Senza storia

Penso che poche squadre in serie A posso permettersi di giocare con due giocatori sotto-ritmo. Nessuna può farlo contro un’Inter che fa della pressione fisica un arma vincente. La Fiorentina c’ha provato nel primo tempo con Borja e Eysseric. E fin dai primi minuti si vedeva che l’Inter riusciva ad arrivare dentro l’aera di rigore non tanto per la qualità del palleggio, quanto proprio per la propria spinta fisica, che non trovava ostacoli fino alla nostra tre/quarti. Anche se il gol di Barella alla fine arriva da un calcio d’angolo dove sono stati lasciati liberi 3 giocatori al limite dell’area di rigore. E nel primo tempo, dopo lo svantaggio, nonostante tutto, la Fiorentina meritava anche il pareggio. Poi Prandelli ha provato ad essere più incisivo, mettendo Kouamé e togliendo Borja. Ma paradossalmente abbiamo completamente perso il centrocampo. Ho letto in giro che alla fine Eysseric non ha giocato male. Però, mentre Borja almeno ha la capacità di dettare sempre il passaggio e far girare palla in modo anche intelligente, il francese è nullo in fase difensiva, è abbastanza scontato con la palla al piede. Fatto sta che nella ripresa è stata partita senza storia. Dove solo Dragowski è riuscita ad evitare altra imbaracata.

Se da una parte è ragionevole pensare che sarebbe stata comunque dura affrontare l’Inter senza Ribery, Castrovilli e Milenkovic, dall’altra desta molta preoccupazione rendersi conto che a centrocampo la Fiorentina non ha alternative. Mandato via lo scontento Duncan, fatto fare il nuovo giro di danza a Saponara, tenuto un Pulgar apatico e appunto Eysseric, ci siamo resi conto che la nostra mediana ormai può contare solo su Amrabat, Castrovilli e Bonanventura, a parte qualche comparsa di Borja. Se pensiamo che anche la Fiorentina Tiki Taka di Montella ha avuto Migliaccio prima e Kurtic dopo come portalegna, quando c’era da fare legna, diventa davvero inspiegabile il mercato della Fiorentina. Sperando almeno che Kokorin sia un sostituto accettabile di Ribery. Anche perché le squadre in ritardo in campionato non hanno nessuna intenzione di fare già a febbraio le vittime sacrificali. E per questo ci sarà da correre, da lottare, da giocare. Lunga vita, allora, ai nostri titolari, anche se già con la Samp dovremo fare a meno di Amrabat.

7 Commenti

  1. Ho atteso tre giorni il post di Davide perché volevo sentire prima lui.

    La nostra situazione è drammatica, continuiamo a guardare in alto quando dovremmo guardare solo in basso. Continuare a mettere in campo Eysseric è un insulto a tutti, ai tifosi che lo vedono trotterellare da 4 anni, al Presidente Commisso che non è un fesso, ma sopratutto alla squadra.

    Mi volete spiegare voi che senso far giocare Eysseric? E’ tecnicamente mediocre e fisicamente assente, non ha senso vederlo andare ancora in campo. Possibile che un allenatore che ha allenato la Nazionale non si renda conto che Eysseric (scontento o non scontento) non è adatto per giocare in serie A? Possibile che non ci sia nessuno nella Fiorentina che non possa prendere la decisione di togliere dalla rosa Eysseric?
    Stai bene a Firenze, ma sopratutto non c’è uno straccio di squadra che ti fila? Benissimo, ti alleni con la primavera. Lo ha fatto l’Atalanta con Gomez, non possiamo farlo noi con Eysseric? Via dalla rosa della Fiorentina questa gente.

    La via della salvezza è ancora lunghissima e nella Fiorentina manca l’anima.

    • In effetti c’è poco da guardare in alto. Mi preoccupa il fatto che non abbiamo risorse per cambiare partite a centrocampo e questo sarà un grande limite. Non dico che devi avere Brozovic, Barella, Gagliardini, Vidal, Eriksen, Sensi e Vecino… magari ci bastava l’ultimo.
      Chissà se Prandelli avrà il coraggio di passare ad un 4-4-2, con Castrovilli e Bonaventura esterni (Pulgar e Amrabat centrali) quando c’è più da attaccare, oppure Malcuit o Venuti quando c’è da stare più compatti, specie sugli esterni.

