Deboli segnali dallo spazio profondo

spazio profondo

Sarà che abbiamo pareggiato con il Torino che è in fondo alla classifica come dice mio zio, ma è innegabile, come dice Davide, che abbiamo visto deboli segnali di calcio dallo spazio profondo.

Il computo delle occasioni probabilmente finisce in pareggio, perché il Torino ha preso due pali, noi uno e un gol annullato per un piede, ma il gioco, l’essere in partita, il bandolo della matassa è quasi sempre stato in mano nostra.

Abbiamo visto una squadra che gioca e lotta da squadra, con quelli che sono i suoi punti di forza finalmente in evidenza. Sarà che la cura Prandelli ha iniziato a produrre i suoi effetti?

Purtoppo però abbiamo anche diversi punti di debolezza, gli anelli deboli della catena più evidenti sono risultati Pezzella, ormai da un anno e mezzo e non solo per Belotti perso sul pareggio, e Biraghi, che non sa fare la fase difensiva. Forse dovremo attendere l’anno prossimo per la difesa a quattro, quando avremo i giusti interpreti sia al centro che sulle fascie.

Un’altra grave debolezza della Fiorentina è la mancanza di un corridore/picchiatore a centrocampo, un Kurtic per intenderci. E’ possibile che debba giocare Eysseric?

Insomma, alla prima partita del girone di ritorno, abbiamo ritrovato quel pizzico di fiducia che mancava da tantissimo, ora ci sarà da vedere come e se Prandelli intenderà impiegare una seconda punta oltre che Vlahovic e Ribery.

1 Commento

  1. Il mercato sembra finito davvero. Rivedendo la rosa, manca in effetti un centrompista di sostanza. Ideale appunto sarebbe stato un giocatore alla Torreira, però se veramente Amarabat enetra nel ruolo di mediano, Bonaventura cresce, poteva servire un centrocampista che possa entrare per fare un po’ legna. Ce l’aveva anche Montella con Migliaccio prima e appunto Kurtic dopo (nel mezzo Ambrosini, di altro livello, ma orami arrivato).
    Vedere Ribery con due punte è impossibile, se c’è anche Bonaventura e Castrovilli. Senza uno dei due e senza difesa a 4, potrebbe tentare un 3-4-1-2. Però Ribery non si può fermare dopo 3 metri a rincorrere, altrimenti facciamo la fine di Napoli.
    Se ce la facesse invece a passare a 4 dietro, potremmo provare sia 4-3-3 con Callejon, sia 4-3-1-2 con RIbery e le due punte.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.