che ritengo ancora un buon difensore) è il vero ostacolo alla difesa a 4. Igor e Quarta sono due che meritano spazio. Torno alla fine su questi temi. Sulla partita aggiungo che purtroppo ritengo Pulgar, al pari di Lirola, un investimento non valido per questa Fiorentina. La cosa vale anche per Duncan, visto che con Prandelli non ha più visto il campo. Vale, mi sa, anche per Kouamé, i cui spezzoni continuano ad essere praticamente trasparenti. Probabilmente è più colpa della Fiorentina che loro, però in questo caso il responsabile non può che essere il Direttore Sportivo, visto che sono passati già due allenatori. E mentre su Callejon, se riprende condizione e posizione, non ci sono dubbi, voglio credere/sperare che Bonaventura possa ancora crescere nelle proprie prestazioni. Dicevo partita bruttina, perché mentre Amrabat ha rincorso tutti, vinto duelli, rimpostato, il gioco doveva venire da Pulgar… doveva. E se Biraghi è un terzino che quando spinge alla fine, se va male, si prende il calcio d’angolo, Caceres è proprio inadeguato per la fase di impostazione e spinta. E come diceva Simone, senza anche Castrovilli, il nostro centrocampo era veramente deserto. Abbiamo quanto meno giocato un po’ più sui lanci in profondità e si è visto che è il gioco preferito da Vlahovic, piuttosto che giocare spalle alla porta. Nella ripresa, poi, Callejon è riuscito a occupare meglio la sua zona di campo ed è riuscito a creare anche a destra occasioni importanti, fino al bel gol di Vlahovic.

Ammesso (e non concesso) che oltre agli esuberi anche Lirola, Duncan, Pulgar, Kouamè (dopo Cutrone) siano sul piede di partenza, si pone adesso veramente la questione mercato di gennaio. Riprendendo i temi di Simone, non mi auguro che Ribery stia fuori; ma occorre che Prandelli riesca a farlo giocare veramente dalla 3/4 in poi e a “pochi” tocchi. E se veramente si arrivasse a sacrificare Pezzella per una difesa a 4, mi giocherei una bella linea BIraghi Igor Quarta Milenkovic (alla Ufo). Alla fine Milenkovic mi sembra fra i pochi che non perde lucidità nella metà campo avversaria e ha sicuramente gamba. Non so quindi se vale la pena prendersi un nuovo terzino destro. Avrebbe senso prendere Torreira o chi per lui per inserire sostanza tecnica e fisica in mezzo. Continua ad aver senso secondo me prendere una punta di peso, che sappia giocare spalle alla porta. Perché nel corso delle partite, nel corso del campionato, può sempre servire. Poi c’è il tema seconda punta. Qui però veramente occorre capire che idea di gioco ha Prandelli. Già la presenza di Ribery, Callejon e BOnaventura danno interpretazioni diverse del modo di attaccare. Il Papu sarebbe ottimo. Ma chi viene, se viene, deve essere funzionale all’idea di gioco principale di PRandelli.

1 Commento

  1. Biraghi Igor Quarta Milenkovic (alla Ufo)

    La sottoscrivo in pieno anche se non mi piaceva Ufo a destra ma sarebbe una soluzione temporanea. Biraghi che spinge e Milenkovic un po’ più bloccato tanto davanti c’è Calleon.

    Investire ora su un terzino di fascia che spinge vorrebbe dire finire la stagione con il pessimo 5-2-3.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.