  2. MI ero dimenticato di aggiungere che, se senza Castrovilli e Ribery e con Kouamè in panchina Callejon non trova spazio né fra i titolari né nelle sostituzioni, è segno evidente che abbiamo un pensionamento da qualche milione.

  3. Io vorrei sapere con quale criterio sono stati scelti Callejon e Borja Valero. Nel calcio di oggi ci sono veramente interessi troppo lontani dalla logica.

  4. Ma è mai possibile che Pradè e il suo team non si siano accorti che Agudelo è uno che sa giocare? Così si spiega il perché delle campagne acquisti degli ultimi anni! Ma c’è qualcuno che si intende di calcio nel cosiddetto staff tecnico? Ora sono curioso di vedere chi è il russo ultimo acquisto!

  5. Caro Carlo, tocchi proprio un punto vivo.
    Io non so di chi è la colpa, so solo che Pradé lo comprò a Gennaio e Iachini non gli fece mai vedere il campo. Anzi, ricordo benissimo che Iachini dichiarò qualcosa dicendo il ragazzo non è pronto.
    E sono certo che la campagna acquisti di quest’anno: Bonaventura, Borja Valero, Calleon e stata guidata in massima parte da Iachini. (Sigh!)
    C’è dell’altro nella partita di ieri sera, giocava anche Saponara e pare abbia giocato bene. Se Agudelo non lo mai visto giocare, Saponara quando l’ho visto ha sempre fatto pena, buona tecnica, buona visione di gioco, buone intuizioni, ma sempre abulico e poco interessato al risultato.
    Quindi le domanda che mi faccio sono: perché allo Spezia Agudelo e Saponara rendono e a Firenze no? E’ colpa della società? Di Commisso, Barone, Pradè? Oppure è colpa dei vari allenatori che si sono succeduti a Firenze negli ultimi anni? O forse è colpa dei tifosi? Ci metto anche che potrebbe essere colpa dei giornalisti.
    Provo anche a mettere giù qualche risposta.
    Quest’andazzo è ormai in atto da qualche anno, prima che arrivasse Commisso, e non vedo proprio perché la società dovrebbe agire volontariamente contro se stessa. Forse c’entra l’incapacità, quindi il responsabile tecnico, prima Corvino e poi Pradé. Eppure qualche colpo lo hanno infilato tutti e due. Vogliamo parlare di Rebic? Lo prese Pradé e lo bocciò Montella. E’ uno scarpone ma gioca in serie A e andrà vicino a vincere lo scudetto.
    Quindi per me, con tutti gli errori che possono aver fatto, non posso imputare niente alla società intesa come proprietà e poco ai direttori sportivi. (Preferisco Corvino)
    Escludo anche i giornalai come responsabili, possono inventare notizie, attizzare polemiche, ma questo lo fatto tutti dappertutto.
    Rimangono i tifosi e gli allenatori. I tifosi hanno la loro parte di demerito: in tanti sono impazziti per il ritorno di Borja Valero, in tanti osannavano Mati (Finta) Fernandez, senza contare tanti altri casi di giocatori definiti campioni solo a Firenze. Ma possono essere i tifosi responsabili delle scelte tecniche? Lo escluderei.
    Per esclusione arriviamo agli allenatori e, passato Pioli dimessosi in rotta con la società, abbiamo avuto Montella, Iachini, Prandelli. Solo rincalzi o minestre riscaldate. Io non ne posso più. Ambisco ad una salvezza (difficilissima) quanto più rapida possibile e quindi la scelta di un allenatore con un progetto a tre anni. Vorrei un allenatore intelligente, coraggioso e con la fame.

  6. Ilicic,Muriel, Bernardeschi, Chiesa, Cuadrado, Salah, Montolivo, Neto, Milinkovic Savic, Veretout, questi sono alcuni dei giocatori che sono stati ceduti, che hanno voluto andar via a tutti i costi, che hanno rifiutato la Fiorentina o che la società si è lasciata scappare. A nessuno viene in mente di chiedersi perché?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.