Mancini campione d’Europa

Europa
Europa

Dopo aver aspettato l’articolo di Davide, che credevo scrivesse immediatamente qualcosa sull’Italia campione d’Europa, ho deciso di buttare giù due righe io stesso.

Ho visto poche partite dell’Italia e sempre con un occhio solo perché pesano troppo sulla mia spontaneità di tifoso la retrocessione del ’93 e la consapevolezza che ci sono troppi Italiani che fanno gli Italiani solo quando gioca la Nazionale.

Ma una cosa la devo dire, Mancini è stato proprio bravo, ha saputo amalgamare una bella squadra e trasmetterle un modo di stare in campo intelligente.

Non mi è sembrato che l’Italia avesse un gioco così spettacolare, così arioso, così alla Sarri, e nemmeno una Italia tutta muscoli e contropiede come quella di Conte ma piuttosto un’Italia che ha saputo mettere in campo una rivisitazione moderna del gioco all’Italiana.

Non mi è sembrato che l’Italia abbia sovrastato le altre formazioni per intensità di gioco, non ho visto un pressing asfissiante, prolungato e logorante, ho visto una squadra molto tecnica, che sapeva sempre gestire il pallone e, sopratutto, una squadra che poteva far male in ogni momento.

La vera caratteristica, se vogliamo dire la vera innovazione, di questa Italia è stata saper essere più pericolosa e propositiva di tutte le altre mantenendo la vecchia solidità difensiva.

Tutti sanno riempirsi la bocca di schemi, tattiche e strategie, Mancini ha messo in campo una squadra pericolosa in attacco e attenta in difesa. Gli ha dato carattere, Insigne e Immobile sempre in aiuto dei compagni per difendere, e propositività, Spinazzola e Di Lorenzo sempre pronti all’inserimento. Oltre a questo Mancini ha fatto giocare tutti nel proprio ruolo, senza voler tirar fuori il sangue dalle rape (vedi Chiesa e Bernardeschi), e sapendo sfruttare a pieno una panchina lunga di tanti giocatori buoni. Cosa che tutte le altre squadre non hanno saputo, o non hanno potuto, fare.

Inoltre, un vecchio adagio recita, allenatore fortunato è mezza squadra, e Mancini, non solo agli Europei ma in carriera, ha sempre avuto una bella fettina… A questo giro la Francia e la Germania sono sparite prima della finale. Peggio per loro, certo, e molto meglio per Mancini.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.