Vecchio carattere, nuovi problemi

La Fiorentina ieri ha fatto una partita cercando di tirare fuori il proprio carattere, che l’ha contraddistinta in questa stagione. Ha avuto anche coraggio, come incitava Simone nel suo articolo pre-primo maggio. Con il suo approccio propositivo, a volte aggressivo, è riuscita a giocare un primo tempo alla pari con il Milan. Un bel primo tempo, dove entrambe le squadre hanno giocato per trovare il gol, pur concedendo qualche punto debole all’avversario. Nel secondo tempo è venuta fuori la forza, la cattiveria, la voglia del Milan di prendersi questo scudetto. Siamo stati quindi un po’ schiacciati, non siamo riusciti più a palleggiare bene. Insieme al vecchio carattere sono emersi di fatto i nuovi problemi. Prima di tutto ovviamente la poca confidenza con il gol. Io penso che la Fiorentina abbia fatto un miracolo a mantenersi in lotta per la Uefa, dopo aver perso un attaccante da 25 reti. Però è palese la difficoltà a buttarla dentro. Mi ero un po’ illuso con il Napoli. In realtà, fra i nuovi problemi abbiamo sicuramente la mancanza o la latitanza di alcuni giocatori chiave. Fuori a lungo Castrovilli, avevo scritto in un commento, che potevamo dire la nostra in queste ultime partite solo se ritrovavamo in buone condizioni Odriozola, Torreira, Bonaventura e Gonzalez. Il primo neppure convocato, i due centrocampisti sono partiti dalla panchina perché non in condizione, l’argentino un vero desaparesidos in campo. Probabilmente il nostro esterno è fra quelli che sta maggiormente pagando una stagione per lui lunghissima, in cui ha avuto anche Covid e qualche infortunio. Non mi sembra giusto scaricare adesso colpe, ma in campo non si è visto. Mancando spinta sugli esterni, cervello e quantità a centrocampo e una spina nel fianco per gli avversari, questa Fiorentina diventa troppo prevedibile e alla fine cede e concede.

A centrocampo non hanno fatto neppure malissimo Amrabat, Maleh e Duncan, però in questo modo siamo un po’ piatti, a volte perdiamo troppo le distanze, creando quelle aree vuote dove gli avversari riescono a farci male. Venuti sulla destra come al solito ha cercato di fare il massimo, che però contro Leao e Theo Hernandez non basta. Quarta è stato un po’ più rude nella marcatura, ma il ragazzo sembra un po’ involuto. Forse si dovrà fare una riflessione su questo giocatore. La coppia Milenkovic-Igor non ha giocato male, considerando che il milan fa un vero 4-2-4. Saponara ha cercato di dare intelligenza al gioco viola, nel primo tempo ci è riuscito, nella ripresa è calato molto e Sottil non è riuscito a cambiare tendenza da quella parte. Come d’altra parte ci è riuscito poco Ikoné.

Certo, a meno di 10 minuti dalla fine, dopo la grande occasione di Cabral, che secondo me continua ad essere comunque un giocatore di affidamento, che ha impaurito il Milan e San Siro, pensavo che potevamo pareggiare la gara. Perché il Milan aveva speso tanto, stava entrando l’ansia. Poteva esserci solo l’episodio (magari anche a nostro favore). L’episodio è stato il regalo di Terracciano. Dopo quello di Igor per dare speranze di salvezza alla Salernitana, arrivo questo a tenere in paradiso il Milan. Dopo essere stati arbitri severi con Inter, Napoli e Venezia, siamo diventati magnamini. Sono ovviamente regali che costano caro alla Fiorentina. Sono regali, come detto, figli anche dei problemi che ci troviamo a gestire in questo momento. Ci rimane ed è giusto che rimanga fino in fondo il vecchio carattere di questa squadra, perché comunque ancora siamo in gioco e sarebbe si davvero un errore imperdonabile non tentare fino in fondo questa impresa.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.