Soffio finale

Inutile dire che ci aspettavamo che la Fiorentina arrivasse a Torino a giocarsi questa finale con il fuoco dentro. Venivamo dal tris di vittorie in campionato, inclusa quella a Napoli, mentre la Juve stava vivendo l’ennesimo momento confuso. E sicuramente centinaia di tifosi sono andati a Torino con il fuoco dentro. La Fiorentina però è scesa in campo con una fiammella. Forse per la nostra rosa sono davvero troppe assenze come Milenkovic, Odriozola, Castrovilli, Bonaventura. Lo sono state in particolare in una gara difficile come questa, dove era importante possesso palla, ma anche qualità e velocità nel giro palla. Non ho condiviso molto la scelta di giocare con soli 2 centrocampisti, perché il nostro centrocampo è spesso l’elemento portante dei nostri successi. E poi ha ragione Simone, Ikoné ancora è un po’ morbido. E questo, insieme appunto al fattore numerico in mezzo al campo, ha consentito alla Juve nel primo tempo di fare ripartenze importanti, compresa quella del gol. Ecco, qui davvero non condivido (se non forzata) la scelta di Dragowski. Per me ormai c’è un solo portiere titolare ed è Terracciano. Penso che Drago ci sia poco prima di tutto con la testa, ovvero nelle scelte. Nonostante quindi la volontà di comandare il gioco, nonostante la partecipazione spesso corale alla manovra, la Fiorentina sembrava stare in campo solo con la fiammella della speranza. Come ha detto Italiano, poteva magari accadere qualche episodio favorevole. Speranza anche ragionevole, considerando come è maturata la vittoria al Franchi della Juve. Nei fatti però, complice l’uscita a vuoto di Dragowski, la Juve è stata in grado di dare il soffio finale per spengere questa fiammella.

Sui singoli, continuo a dire che vedo cose interessanti nei movimenti e nei modi di approcciare la porta di Cabral. Ho visto invece un Gonzalez un po’ spento e, appunto, Ikoné troppo etereo. Non è entrato male Amrabat, che ha sostituito Torreira malconcio. MI ha convinto poco anche Saponara e ancora meno Sottil. Nella linea difensiva, c’è stata meno precisione nell’impostazione del gioco. E ho visto spesso Biraghi un po’ disallineato rispetto alla linea a 4.

Dobbiamo comunque essere consapevoli che la qualificazione l’abbiamo persa soprattutto nei minuti finali dell’andata. Arrivare a Torino sullo 0 a 0 avrebbe dato meno confort zone alla Juve. Dobbiamo comunque archiviare in fretta. Italiano, da vero leader, ha fatto capire che stasera era comunque molto dura, ma che invece crede molto nelle possibilità viola in campionato.

4 Commenti

  1. Oltre a questo direi che la cosa che più mi ha deluso, più di Gonzalez che non ha giocato bene e più del tenerissimo Ikoné, è stato vedere che Saponara ha inciso molto di più di Sottil.

    Riccardino svegliati perché il tempo dei soldatini è finito.

  2. Ciao ragazzi, è sempre un piacere leggervi, anche dopo un risultato negativo e deludente.

    Condivido molte delle cose che affermate, la nostra rosa ha dei punti deboli che il gioco propositivo e la mentalità di Italiano nasconde anche al netto di qualche errore (ma chi non ne fa?) spesso dettato dalla volontà di rischiare per la vittoria.
    Amo questa mentalità anche se a volte in termini di risultati paga di più un gioco al risparmio e senza rischi.

    Ma non dimentichiamo che la differenza la fa sempre la qualità.
    E’ odioso vedere una squadra con qualità che gioca al risparmio, in difesa e contropiede, ma a volte si vede anche ai grandi livelli, la Francia ci ha vinto l’ultimo Mondiale (miserrimo, però!).

    La Juve ha giocato 180 minuti così e ha vinto, onore ai vincitori. Ha la qualità per fare “male” in contropiede, ma ne avrebbe a sufficienza per farlo anche con il gioco, se ne avesse uno. Le è andata bene, perchè oltre alla sua qualità può contare sul fatto che la maggior parte degli avversari ne hanno poca, noi compresi.
    Biraghi è un pessimo difensore e un punto debole decisivo, quando il “gioco si fa duro”:
    – Allegri per 3 volte ha avuto ragione (3 gol) facendolo “puntare” da Cuadrado dalla sua parte nel finale delle partite;
    – ieri ha respinto in modo indegno una palla che andava fatta scorrere verso il fondo campo e ha regalato il gol, decisivo, di Bernaredeschi;
    – che sia disallineato con i compagni della difesa non è un’eccezione, quasi ogni partita rischiamo un gol per questo motivo.

    Ovviamente se la Fiorentina non vince non è “tutta colpa di Biraghi”, ci mancherebbe, ma lui è il nostro capitano (ed è anche una brava persona, per quel che sembra) e sintetizza il rapporto Qualità/Risultati cui possiamo ambire.

    Teniamoci stretti Italiano, che con la mentalità ci porta ad osare oltre le nostre reali potenzialità, e anche ad approfittare di tutti i passi falsi che le nostre avversarie più forti potranno fare in questo finale di stagione.
    Anche in chiave Champions, perchè no?

    Forza Viola

    Gattaccio

  3. Ciao Gattaccio… che piacere soprattutto ritrovarti a commentare 🙂
    Ho osservato con attenzione le due azioni dei gol juventini e in particolare Biraghi.
    Sul primo gol ha veramente una uscita sciagurata Dragowski. Sciagurata non solo perché non prende la palla, ma perché impedisce a Biraghi di avere il tempo per fare la giocata giusta. Biraghi se la trova praticamente sulla testa, non poteva avere il tempo per vedere che non aveva nessuno dietro e lasciare sfilare il pallone.
    Sul secondo gol invece Cuadrado questa volta dribbla Quarta (Igor arriva tardi per il raddoppio e 1 contro 1 in pochi fermano Cuadrado se ha qualche metro di campo a disposizione per allungarsi la palla). Qui però secondo me l’errore grave di Biraghi che molla Danilo che sta andando dove era logico arrivasse la palla (Cuadrado o tirava tipo gol in campionato o la metteva li). Si è fermato a guardare e questo forse è più grave di farsi dribblare.
    Detto questo nella formazione di mercoledì eravamo più deboli a destra che a sinistra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.