Vedi Napoli e poi…

Se Simone anticipa il Post gara vuol dire che è successo qualcosa di importante :-). Ed in effetti è vero. Una Fiorentina bella, forte, a tratti quasi perfetta ha vinto al San Paolo contro una delle pretendenti al titolo ed una sicuramente delle più forti. Lo abbiamo fatto con merito e alla fine senza soffrire eccessivamente. Mi aspettavo una buona partita per la Fiorentina, mi aspettavo che il Napoli non ci prendesse a pallonate come aveva tuonato ieri Italiano. Ma oggi la Fiorentina ha dato un segnale forte al campionato e al calcio italiano. La squadra ha giocato con una idea tattica precisa, ovvero quella di far uscire il Napoli e infilarlo dopo il centrocampo. Ha cercato di andare a prenderlo alto, accettando spesso l’uno contro uno nei lanci lunghi del Napoli. Ha giocato con coraggio, sfruttando le qualità dei proprio calciatori e sapendo che prima o poi quei tre davanti si dovevano sbloccare. E dopo un periodo di vacche magre per le nostre punte, oggi sono andati tutte e tre a segno, compreso Abra Cabral. Questo ragazzo sta entrando nelle simpatie e nei cuoi dei tifosi. Non è armonioso nei movimenti, ma oggi è uscito spesso vincitore nei duelli a centrocampo a difesa della palla e non con clienti semplici. E piano piano stanno emergendo anche le sue qualità tecniche. E poi seconda rete consecutiva di Nico Gonzalez, da punta centrale, e prima rete di Ikoné. Il Napoli ci ha messo in vera difficoltà solo i primi 15/20 minuti del primo tempo. Di fatto poi è arrivato alla rete nei solo due momenti di rilassatezza della difesa viola. E nel gol di Oshimen, avevamo un Igor veramente stanco e sulle gambe.

E partirei proprio da Igor e Milenkovic, due muri. Bene Amrabat, anche se ancora perde qualche tempo di gioco e soprattutto perde tempo con la palla ai piedi, rischiando di subire break molto pericolosi. A me sono piaciuti anche Castrovilli e Duncan. Solo i primi 15 minuti della ripresa hanno avuto un atteggiamento rilassato, specialmente Duncan. E’ una delle cose meno belle della gara. Soprattutto è un atteggiamento su cui la squadra deve crescere. Non è detto che se stai vincendo e sei padrone del campo, cosa vera ad inizio ripresa e dopo il 3 a 1, la partita sia chiusa. Sono sicuro che Italiano conosca questo difetto. Sono dell’idea però che il tecnico debba ancora imparare a trasmettere questa cattiveria anche nei momenti favorevoli della gara. Altra nota stonata è per me Venuti. Simone è stato buono, citando un episodio. Secondo me è stata la vera falla viola, unico sbocco dove il Napoli ha potuto provare a sfondare con continuità.

Oggi comunque è la vittoria della sqaudra, di Italiano, del loro coraggio e della idea di calcio. A Napoli in coppa la Fiorentina ha trovato il biglietto per la doppia semifinale con la Juve. Oggi trova lo slancio per sorpassare l’Atalanta e rimanere in scia di Lazio e Roma, con una partita in meno. E allora Vedi Napoli e poi… vediamo cosa succederà, perché questa squadra per ora non ha voglia di mollare niente.

2 Commenti

  1. L’atteggiamento rilassato è proprio il peggior difetto che vedo in Duncan e Castrovilli. Entrambi alternano buone giocate a dormite colossali, su quelle dormite si inseriscono gli avversari. Eppure entrambi avrebbero tecnica, Duncan un po’ meno, e fisico, Duncan un po’ di più. Io per il prossimo mercato vorrei una mezzala forte forte.

    Non voglio dire niente su Abra Cabral e una cosa sola su Ikoné: anche lui è troppo rilassato e giocoso, a Firenze, in Italia, il calcio non è solo un gioco.

    Venuti… non ha i mezzi fisici degli altri, ma è intelligente e Fiorentino. Che non lo vogliamo avere in squadra un Fiorentino
    🙂

  2. Non rimprovero niente a Venuti. Però in certe gare è in evidente difficoltà. Forse poteva essere aiutato un po’ di più. Rimane e può rimanere secondo me una buona riserva. Ma ieri ho rimpinato più volte ODriozola.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.