Capolinea?

Alle 18:44, poco dopo il raddoppio dell’Udinese, è arrivato il messaggino di Simone: “Finiti”. Certo, dopo l’uscita dalla coppa Italia, dopo la brutta sconfitta a Salerno, questa debable interna con l’Udinese legittima la domanda. Siamo al Capolinea? Oggi sicuramente ci sarebbero tutti i presupposti di una resa. Usiamo ancora il condizionale. Oggi però la sconfitta dei viola è nettamente meritata. Paradossalmente, dove possiamo recriminare di più, dove avremmo meritato di più è proprio nel primo tempo, quando abbiamo creato 2 occasioni ottime sullo 0 a 0, qualcuna sullo 0 a 1 e qualcuna sullo 0 2. Mentre l’Udinese ha capitalizzato al massimo le occasioni. La cosa preoccupante, invece, è che nella ripresa abbiamo saputo solo attaccare cercando si stare tutti nella tre quarti avversaria, ma esponendoci ovviamente a contropiedi micidiali. E al tempo stesso siamo stati, a parte un paio di occasioni, in grado solo di fare ammucchiate e conquistare calci d’angolo.

La squadra sembra aver perso lucidità, forma fisica, velocità e anche convinzione. Difficile capire se è un problema fisico, se è un problema mentale, se lo sono entrambi. O magari, giunti a maggio, si iniziano a fare i giochi su rinnovi, saluti, aspettative mancate. O semplicemente la mancanza di carattere e coraggio al momento di affondare il colpo decisivo per l’Europa, dovuta anche alla non esperienza. Fatto sta che, visto il calendario, il nostro campionato potrebbe essere anche finito qui. Sarà interessante vedere adesso la reazione. Se il sipario non si riapre certo rimarrà l’amaro in bocca per l’occasione perduta, rimarrà il dubbio sull’effettivo valore di questa rosa e anche un po’ dell’allenatore. Complicherà sicuramente la strategia per la prossima campagna acquisti. Se il sipario invece magicamente si riaprirà, saremo certamente tutti li a tifare i nostri colori. Anche perché gli altri non è che vanno a gonfie vele.

Non mi sembra appropriato stasera parlare dei singoli. Sinceramente mi sembra un po’ luogo comune parlare delle gare ogni 3 giorni, perché le abbiamo fatte anche nei mesi scorsi. Il problema è farlo nelle condizioni in cui siamo oggi, per i vari motivi che dicevamo sopra. E comunque con il pensiero che questa partita si sarebbe dovuta giocare in un altro momento, in altre condizioni. Non è un alibi, è un rammarico e comunque il segnale di una stagione che sta mettendo a dura prova tutte le squadre, a partire da quelle teoricamente più forti. Ed infatti non sappiamo se noi siamo giunti al capolinea. Sicuramente non lo è il campionato, dove in ogni zona della classifica niente è ancora scontato.

7 Commenti

  1. Ciao Davide apprezzo molto la tua decisione di non commentare i singoli. Da un lato perché non serve infierire. Dall’altro perché è evidente che il “problema” è generale ( e chissà da cosa dipende). Ti chiedo una eccezione: Ikonè e Cabral visto che sono stati acquistati a titolo definitivo. Che ne pensi? Io mi sto preoccupando, passi per il francese fuori ruolo ma oggi il brasiliano faceva movimenti da Lega Pro

    • Ciao Ugo, personalmente sono più preoccupato da Ikoné che da Cabral. Il brasiliano oggi era veramente dentro una gabbia (alias area di rigore) in cui si poteva solo sperare nel rimpallo giusto. Deve un po’ affinarsi in certi movimenti, ma ha forza, ha voglia, non si tira indietro, ha anche qualità. Se devo dirla tutta mi terrei lui e mi prenderei il gallo per il prossimo anno. Ho invece molti dubbi su Ikoné. E’ abituato a giocare con la palla ad un metro dai piedi. Va bene per giocare in contropiede o in campionati come quello francese. Da noi così non vede boccia… e poi è timido come dice Simone. Anche Gonzalez a volte gioca a palla scoperta, però è più veloce di testa e di gambe e anche più scaltro.

  2. Ciao Davide, non ho visto la partita e purtroppo non ho scommesso sulla sconfitta con l’Udinese che io ritenevo molto probabile alla luce dei ragionamenti che ho fatto l’ultima volta.
    Il nostro campionato non è finito, gli infortunati, la stanchezza e la pressione la sentiranno anche gli altri. Il nostro campionato semmai finirà contro la Roma. In ogni caso dobbiamo dire bravi ai ragazzi che hanno comunque fatto uno straordinario campionato, ci vuole anche fortuna, la Salernitana ha perso per mesi così come l’Udinese, se le avessimo incontrate in quel periodo (anche avendo gli stessi infortunati e la stessa stanchezza) avremmo vinto.
    Forza Fiorentina!

    • Si Alberto, alla fine penso che questa sia la giusta sintesi della situazione. Rimangono secondo me però alcuni interrogativi. E’ stata una stagione logorante, per tutti. Oggi paradossalmente le squadre che stanno meglio sono quelle che giocano per la gloria e forse per valorizzare tecnici (Cioffi, Dionisi, Tudor, Juric…) e giocatori. Spero solo che ci sia lucidità mentale per affrontare al meglio delle nostre possibilità questa fase finale e soprattutto per programmare e avviare la nuova stagione.

  3. Però Davide la stagione è stata “straordinaria” perché si partiva da 40 punti e zero autostima. Ma, in prospettiva, Italiano l’anno prossimo sarà in grado di ripetersi senza innesti di reale valore? È un tecnico che ruota gli interpreti ma non cambia mai tattica. Gli avversari lo hanno studiato. E si vede

    • Ugo, io mi sono ritenuto sempre soddisfatto dell’andamento di quest’anno della Fiorentina. Penso che la stagione sarà da considerarsi straordinaria se centriamo l’Europa, anche quella meno importante. Al tempo stesso non mi dimentico che fino a pochi mesi fa volevamo essere come Torino, Sassuolo, Verona, addirittura Udinese e BOlogna. Oggi le abbiamo già tutte alle spalle e l’Atalanta, che sembrava una chimera, è comunque dietro di un punto. Quindi, partendo dai 40 punti, ma direi soprattutto partendo dalla condizione mentale in cui eravamo, questo rimane un campionato molto positivo.
      Su Italiano, sappiamo che adesso ha queste caratteristiche. Però mi sembra persona intelligente, è giovane, alla fine dobbiamo anche aver coraggio di insistere e “farlo crescere”. Studiare Italiano è abbastanza facile. Mi ricordo quando Montella diceva la stessa cosa di Conte: gioca sempre in modo uguale, ma lo fa in un modo così veloce, di qualità, di precisione, di convinzione, che ti frega quasi sempre. Italiano penso lo abbiano capito dopo 3/4 giornate. E’ che per gran parte del campionato facevano molta fatica a prenderci e a prendere contromisure. Oggi siamo lenti, prevedibili, per niente convinti, un po’ sfortunati, forse stanchi e di conseguenza battibili da tutti. Se in queste ultime giornate riusciamo ad avere al meglio Torreira, Bonaventura, Odriozola e Gonzalez, possiamo dire ancora la nostra. Alrimenti sarà per il prossimo anno,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.