In Europa… in vacanza

E’ molto facile commentare questa gara. C’è stata una squadra che fin dal primo secondo ha giocato con grinta, determinazione, rabbia e tantissima corsa in ogni parte del campo. Un’altra che era nella partitella del giorno dopo, giocherellando, perdendo ogni contrasto, camminando. C’è una squadra che vuole salvarsi con il coltello fra i denti. C’è una squadra che vuole andare in Europa… ma probabilmente in vacanza. E’ chiaro che raggiungere l’Europa sarebbe un risultato inizialmente non atteso. Non andarci non deve alla fine cambiare il giudizio generale su questa stagione. Non andarci però con queste prestazioni fa molta rabbia. La fa sicuramente ai tifosi, spero anche alla società. La cosa che fa ancora più rabbia è che l’abbiamo perso quando l’avevamo raddrizzata e potevamo forse vincerla. Ci stava infatti che nella prima parte la Salernitana potesse giocare esageratamente sopra ritmo e metterci in difficoltà. Magari potevamo fare qualcosa di più che guardare come spettatori. E magari studiare anche qualche mossa rispetto a questa aggressività. Ci stava poi che nella ripresa la Fiorentina prendesse in mano il pallino. Lo abbiamo appunto fatto e abbiamo anche pareggiato non appena si è riusciti a fare una combinazione accettabile sugli esterni. Non ci stava regalare in questo modo la vittoria, con una sequenza di errori inaccettabili e, direi, anche con una preoccupante rassegnazione. Inguardabile il passaggio a mezzo fra Odriozola e Gonzalez di MIlenkovic e soprattutto il pasticcio di Igor.

E passiamo allora ai singoli. In partite come queste, giocatori come Venuti e Ikoné sono praticamente invisibili, quasi dannosi. Devo dire, con un po’ di amarezza, che per fare un gioco più di quantità e forza in mezzo al campo, Maleh ha una buona mentalità, ma pochi mezzi fisici. Devo dire che anche Gonzalez non è mai riuscito a saltare l’uomo. Certo con Odriozola su quella parte è stata un’altra cosa. Così come Saponara, che non mette fisicità, ma almeno intelligenza e qualità. E’ giusto anche dire che eravamo di fatto con il centrocampo di riserva, anche se la più riserva di tutti, Amrabat, è l’unico che ha retto un po’. E secondo me non ha fatto male neppure Cabral, che a centrocampo è stato l’unico a reggere qualche palla e ha provato a buttarsi sulle pochissime palle disponibili.

Adesso vediamo se questa squadra è in grado di fare lo sprint finale. Allegri, dopo averci buttato fuori dalla coppa, ci ha anche illuso di essere il suo avversario più pericoloso per la champion’s… diciamolo, ci ha preso doppiamente in giro, con la scusa del calendario. Proprio per il calendario e direi per la mentalità e l’abitudine a queste sfide, la Fiorentina parte da ottava. Basta vedere la nonchalance con cui l’Atalanta è andata a vincere a Venezia, che aveva le stesse motivazioni della Salernitana. Dal recupero di mercoledì, comunque, capriremo a quale Europa aspireremo nel mese di maggio, se quella delle coppe o un’Europa… in vacanza.

13 Commenti

  1. Io sono veramente stufo dei toni entusiastici dei giornalisti per quest’allenatore e per il gioco che ha dato alla squadra. Ho cominciato ad avere dubbi dopo aver assistito a dieci sconfitte nelle prime giornate, e in particolare a quelle di Venezia e di Empoli. I gol continuano ad arrivare con il contagocce e certe scelte di Italiano, come l’insistere con quel Venuti e prima un Callejon in cerca solo dell’ultimo ingaggio sono incomprensibili. A ciò si aggiunga un Piatek impalpabile, un Cabral del tutto insufficiente! Ma vogliamo continuare con la grancassa della partecipazione all’Europa, come continuano a fare certi giornalisti? Dopo anni che non facciamo che rimpolpare i gobbi con i migliori attaccanti che c’erano capitati, che cosa pretendiamo, se non di stare nella parte sinistra della classifica, massimo traguardo raggiungibile?

