A testa alta e un po’ di rabbia

Uscire dalla coppa all’ultimo minuto dei tempi supplementari, comunque sia, lascia molta amarezza. Ma se l’Inter ha avuto le sue occasioni, un paio anche clamorose, la Fiorentina a partire dal 45-esimo non ha demeritato e alla fine esce a testa alta ed anche un po’ di rabbia. Diciamo che l’arbitro non ha proprio convinto durante tutta la gara. Massa d’altra parte fa parte della massa di arbitri mediocri, che non si sa mai con quale logica fischia; ed il bello è che nella mediocrità, accontenta sempre quelli giusti. Il rigore (poi tolto) ai viola non c’era. Ma il rigore non dato e poi concesso all’Inter lascia molti molti dubbi, perché Sanchez tira liberamente, poi mentre lui continua lo slancio e Terracciano continua il tuffo, si prendono. E poi ammonizioni a caso date e spesso mancate (Skriniar fa due interventi da giallo già ammonitor e ci pensa Conte poi a toglierlo dal campo). Infine l’azione del gol di Lukaku. Ho visto gli sgraffi sul collo di Quarta. Dopo due ore di gioco, se uno ti mette le mani al collo e prende posizione al limite della tua area, non può essere trascurabile. Ovviamente dovevano tutti avere determinati attributi per rivedere ed intervenire ed evidentemente non ce l’hanno. Però se uno salta con tre metri di libertà, una domanda te la devi fare.

Insomma, un po’ di rabbia c’è. Anche perché se nel primo tempo abbiamo regalato due giocatori (Eysseric e Kouamé) e quindi il dominio del campo all’Inter, nella ripresa la Fiorentina ha affrontato colpo su colpo la squadra di Conte. E anche noi abbiamo costruito buone trame e buone occasioni. Magari meno clamorose, ma potevano diventare determinanti. In crescita Castrovilli e Amrabat. E il palleggio e le verticalizzazioni contro una squadra che mette pressione come l’Inter fanno ben sperare. Molto bene anche la linea Milenkovic, Quarta, Igor. Bene anche Vlahovic e Venuti quando sono entrati in campo. E con Vlahovic ha acquisito un po’ di senso anche Kouamé. Mentre il francese nel primo tempo è letteralmente sparito, affogato, fra le maglie dell’Inter, nella ripresa ha trovato spazi importanti e sicuramente un gran bel gol. Certo mi piacerebbe vedere accanto a Vlahovic una punta alla Caicedo (ma forse anche Inglese o Lasagna) con cui magari alternarsi i movimenti accorcia-allunga. Biraghi ha avuto il suo daffare con Young prima e Hakimi dopo, ma comunque alla fine non ha demeritato. Rimane poi l’incognita Bonaventura. Per buona parte della gara poco incisivo, lento. Poi si è svegliato e la prestazione alla fine non è stata negativa. Questo però per noi è uno dei giocatori per fare la differenza. E al contrario di altri (Pulgar, Duncan), sembra rientrare nel progetto Prandelli. Io sarei anche per ridarlo all’Atalanta e prenderci il Papu, ma non penso che accettino la proposta 🙂

3 Commenti

  1. A proposito del fallo di Lukaku, a Bonaventura fu annullato un gol perché a metà campo aveva fatto un mezzo fallo, per poi fare 40 metri aspettare gli sviluppi dell’azione sulla destra, il cross ed il tapin in rete. VAR, la moviola che amplifica e gol annullato.

  2. A me Kouamé, con il suo andamento dinoccolato, piace e non vorrei che fosse ceduto. Non lo vedo assolutamente un esterno ma lo vedo un centrale, un po’ come Vlahovic.
    Ieri con Eysseric accanto, cioé il niente, non ha fatto niente, ma con Vlahovic accanto, ha avuto qualche possibilità di giocare e uomo contro uomo e tutte tutte non le sciupa. Perché non dare a questi due ragazzi la possibilità di giocare insieme per un po’?
    Quando Prandelli ha tolto Kouamé e messo dentro Calleon, è toccato a Vlahovic giocare con il niente. Non proprio il niente come Eysseric ma Calleon punta centrale il quasi niente.
    Prandelli ha messo Calleon e lo ha fatto giocare punta centrale… ma vaia, vaia!

    Bonaventura si vede che è giocatore di altro livello ma ha finito e strafinito il fiato. Possibile che Prandelli lo abbia tenuto in campo a passeggiare per 120 minuti? Possibile che non si potesse mettere dentro qualcuno che potesse almeno correre?

    La Fiorentina non ha demeritato, ma l’Inter avrebbe meritato di vincere ai punti perché ha avuto diverse belle occasioni per segnare, però ha avuto un bel trattamento di favore dall’arbitro. Il rigore era mezzo rigore e nell’ultima azione il fallo su Quarta era netto, ma Quarta era alla terza, forse quarta partita in A e non ha avuto la malizia di buttarsi in terra. A quel punto sarebbero stati costretti al VAR.

    Voglio un allenatore coraggiosooooooooooooooo!!!

    • Su Kouamé, sono sicuramente d’accordo sul non perderlo. Può anche rimanere, però un vecchio marpione lo prenderei, perché dobbiamo anche avere un piano B. Callejon centrale è in effetti praticamente nullo. Però penso che PRandelli non se la sia sentita di cambiare modulo, visto che abbiamo tenuto bene il campo, fino alla fine. Se ci fosse stato il vecchio marpione, magari potevamo anche vincerla.
      Per quanto riguarda il merito, il calcio non è sport che si vince ai punti. In un paio di occasioni abbiamo sbagliato ultimo passaggio che poteva mettere giocatore davanti alla porta, come l’inter ha sbagliato magari davanti alla porta. Non dico che non ha meritato, ma i fatti dicono che ha vinto con un gol mooolto dubbio. E su Quarta ho scritto proprio lo stesso commento su Violanews stamattina. Oggi in ITalia si cade in terra emettendo appropriato urletto. Ancora l’argentino non l’ha capito.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.