Rocco è il mio presidente

commisso calcio

Se il motivo per cui Gennaro Gattuso ha deciso di andare via da Firenze prima di essere arrivato è il suo procuratore non posso che essere dalla parte di Rocco.

Se prima prende a pesci in faccia gli scienziati dell’Italia e ora fa altrettanto con i procuratori che sono la rovina del calcio allora Rocco è il mio presidente.

Il mondo non cambierà mai e quelle di Rocco sembrano guerre contro i mulini al vento con nel mezzo la nostra amatissima Fiorentina. Che ci succederà? Chi lo sa. Di sicuro Rocco non è un Cecco Grullo o un Della Valle, Rocco sta dimostrando di avere passione e forza economica.

Devo dire che Rocco mi fa tornare il buonumore e mi mette bene per una nuova campagna acquisti. Cominciando dall’allenatore. Voto Mazzarri, non dovrebbe avere procuratori. 🙂

3 Commenti

  1. Rocco è il nostro Presidente, la Fiorentina però è la nostra squadra. E sinceramente non so dove/cosa ci porterà questa situazione.
    Abbiamo mandato via i Della Valle perché per primi avevano capito che questo calcio non poteva più rilanciarsi facendo debiti (il cosidetto autofinanziamento, che detta così sembra il male assoluto, ma che è qeullo che fanno Atalanta, Sassuolo e pochi altri). Abbiamo affondato il progetto Pioli-Corvino che voleva costruire dal basso, lavorando sui giovani, selezionando pagando poco, valutando e aggiustando, avendo in mente un’idea di calcio (cosa che stanno facendo da qualche anno Atalanta e Sassuolo). Come diceva Jovannotti… ho perso la direzione. Speriamo davvero di non perdersi.

    • La “direzione” l’han persa in molti, in questo mondo:
      Gattuso non mi piaceva come tecnico, ma sull'”uomo” avevo sempre avuto un’impressione positiva, ora se è vero che è legato a “doppia mandata ” con Mendes, sono proprio i valori dell’uomo che mi deludono.

      Italiano mi piace molto, è da sempre il mio preferito (in serie A), ma anche lui mi disorienta: se hai già un impegno avendo rinnovato con lo Spezia, alla proposta della Fiorentina avresti dovuto rispondere semplicemente “Grazie, sono lusingato ma ho già dato la mia parola e la mia firma, sarà per un’altra volta”. Anche qui chi sbaglia è soprattutto lui che, se proprio non vuole perdere il treno della Viola, dovrebbe accollarsi il compito di liberarsi dallo Spezia (accordandosi? pagando la penale? affari suoi…) e presentarsi a Firenze, tutto lì.

      E la Fiorentina?
      Siamo d’accordo (d’accordissimo) che Pradè non mi piace e che negli ultimi anni non si capisce che ruolo voglia (e possa) avere nella gerarchia del calcio italiano, siamo anche d’accordo che nelle vicenda con Gattuso qualcuno (sempre Pardè?) sia dimenticato di leggere le “noticine in calce”, ma poi si è comportata come … vorrei facesse più spesso.
      Rifiuto dei ricatti, quindi ciao Gattuso.
      Arrivano Nico Gonzales, torna Sottil e per ora non cediamo nè Vlahovic, nè Milenkovic, nè Dragowski, o nostri migliori.

      Magari sbaglierà domani, ma oggi ancora no.
      E se Italiano non risolve in 3 giorni i suoi problemi, ringraziamolo e andiamo senza paura da Bielsa, finchè ancora possiamo scegliere.

      Forza Viola

  2. Finora nè la Società, nè Gattuso si sono degnati di spiegare a Firenze e ai tifosi come sono andate veramente le cose. Certo che se questo è l’inizio della nuova stagione, il pessimismo è di rigore. Al di là della ragione e del torto, l’impressione è che Commisso si limiterà a presentare a settembre una squadra da ….40 punti, in attesa di cedere ai soliti gobbi Vlahovic! Uno come Pradè è funzionale ad una politica del genere. Viva il Sassuolo e l’Atalanta!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.