    • Carlo, a fine gara ero (e sono tuttora) molto amareggiato e ho scritto anche con un po’ di frustrazione. Nel tuo commento trovo però una frustrazione eccessiva, premesso che certi fatti sono incontrovertibili, soprattutto il fatto che ci siamo liberati in due anni di Vlahovic e Chiesa. I numeri dicono comunque che a parità di partite siamo sesti con la Lazio e (con una partita in meno) a due punti dal quinto posto. Anche questi sono dati incontrovertibili. Detto questo, cosa succederà da qui a un mese non possiamo saperlo. Passata amarezza e frustrazione, siamo in dovere (come stanno facendo a Salerno) di spingere più che possiamo questi ragazzi.

  2. Sono molto deluso anche io (sul secondo goal sono rimasto immobile 30 secondi perché non riuscivo a crederci) però mi sembra che la tua disamina sia troppo severa.
    Abbiamo buttato via una partita e compromesso seriamente le nostre chances però non siamo la quinta, sesta o settima squadra del campionato, abbiamo una rosa non all’altezza delle altre e quando dobbiamo giocare ogni 3 giorni lo paghiamo. Se a questo ci mettiamo anche le assenze, i conti tornano. Con la Salernitana abbiamo pagato, come altre volte, la fisicità della partita anche se poi alla fine l’abbiamo persa per errori individuali.
    Giocare ogni tre giorni ti da meno tempo per preparare la partita e la concentrazione ravvicinata la devi allenare. Anche Italiano deve fare esperienza su questo aspetto. Non so come sia stata preparata la partita ma mettere Ikone’ (che non ha fisico) titolare è stata una cavolata le altre scelte erano obbligate, era facile immaginare che i Campani avrebbero pressato pe 60 minuti alla morte, andavano contrastati e poi puniti nel finale ma questo lo fannonle grandi ed ancora noi non lo siamo. Servono giocatori 3/4 innesti forti per il prossimo anno se sarà Europa da turisti e 6/7 in caso di Europa vera (improbabile).

    • Ciao Alberto, mi dici di essere stato troppo severo, però non mi sembra di vedere più ottimismo nelle tue parole 🙂 . Io penso che se a 4 giornate dalla fine la classifica dice che siano sesti con una partita in meno, la nostra posizione in generale è questa. Siccome ballano davvero pochi punti possiamo certo andare da quinto a ottavo posto. E c’è da dire che tutte le squadre nessuna esclusa hanno sofferto molto le assenze. Il Napoli è uscito (con noi) dalla coppa e alla fine ha pagato in campionato. La Juve non è riuscita a rimanere in corsa Anche Inter e Milan hanno perso un sacco di punti. L’Atalanta senza Zapata e Ilicic da essere terza, di trova a lottare con noi. Forse Lazio e Roma hanno avuto meno problemi e comunque sono lì. Maleh e Duncan sono stato cotitolari. Giocare però senza tutti i primi titolari e con una mediana non bene assortita non è banale, non lo è per nessuno in serie A. Detto questo la rosa ha sicuramente bisogno di essere rafforzata. Il problema come sempre è riuscire a farlo con le disponibilità della società.

  3. Ieri ho visto solo il primo tempo, il gol è arrivato alla quarta, dico quarta occasione per la Salernitana. Alla prima ho sperato che fosse un fuoco di paglia, alla seconda che fosse segno fortunato per noi, alla terza ho iniziato a preoccuparmi e al gol ho spento.

    Tutte e quattro le occasioni sono arrivata sul nostro lato destro dove ieri si è visto veramente chi è Ikoné. Ikoné sembra Bambi, il delicatissimo cerbiatto della Disney, che danza sulle sue zampette sempre in punta di piedi. Nemmeno il tanto vituperato Calleon o Riccardino dal ciuffo hanno mai giocato così sulle punte come ha giocato Ikoné ieri.

    Dietro a Ikoné giocava Duncan, uomo voluto da Beppe Iachini, che avrebbe dei mezzi fisici spropositati ma che non ha minimamente la voglia di rischiare qualche pedata e non ha nemmeno l’intelligenza per giocare a calcio.

