Diverso, bellissimo

Non ho trovato subito il tempo, ma Simone ha perfettamente ragione: avrei voluto scrivere subito e scrivo comunque adesso un articolo per celebrare la bellissima vittoria dell’Italia all’Europeo 2020. Sul lato tecnico, condivido praticamente tutto quello che ha scritto Simone: Mancini ha fatto un ottimo lavoro, partendo dalle scelte dei giocatori. Ha scelto i più bravi e non i mattoncini giusti per portare avanti improbabili credi calcistici. Ha messo la squadra davanti a se, difendendo sempre tutto e tutti. Ha lavorato su principi di gioco semplici, ma solidi e condivisi: buona difesa, possesso palla di qualità, profondità e sfruttamento delle individualità quando serve. Ero scettico quando la Federazione scelse Mancini e quindi la mia sorpresa ed i miei complimenti oggi sono ancora più grandi. C’è da dire anche che Mancini ha avuto la possibilità di pescare da un serbatoio che sembra si stia ricaricando in qualità e quantità. E qui dobbiamo sottolineare il merito di società non di primissima fascia, compresa la Fiorentina, che da una decina di anni hanno ricominciato ad investire sui vivai e sui giovani contribuendo al pari delle squadre top a formare la rosa azzurra.

Ma io mi volevo soffermare maggiormente sul lato emotivo. Ho sentito in questi giorni tifosi e anche importanti giornalisti tifosi viola e ospiti di RadioBruno, che hanno manifestato distacco dai successi azzurri, specialmente se portati da calciatori provenienti dalla Juve. E anche dalle parole di Simone emerge questa sensazione di indifferenza. Io le partite le ho viste tutte, allestendo anche maxischermo in giardino quando possibile, soffrendo e gioendo, per fortuna come altri milioni di persone. Personalmente faccio veramente fatica a mettere in contrapposizione il tifo per la Fiorentina con il senso di appartenenza ai colori azzurri. Posso capire che certe volte la Federazione abbia avuto una gestione discutibile e tutto sommato anche avversa. Negli ultimi 30 anni a mio parere anche diversi Governi sono stati discutibili, ma non per questo è diminuito l’attaccamento alla nostra nazione. Una squadra di calcio si tifa, lo si fa alla fine con un atto di fede e con un attaccamento indiscriminato ad una maglia, a dei colori, a degli eroi personali. La nazionale è un discorso di partecipazione, possiamo ovviamente essere indifferenti, ma ci siamo dentro. E’ diverso, e per me quando vinciamo è bellissimo. E’ vero che fin da quando ero piccolo speravo sempre che i viola in azzurro (a partire da Antognoni) fossero i migliori, fossero determinanti. Ma quando c’è la nazionale, la maglia è solo azzurra. E se con la maglia azzurra diventa determinante anche un ragazzo che ha iniziato a calciare un pallone a due passi da Campo di Marte, che è crescituto e si è fatto conoscere al mondo del calcio con la maglia viola, anche se oggi veste a strisce, prevale sicuramente l’orgoglio, come quello di aver consegnato 30 anni fa all’olimpo del calcio un signore come Roberto Baggio.

8 Commenti

  1. Brevemente: non condivido il fatto dell”appartenza a prescindere; l’Italia del calcio, e sottolineo solo del calcio, non riesce a rappresentarmi. Quindi non la tifo Il ragionamento è molto semplice e lineare. Saluti

  2. Ciao Fabio. Ovviamente sono sensazioni personali, non ci sono regole. Quello che faccio fatica a comprendere è: fa gol Bonucci o Chiesa e allora non esulto, ovvero mettere in contrapposizione il tifo per la squadra con quello per la nazionale. Ma anche qui so bene che ci sono tanti che la pensano diversamente.

    • Davide proprio perché quei due personaggi da te citati non mi rappresentano non posso sentirmi partecipe delle loro gesta. Comunque come hai detto tu sono sensazioni personali molto soggettive

  3. Fabio… se l’unica Italia che non riesce a rappresentarti è solo quella del calcio allora hai davvero una grossa considerazione del nostro paese. Per me l’Italia del calcio è solo una parte del mio paese che non riesce a rappresentarmi. Razionalmente dovrei smettere di seguire il calcio, ma non ce la faccio, la maglia viola della Fiorentina ce l’ho cucita addosso.

    Sono curioso di vedere fin dove arriva la somiglianza Baggio-Chiesa… 🙂

  4. Sarà che io vivo anche il calcio non con la logica della rappresentanza ma con quello dell’attaccamento. Penso di vivere in uno dei posti più belli del mondo; penso che come italiano ho tanti difetti, ma anche tante doti non facili da trovare in altre popolazioni; penso che abbiamo un modo di interpretare il calcio che ha fatto e continua a fare storia. Chi in un determinato momento indossa la maglia o rappresenta istituzioni sono circostanze più o meno condivisibili, ma non saranno per me mai tanto importanti da togliere il senso di appartenenza… e nel 2011 ho continuato a tifare viola anche con il 10 finito nelle spalle del Tanque Silva.

  5. Questa volta sono d’accordo in tutto e per tutto con Davide: questa Italia di Mancini mi è piaciuta, mi ha convinto, mi ha coinvolto.

    E tutto il merito lo do al CT, allo staff che ha saputo costruire e alla rosa che ha saputo amalgamare.
    Come Davide, non ho mai amato il Mancini allenatore di club, c’era qualcosa che non mi convinceva, non capivo dove finissero i meriti e cominciassero i favoritismi.
    Ora, in questi 3/4 anni, ho visto finalmente un uomo diverso, che ha trovato l’ambiente giusto per esprimere il suo talento e la sua personalità, come da calciatore aveva trovato nella Sampdoria. Libero forse dalle pressioni quotidiane della stampa, dalle vicende di mercato, dalle meschinerie partigiane di procuratori e mestieranti.

    E per questo dico che, se vogliamo fare finta che il calcio sia uno sport, come vogliamo, allora più che mai questa Italia mi ha ricordato il calcio di un passato che è ormai un ricordo sempre più sbiadito, fatto di uomini, emozioni e poche chiacchiere.

    Se invece parliamo della nostra società, di cosa è diventato il calcio spettacolo attuale dove denaro e potere hanno schiacciato inesorabilmente tutti i valori sportivi, se vogliamo veramente guardare questo mondo con gli occhi disincantati e cinici di un adulto, come forse dovremmo, beh, allora ovviamente faccio molta fatica a sentirmi rappresentato da questa Italia, ma onestamente faccio fatica anche a riconoscermi nella Fiorentina, parliamoci chiaro.

    E allora, siccome amiamo il calcio perché vogliamo conservare un po’di quello spirito e di quello stupore fanciullesco, per riservarci un angolino segreto dove scaricare le nostre tensioni quotidiane, per sopravvivere meglio, allora mai come questa Italia me la sono sentita vicina e mai come questa volta (non certo nel 2006, ad esempio) mi sono sentito coinvolto quasi come nei miei ricordi con le prime nazionali che ho seguito, quelle di Bearzot, in quel mondo così diverso e lontano dal nostro.

    Forza Viola e … Forza Mancini!
    Gattaccio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.