Italiano ed emergente

Italiano Fiorentina
Italiano Fiorentina

Ieri, 30 Giugno 2021, la Fiorentina ha finalmente annunciato che Italiano Vincenzo sarà il nuovo allenatore.

Qualche tempo fa, su questo blog, ho scritto:

Voglio un allenatore vero, italiano, furbo, che abbia la necessità di dover lavorare per vivere, che abbia fame e la sappia trasmettere alla squadra. Voglio un allenatore vero a Firenze, uno che sappia stare in panchina, che sappia infondere coraggio con l’esempio e non solo con le parole.

E, proprio di recente:

Vorrei che fosse Italiano e con tanta gavetta alle spalle, che fosse coraggioso, vincente (come dice Commisso) e che giocasse con quattro difensori, quattro centrocampisti e due attaccanti. Vorrei che facesse un gioco intelligente più che bello e che desse la priorità ai giocatori tecnici rispetto agli scarponi fisici.

La scelta di Italiano soddisfa le mie aspettative.
E’ Italiano di nome e di fatto.
Ha necessità di lavorare per vivere sicuramente di più di Gattuso, che ha potuto permettersi di sbattere il pugno e andarsene perché fa l’allenatore per hobby.
Ha fame.
Gioca con la difesa a 4.
Gioca con il centrocampo a 4 durante la fase difensiva, così è scritto su Wikipedia.
Ha una discreta esperienza di giocatore di serie A come centrocampista dai piedi buoni e dalla mente veloce, non difensore, non attaccante, non centrocampista di rottura ma regista.
Ha una discreta esperienza da allenatore anche nelle serie minori. Sei anni non sono pochi.
Offre un gioco propositivo tanto da essere paragonato a Zeman (con i suoi pro e i suoi contro).
E’ emergente, ed è l’allenatore più emergente che la Fiorentina abbia ingaggiato da 40 anni. Controllare la lista sotto.

La scelta di Italiano è abbastanza rischiosa, perché la sua esperienza in serie A è abbastanza limitata, ma non sa di muffa. Il fatto che dallo Spezia sia arrivato anche Melissano, sconosciuto componente dello staff tecnico e di scouting, dimostra che la Fiorentina continua a guardare avanti.

Avanti tutta!

PONTELLO
Giancarlo De Sisti
Ferruccio Valcareggi
Aldo Agroppi
Eugenio Bersellini
Sven-Göran Eriksson
Bruno Giorgi
Francesco Graziani
CECCHI GORI
Sebastião Lazaroni
Luigi Radice
Aldo Agroppi
Luciano Chiarugi
Claudio Ranieri
Giovanni Trapattoni
Fatih Terim
Roberto Mancini
Ottavio Bianchi
Eugenio Fascetti
DELLA VALLE
Pietro Vierchowod
Alberto Cavasin
Emiliano Mondonico
Sergio Buso
Dino Zoff
Cesare Prandelli
Siniša Mihajlović
Delio Rossi
Vincenzo Guerini
Vincenzo Montella
Paulo Sousa
Stefano Pioli
COMMISSO
Vincenzo Montella
Giuseppe Iachini
Cesare Prandelli

2 Commenti

  1. Mi commento da solo per scrivere qualcosa sugli altri argomenti scottanti del momento.

    A Ribery dico ciao senza rimpianti. Tanto fumo e molto poco arrosto. Tre milioni di euro di ingaggio annui potevano essere spesi meglio.

    A Giancarlo Antognoni, che mi ha fatto innamorare del calcio e della Fiorentina, di cui ho avuto il poster sopra il letto per anni, di cui ho comprato e imparato a memoria il libro, dico: rimani nel mito.
    E’ stato veramente triste vederti impegnato a presentare i nuovi della Fiorentina dovendo recitare a memoria le loro statistiche, anzi nemmeno a memoria perché eri obbligato a leggere il pezzettino di carta, è triste oggi leggerti in dichiarazioni rancorose nei confronti della società Fiorentina.
    I tifosi della Fiorentina ti ameranno per sempre, se l’offerta della Fiorentina non ti soddisfa non accettarla e volta pagina, ma non comportarti come un mortale qualsiasi, tu sei un mito.

  2. Non c’è molto da aggiungere a quello che ha scritto Simone, tutto condivisibile. Fra l’altro Ribery se non sbaglio ne prendeva 4 di milioni.
    Siccome mi piacciono molto poco le ingiustizie, quanto mi piace la scelta Italiano, tanto poco mi è piaciuta questa trattativa, in cui ovviamente siamo stati in tre a sovvertire le regole, ma in cui è la Fiorentina che appare come la mandante.
    E infine, una nota sull’immagine ritratto pubblicato dal sito ufficiale della Fiorentina per il benvenuto al nuovo tecnico, ripresa anche da Simone: Gattuso gli era venuto meglio, forse perché il disegnatore stava pensando anche a Borja, che ieri ha annunciato l’addio al calcio e che sicuramente merita anche una sezione a parte.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.