Postlight su IKONE’

Fare pagelle, dare voti è da sempre uno degli esercizi più divertenti di un dopo partita. In qualche modo lo facciamo tutti, dando giudizi sui vari giocatori, sull’allenatore e sulla squadra in generale. Gli interpreti sono tanti, spesso mi sono chiesto, specialmente quando giocavo a fantacalcio, quanto era stata veramente l’attenzione del giornalista sui singoli giocatori. Di fatto contano spesso gli episodi, il gol, l’errore grossolano,g l’assist. Entrando, però, più nei panni del tecnico, penso sia interessante e utile analizzare nel dettaglio le prestazioni, l’atteggiamento, i risultati di un calciatore. Un vero zoom, uno spotlight sulla sua gara.

Ci proviamo, veniamo cosa viene fuori. SI parte con un logo un po’ approssimativo, chiedendo magari una mano a Maurizio. E vorrei partire con questo PoStLight su Jonathan Ikoné.

Ma che giocatore è, Ikoné? Ho provato a sentire anche i vari commenti, ho provato ad osservarlo. Io sinceramente non l’ho capito ancora. Se vogliamo dare voti, ieri per me era da 4, senza se e senza ma. Simone dice che salta come una gazzella per evitare le botte. Forse è vero. E’ lui però che cerca spesso il dribbling, anche stretto, sapendo quindi che le pedate possono arrivare. Ieri si è messo li, da una parte, aspettava la palla, si metteva lentamente in moto, cercando sempre di accentrarsi (e mai puntare magari sugli esterni). Una volta accentratosi, ha fatto due passaggini a mezza strada fra due nostri, la prima volta intercettato dagli avversari, la seconda costringendo comunque a ripartire da dietro. Non è semplice giudicare atteggiamento, perché spesso il fisico di un giocatore condiziona un po’. Però ieri sera sembrava davvero che la voglia e la determinazione nello stare in campo fosse minima. Soprattutto se confrontata con il piglio di Kouame.

Una prestazione nettamente insufficiente, spero condizionata da una condizione fisica precaria. Anche perché in generale qualcosa di meglio (a volte anche molto meglio) ha fatto. Gli esterni per Italiano sono vitali. E Ikoné deve ritrovare prima di tutto vitalità. Altrimenti penso che sarà superato anche dall’ivoriano nelle gerarchie del mister.

Spengiamo il faro e alla prossima.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.