Punti persi

E’ vero che per come si è messa la partita, considerando lo scontro diretto e il distacco, quello di Torino è un punto molto importante. Però non riesco a non pensare che stasera sono per noi due punti persi. Durante la gara la Fiorentina ha concesso 2/3 situazioni pericolose, soprattutto per qualche distrazione individuale, sulle marcature e/o sulla linea del fuorigioco. Però la Fiorentina ha dimostrato per gran parte della gara di avere il controllo del gioco. Di poter essere sempre pericolosa. Avevamo trovato un bel gol di Vlahovic beccato con mezza scarpa in fuorigioco. Abbiamo trovato il vantaggio già in inferiorità numerica con una combinazione perfetta fra Bonaventura e Ribery. Poi la seconda espulsione. E se quella di Castrovilli ci poteva stare (anche se non clamorosa), il rosso a Milenkovic è davvero una punizione eccessiva e inspiegabile. E devo dire una vera vergogna l’atteggiamento di capitan Belotti, che dovrebbe impersonare il condottiero di una squadra storicamente gagliarda e onesta. Il gallo non solo sviene quando Milenkovic spinge un po’. Ma poi sta qualche minuto con il ghiaccio in testa, giusto per convincere il VAR a non intervenire. Premesso che a me i gemellaggi dicono poco, la tifoseria granata dovrebbe chiedere conto per questo atteggiamento. Alla fine il rosso a Milenkovic è stata la vera scelta determinante dell’arbitro, volta a condannare la Fiorentina a subire. Certo, sul gol del toro c’ha messo del suo anche Pezzella, anche stasera in chiara difficoltà. E anche il signor Lo Bello, in piene confusione, non aveva visto un fallo netto su Quarta e dal recupero palla poi è nato il pareggio.

C’è rammarico, perché alla fine anche in 9 non era così scontato il pareggio del Toro, che è arrivato a 2 minuti dal novantesimo. C’è però la consapevolezza che stiamo trovando una identità e anche un gioco, anche se non in modo continuo. E’ evidente che manca ancora un po’ di qualità e sostanza a centrocampo. Si è visto quando il Toro ha fatto maggiore pressing su Amrabat, momento in cui la Fiorentina è stata costretta a giocare con lanci lunghi quasi sempre innocui. Molto bene invece quando si riesce a muovere la palla e trovare Ribery sulla tre-quarti. Bonaventura ancora non è continuo, ma il suo livello è in crescita. E anche se ho visto voti bassissimi per Castrovilli a causa del fallo, fino a quel momento a me non era dispiaciuto. Un po’ timido sulla destra Venuti, riuscito solo una volta a mettere una bella palla in area, mentre Biraghi è più costante nella sua spinta, anche se stasera un po’ impreciso. Convincente per me anche la prestazione di Vlahovic, che lotta, ma sa anche lanciarsi negli spazi. Ha preso un palo, ha segnato di destro, purtroppo in fuorigioco. E mentre Quarta ha fatto di nuovo una buona prestazione, rimangono le perplessità sulle prestazioni di Pezzella. E rimane il rammarico e la rabbia per quella reazione di Milenkovic, che è vero che ha trovato un Belotti disonesto e un arbitro accondiscendente… ma che poteva anche essere evitata.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.