    Poi possiamo anche dare la colpa a Venuti e a Milenkovic, che ieri sembrava particolarmente spaesato, e possiamo anche darla tutta a Igor, che ieri è stato particolarmente sfortunato, ma per me tutti i problemi ieri sono nati dal nostro fronte offensivo destro.

    Ai mali di ieri aggiungerei anche un Gonzalez un po’ appannato come contro la Juve, forse hanno imparato a marcarlo?

    Vi lascio con il video di Bambi, circondato dai petali di fiore, dai coniglietti, dagli uccellini cinguettanti. Purtoppo il calcio non è il magico bosco incantato della Disney. Se ne saranno accorti negli spogliatoi?

    https://www.youtube.com/watch?v=y1VJzigsbdg

  4. Ciao a tutti. Purtroppo eravamo stati risparmiati dagli infortuni nonostante la preparazione estiva mirata per partire a razzo e ora da un mese perdiamo invece i pezzi migliori. Vengono al pettine i nodi della rosa non attrezzata per sfide al vertice ravvicinate. Callejon terzino a Torino e poi jolly nella manica a Salerno, dice un pò tutto. Speriamo che domani si riprendano

    • Ciao Ugo e ben trovato sul blog. In effetti fino ad un mesetto fa siamo state fra le squadre con meno infortuni, escludendo però il covid.
      Come dicevo ad Alberto, comunque, se la classifica oggi dice che siamo li a giocarcela, a 4 gare dalla fine, vuol dire che la rosa non è proprio da buttare. Dobbiamo considerare che sapevamo che non avevamo le coppe e per questo a gennaio ci siamo liberati di Pulgar, di Benassi. E comunque Maleh e Duncan non sono stati considerati totalmente riserve in questa stagione. E’ una rosa da completare sicuramente, speriamo di poterlo fare per giocarci il prossimo anno anche qualcosa in Europa.

      • Ciao Davide. La tua ricostruzione però mi sembra che non collima con le dichiarazioni di Barone. Premesso che a gennaio in casa viola è prassi liberare gli “scontenti” (vedi Lirola un anno fa) Barone che sino ad allora aveva sempre parlato di parte sinistra della classifica cambiò target. Si iniziò a ventilare ambizioni diverse. Se ciò è stato fatto per mettere pressione a tecnico e giocatori oppure per vendere un pò di fumo dopo aver ceduto Vlahovic non lo so. Ma è andata così. E ci siamo trovati a sbattere in semifinale contro la difesa gobba con due attaccanti ancora non ambientati provenienti da Francia e Svizzera. La scelta tra tenere Amrabat oppure Pulgar è stata del club che ha speso molto/troppo per il marocchino e non può rischiare di svalutarlo. Anche se poi alla fine gioca fuori ruolo

    • Ikonè è stato servito in profondità una volta sola (lancio troppo lungo). Per il resto o si è attenuto alle indicazioni del tecnico di “coprire” la palla anche al limite dell’area di rigore, oppure non se l’è sentita di puntare l’avversario. La cosa buffa è che a Torino addosso a quello loro più scarso De Sciglio (già ammonito), c’era il flemmatico Saponara anziché uno tra Nico e Ikonè. Ikonè era mezzala…speriamo bene per domani. Ultimamente giocando a bassi ritmi siamo prevedibili

      • Su come è stato cercato, servito Ikoné sono d’accordo… non nel modo migliore per le sue qualità. Sul fatto che sia tenero, sono d’accordo con SImone però. E putroppo il non aver paura si insegna anche male

      • Guarda Ugo, concordo sul fatto che siamo una squadra troppo manovriera, troppo didattica nelle scelte e quindi, alla fine, troppo lenta. Non c’è mai un rischio di una palla lanciata in profondità, è sempre tutto troppo calcolato.
        Rischiamo sempre nel portare tanti giocatori in area ma non rischiamo mai la giocata.

        Sarà forse per quello che alla fine i nostri attaccanti non sono mai serviti in profondità, eppure Ikoné dovrebbe essere velocissimo e Gonzalez pure.

        La Fiorentina non fa mai gioco di rimessa, per questo gli spazi sono sempre chiusi quando dobbiamo attaccare mentre sono sempre aperti quando dobbiamo difendere.

        Per me è il difetto più grande di Italiano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.