Il tempo di Italiano

La Fiorentina è partita per Moena, è partita la nuova stagione della squadra guidata da Vincenzo Italiano. Condivido tutto quello che ha scritto Simone sul nuovo tecnico viola: giovane, ambizioso, con voglia di fare bene e tanta fame per lavorare bene. E anche italiano, che alla fine, salvo poche eccezioni, da maggiori garanzie. Con una certa soddisfazione, voglio dare anch’io quindi il benventio a Vincenzo Italiano. Non l’avevo fatto per Gattuso. Non sono fra quelli che dicono di aver capito già che le cose non andavano. Lui non poteva parlare prima di inizio luglio, e avevo allora preferito aspettare almeno quella data per scrivere, perché era importante sentire le sue parole. Certo, facce e atteggiamenti visti durante l’incontro al viola park non mi erano piaciuti molto, ma Gattuso non è tipo da troppi convenevoli. Comuque è momento di metterci una pietra sopra e sinceramente mi interessa anche poco cosa di fatto sia successo. Dobbiamo ora concentrarci su questo nuovo anno, probabilmente quello determinante per la gestione Commisso e quindi le responsabilità del tecnico non sono certo poche: è il tempo di Italiano.

Simone ha scritto che la scelta di Italiano è stata coraggiosa. Ed è vero, intrigante e coraggiosa, proprio perché la Fiorentina quest’anno non può sbagliare, almeno in modo eclatante come nelle ultime due stagioni. Italiano non si è tirato indietro, ma ha fatto capire che ci vuole anche tempo. Il tempo è una variabile determinante nel calcio, spesso alleata e nemica. Difficile sapere quanto tempo tifosi e stampa concederanno a Italiano. Lui ne ha chiesto anche per valutare l’attuale rosa viola. Questo significa che il mercato della Fiorentina non si concretizzerà prima di metà agosto, considerando che pedine importanti come Pezzella, Castrovilli, Quarta, Pulgar, lo stesso NIko Gonzales arriveranno solo fra qualche settimana. E, a parte la Coppa Italia del 15 agosto che sarebbe ovviamente molto importante non fallire, dalla settimana dopo il campionato della Fiorentina inizia subito con partite molto impegnative. E allora sarà veramente determinante quanto tempo impiegherà Italiano per plasmare la sua Fiorentina.

Nel 2012 un altro Vincenzo, ovvero l’aeroplanino Montella, dalla serata delle Pernici del 25 luglio durante il ritiro a Moena e da una rosa completamente da rifondare, arrivò un mese dopo, all’esordio in campionato, con un gioco che si capì subito avrebbe fatto divertire il popolo viola. Oggi tocca al nuovo Vincenzo e la voglia e la speranza di tutti è che si verifichi davvero il miracolo Italiano.

2 Commenti

  1. Condivido la scelta di Italiano, è la scelta giusta, un po’ rischiosa e audace, per una società come la Fiorentina, che deve tentare di entrare “di rincorsa” in una élite che oggi la vede molto lontana.

    Su Gattuso mi sono sbilanciato in tempi non sospetti, quando ancora era un’ipotesi, secondo me non c’entrava nulla con la Fiorentina e con Firenze, era una scommessa già esonerata in partenza.
    Era un’opinione irrazionale e quando poi fu scelto mi augurai di averla sbagliata, ma quando è successo il pasticciaccio con Mendes non mi sono rammaricato.

    Mi piacciono molte delle cose accadute in questo scorcio di inizio stagione (si Gonzales, no Ribéry, ecc) quindi sono curioso di vedere come si concluderà il mercato ma soprattutto come riuscirà a imporsi il nuovo allenatore sulle menti e sul gioco in questa rosa di giovani Fiorentini.

    Nota stonata, la permanenza di Pradé, di cui non ho stima, e, forse conseguenza, nota stonatissima la vicenda Antognoni.

    Richiamando un post e un argomento precedente, no, non mi riconosco per niente in questo comportamento, non condivido ne i modi ne le scelte, non li capisco quindi in questo momento la Fiorentina non mi rappresenta.

    Ma, da bambino, chiuderò occhi, orecchie e naso sulla realtà e tifero comunque Viola!

    Forza Viola.

  2. Davide e Gattaccio che si risentono in un colpo solo, ovvia, via si riparte. 🙂

    Vincenzo Italiano mi sembra coinvolgente ed appassionato ed è la scelta più azzardata tra tutti gli allenatori succedutisi in panchina nella Fiorentina di questi ultimi anni. I DV non hanno mai azzardato, l’ultimo azzardo che mi viene in mente è Malesani.

    Su Italiano vorrei scrivere un articolino quindi non posso bruciarmi niente.

    Con l’altro Vincenzo partimmo nove anni fa, era il 2012 e fu un azzeramento, oggi è il 2021 ed è nuovamente un azzeramento. Il primo Montella fece benino ma le sue squadre furono carenti di grinta e lui fu troppo permaloso, oltre che così presunutoso da considerarsi unico artefice dei successi. Montella chiese ed ottenne investimenti importanti in giocatori affermati, qualcuno andato bene, il più oneroso andato alle ballodole.

    Con Gattaccio sono d’accordo fino a Pradè, con cui sono d’accordo a metà.

    E’ davanti agli occhi di tutti che la gestione tecnica della Fiorentina non sia stata brillante in questi anni ed è facile imputare a Pradè i vari fallimenti: Callejon, Duncan, Lirola, Boateng, Ribery ed altri che ho elencato in altri articoli; ma chi ci dice che questi giocatori siano stati voluti effettivamente da Pradè? Questo non lo sappiamo e forse è per questo che Pradè è sempre dentro. La nuova proprietà, Barone compreso, ancora non sa come muoversi nei meandri del calcio mercato e la figura di Pradè è più istituzionale, passatemi il termine, che tecnica.

    Non sono d’accordo invece su Antognoni, per me è l’unico 10, sono cresciuto con il suo poster in camera, l’ho amato, lo amo, l’amerò, ma in questa vicenda ha fatto la figura del peracottaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.