Poca anima, niente panchina

La sconfitta di oggi con la Samp pesa e brucia allo stesso tempo, perché ormai ci lascia in zona arancione e perché non la meritavamo. Però la Samp, che negli effettivi ritengo inferiore alla Fiorentina, ha giocato sempre con la massima determinazione e ha sfruttato poi due cambi top, come Quagliarella (che a noi segna anche se è in tribuna) e Candreva. Noi invece pressiamo bene, riconquistiamo palla, creiamo situazioni interessanti, spesso anche difendiamo bene. E poi? E poi non concretizziamo mai. E poi c’è sempre qualche leggerezza sufficiente per prendere un gol in più. A questo si aggiunge che, dopo la pulizia di gennaio, la Fiorentina è veramente senza alternative. Insomma da una parte sembra una squadra con idee, con delle qualità, ma con poca anima che leghi e consenta di rendere tutto questo utile alla causa. Dall’altra, come mancano due titolari, questa squadra gioca con gli uomini contati. Con il Malcuit visto oggi, con le voci di un Kokorin ancora non in condizione, risulta davvero catastrofico il mercato di Pradé. Va bene non fare investimenti troppo costosi. Ma non capisco perché non siano arrivati giocatori come Inglese, come Lasagna, che nella ripresa potrebbero entrare a fare un po’ di boa e magari liberare maggiormente Vlahovic, anche oggi fra i migliori, ma che deve fare spesso gioco sporco. Perché non è arrivato uno al posto di Duncan, come un Ekdal, un Poli, gente che entra quando c’è da far legna in mezzo al campo. Poca anima, niente panchina e la Samp ci ha battuto.

Venendo alle individualità, spiccano sempre di più Quarta dietro, BOnaventura in mezzo e Vlahovic davanti. Avevo visto qualche titolo per la sfida Damsgaard Castrovilli, come giovani rampanti. Beh, non conoscevo il doriano, ma devo dire che ha vinto alla grande. Bel passo, bella corsa, bella tecnica, pulita, essenziale. Il nostro Castro rischia di perdersi nei suoi dribbling improbabili, nelle sue piroette ormai lette bene dagli avversari. Abbiamo bisogno che torni meno accentratore e più determinante, come secondo me sta sempre più facendo Bonaventura. Certo, il resto della truppa anche peggio, a parte forse Pulgar che ha dato qualche timido segnale. Sugli esterni malino Venuti e Biraghi. Kouamé ha corso molto, ma sembra che giochi con le palline di gomma rimbalzanti invece che con una palla da calcio. Ancora non l’ho inquadrato questo ragazzo. Certo è che non c’è tanto tempo e spazio per farlo. E poi Pezzella, che inizia a mettere un po’ di tristezza.

Non so se Prandelli prenderà il coraggio a quattro mani… però sono sempre più convinto che questa squadra deve avere la forza di passare ad un 4-4-2, dove dietro possono stare anche 4 difensori puri (tanto Quarta quando sale è meglio degli esterni), con 4 veri centrocampisti, Pulgar e Amrabat centrali, Castro e Bonaventura laterali, un po’ alla Fiore-Jorgensen. E davanti Ribery quando c’è e Vlahovic. Se la Fiorentina non riesce a fare questo passo, temo che dovremo presto iniziare a tifare per le 15 squadre sopra di noi… ovvero che quelle sotto facciano meno punti possibile.

3 Commenti

  1. MI sono dimenticato di sottolineare che nel gol di Quagliarella Castrovilli, dopo aver perso contrasto a centrocampo, segue il doriano con una velocità e una determinazione imbarazzante… anche qui ha provato a fare una diagonale improbabile Bonaventura, ma non ha fatto in tempo. Il ragazzo si deve svegliare!

  2. A commentare parto proprio da Castrovilli, primo pallone sbagliato, poi il secondo, poi il terzo, ecc. ecc. ecc. Come dice un vecchio adagio, non è il bere, ma il ribere. I mezzi li ha, vediamo se ha la testa e se gli insegnano a toccare il pallone sempre una volta in meno.

    Quindi se alla Fiorentina di oggi togli Castrovilli chi rimane? Rimane Bonaventura, che ha controllo di palla e intuizioni di levatura superiore, ma non ha più fiato.

    Qualche segnale positivo lo ha dato Pulgar, rimesso a fare il suo ruolo. Purtoppo invece Kouamè non ha indovinato nemmeno un passaggio? Ma possibile che nessuno se ne sia accorto prima?

    Devo dire che a me non dispiace, per intelligenza calcistica, nemmeno Venuti, ma la tecnica e, soprattutto il fisico, non sono di livello.

    Sulla partita poi c’è da dire che Drago ha indovinato la giornata sbagliata e la Sampdoria con tre azioni ci ha fatto due gol.

    Stenderei tappeti d’oro a Prandelli se mettesse in pratica la proposta di Davide di un centrocampo finalmente a 4 con Bonaventura, Castrovilli, Amrabat e Pulgar. Una difesa anch’essa a 4 e bloccata: Caceres/Venuti/Malcuit, Milenkovic, Igor/Quarta, Quarta/Venuti. Non ne posso più di Pezzella (da due anni), né di Biraghi (come il burro in difesa).

    All’attacco Vlahovic più un’altro che sappia mettere insieme due passaggi.

    La metà della salvezza è ancora lontanissima…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.