Primo Maggio, su coraggio!

Domani, Primo Maggio, giocheremo a Milano la partita più importante dell’anno.

Domani con il Milan dovranno scendere in campo tutti i migliori nella migliore condizione soprattutto mentale. Davide giustamente tira in ballo il finale di stagione, con i contratti da rinnovare, i prestiti da definire; domani non deve esserci niente di tutto questo nella testa dei giocatori, domani devono pensare solo alla Fiorentina.

Le sconfitte a Salerno e con l’Udinese possiamo catalogarle come un fisiologico sbandamento dopo la sconfitta contro la Giuventus, arrivate in parte per problemi di concentrazione, in parte per cali psicofisici che in una stagione ci stanno. Forse arrivati anche perché ci eravamo illusi di essere troppo bravi e forse perché dovevamo pagare qualcosa alla dea bendata.

Lo abbiamo fatto, ci siamo ripresi, riassestati, e domani siamo pronti per la partita più importante dell’anno. Vogliamo vedere se siamo gli stessi di sempre, se questa società, allenatore, squadra è la stessa di sempre, almeno della Fiorentina degli ultimi anni, oppure è una Fiorentina finalmente diversa, una Fiorentina che sa impegnarsi fino alla fine, che butta in campo l’ultima goccia di energia che gli rimane e porta a casa la pagnotta.

Non mi metto a parlare di formazione e mi affido ad Italiano.

Buon Primo Maggio a tutti.

2 Commenti

  1. Ciao Davide secondo me i nostri hanno giocato un primo tempo dignitoso. Dopo tre sconfitte c’era il rischio di collassare sino al termine del campionato. Ho visto una reazione, penalizzata da un episodio sfortunato e dalla cronica incapacità realizzativa purtroppo. A livello di singoli bene Amrabat e Igor, a sprazzi anche Duncan

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.