Tre punti benedetti

Un primo tempo dominato, vuoi per l’atteggiamento disarmante del Venezia, vuoi per la pressione continua dei viola. Pressione che non viene fatta lavorando su aggressività e velocittà, quanto con presenza in ogni zona di campo, giro palla orizzontale e verticale fatto con qualità e accelerazioni al momento giusto. Oltre 80% di possesso palla, 2/3 occasioni limpide. E poi il solito gol di rapina di Torreira. Purtroppo i primi 45 minuti si sono chiusi con predominio netto, ma un solo gol di vantaggio. In compenso, il secondo tempo è stato forse uno dei più brutti visti al Franchi. Certo, rischi corsi molto pochi, però sarà per il caldo, sarà per la Juve, sarà per il risultato, nella ripresa si è combinato poco e sbagliato molto. E’ arrivata comunque una vittoria fondamentale senza subire reti, sono arrivati tre punti benedetti. Considerando che nella vigilia di Pasqua, Juve e Lazio hanno pareggiato nei minuti di recupero, da benedetti potevano diventare qualcosa di ancora più miracoloso. Oggi comunque la classifica sorride alla Fiorentina e Italiano e i suoi ragazzi si sono certamente meritati questo posto al sole.

Non è semplice andare sui singoli, perché nel primo tempo tutti hanno dato il proprio contributo, nella ripresa in molti hanno sbagliato molto. E poi c’è stato anche l’infortunio a Castrovilli, che speriamo non sia troppo grave. Per il primo tempo voglio sottolineare la prova di Cabral. Mi è piaciuto, ha aiutato la squadra a salire, inizia a crearsi occasioni da centravanti. Un mezzo miracolo del portiere, e forse poca cattiveria del ragazzo, hanno negato il gol. Gonzalez è il solito disturbatore della quiete avversaria. Ikoné bene la prima parte, poi si è spento piano piano. E comunque alla fine a buttarla dentro ci ha pensato di nuovo il piccolo grande Torreira. Anche questa volta ho visto poco incisivo Venuti. La coppia centrale si è mostrata anche oggi bella solida. Sottil ha sostituito Ikoné, ma non è riuscito a cambiare inerzia alla gara ormai incanalata nella bruttezza.

In attesa della gara della Roma e del recupero con l’Udinese, siamo sesti con la Lazio, ad un punto dalla Roma. Per ora fermiamoci qua, perché siamo già un pezzo avanti. E mercoledì arriva finalmente il ritorno di Coppa Italia. Purtroppo senza un Castrovilli in crescita. Speriamo con Odriozola e Bonaventura pronti e freschi. Inutile negare che siamo una delle squadre che sta meglio adesso. Ma non ci dobbiamo dimenticare che partiamo da un risultato negativo. E non ci dobbiamo dimenticare che ci confrontiamo con campioni superiore al nostro livello. Non ci dobbiamo dimenticare soprattutto che possiamo chiedere qualcosa alla gara solo quando lo facciamo da squadra, con coraggio, ma con la disposizione al sacrificio e al reale desiderio di andarci a conquistare qualcosa.

2 Commenti

  1. Ho sofferto tutta la partita.

    Nel primo tempo perché non riuscivamo a fare gol. Nel secondo perché il Venezia aveva l’iniziativa e noi non riuscivamo a giocare come nel primo. E’ vero che negli highlights l’unica azione del Venezia che mostrano è il palo in fuorigioco e che quindi non abbiamo rischiato niente, ma non abbiamo sfruttato qualche contropiede dove potevamo chiudere la partita. Gonzalez è forte ma spesso gli piace si guardarsi allo specchio, Sottil si guarda solo allo specchio, Ikonè è molto forte ma è morbidissimo come la panna.

    Spero davvero che nel secondo tempo sia subentrata un po’ di stanchezza per il caldo e un po’ di sufficienza della squadra che si sente più forte con in tasca il risultato.

    Mi dispiace un casino per Castrovilli che non è proprio fortunato, ora che stava ricominciando con una buona condizione si è rifatto male. Mannaggia!

    Se l’anno prossimo ci dovesse mancare un terzino sinistro prenderei Haps del Venezia. Per me è molto forte.

    Una Buona Pasqua a tutti coloro che ci leggono. Sulla prossima… taccio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.