Annata di spurgo?

Annata di spurgo?
Annata di spurgo?

Di passaggio a Firenze, con un’ora di attesa a disposizione in zona Via Masaccio, ho deciso di attraversare la ferrovia e mettermi ad aspettare qualcuno davanti al centro sportivo “Davide Astori”.

Centro sportivo Davide Astori
Centro sportivo Davide Astori

Qualche anno fa, in un’occasione simile, quando ancora il centro sportivo non era intitolato al nostro sfortunato capitano, ebbi l’occasione di arrivare allo stadio contemporaneamente alla squadra qualche ora prima di Fiorentina-Liverpool. Vidi Jojo scendere dal pullman, vidi che mi fece ok con il pollice e qualche ora dopo lo vidi segnare un gran bel gol. Quel gol contribui a farci arrivare agli ottavi di finali di Champions, il picco più alto di tutta l’era Della Valle.

Oggi non si è presentato nessuno, solo un addetto della Fiorentina in motorino che mi ha ricordato che i giocatori sono convocati per l’11 Luglio e che, quando ho chiesto di qualche dirigente, ha alzato le spalle e scosso la testa: tutto può essere.

Torre di Maratona
Torre di Maratona

Mentre ero lì, tra la torre di maratona e il cancello del centro sportivo ad aspettare invano, il mio occhio è caduto su due camion di una ditta di spurghi. E quindi mi sono detto: che segnale è questo? Finalmente per la Fiorentina è venuto l’anno dello spurgo?

2 Commenti

  1. Certo, partiamo da una rosa di 50 giorcatori, dopo averne già salutati tre illustri. Un po’ di spurgo servirà sicuramente.
    Dopo di che, andare in zona stadio e davanti ai campini il 5 luglio, una settimana prima del ritrovo per la nuova stagione, spiega cosa vuol dire essere tifosi e non clienti, cosa viene da dentro e cosa cercano di metterci nella testa (ma non nel cuore), cosa è l’attaccamento ad una maglia e cosa tutto il resto intorno. Lo spiega a chi si dichiara tifoso e soprattutto a chi crede che tutto questo sia solo un modo per far soldi.

  2. Non mi riferivo solo ai giocatori da spurgare, mi riferivo anche alla rogna, alla classifica stagnante e impaludata del salvarsi sempre all’ultima giornata, allo sbagliare sempre allenatore, alla campagna acquisti, alla contestazione perenne dei tifosi, ad uno spogliatoio mai sereno, ai giocatori che ci vedono come una tappa nella loro carriera.

    E’ da Maggio 2015, fine dell’avventura in Europa League in semifinale contro il Sevilla, che la Fiorentina non è più la Fiorentina.
    Come tifoso, capisco che non possiamo avere ambizioni da Champions, ma almeno vorrei avere l’ambizione di una squadra che gioca da squadra e dove tutti spingono dalla stessa parte.

    Il presidente Commisso, checché ne dicano gli scienziati giornalai e gli pseudo-tifosi, spinge forte dalla parte giusta. Riusciremo a spurgare tutti quelli che invece non lo fanno?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.