Altro regalo ai cugini

Lo scorso anno ci facemmo pareggiare e superare dall’Empoli negli ultimi minuti di gara. Oggi la partita sembrava mettersi bene, perché a mezzora dalla fine l’Empoli è rimasto in 10. E rimane addirittura in 9 negli ultimi 10 minuti. Premesso che è stata una ripresa strana, con tante lunghe interruzioni, la sensazione era però che a metà del secondo tempo la Fiorentina ancora una volta avesse finito la benzina. E così abbiamo fatto un altro regalo ai cugini, arrivando blandamente al 101° esimo senza fare un tiro nello specchio della porta, a parte una conclusione da lontano di Mandragora.

Potevamo giocarne anche 150 di minuti, forse anche con ancora meno giocatori avversari, ma difficilmente avremmo segnato. Nella ripresa la Fiorentina era in apnea. Non si è mai tatticamente sfruttata la superiorità. Questo forse è un limite, perché sembra che la squadra non sappia adattarsi alla partita. O forse è stato davvero un problema di risorse fisiche. Di fatto, si palleggiava fino alla tre-quarti, per poi perdersi in individualismi e/o scelte sbagliate. Ha i suoi meriti anche l’Empoli, che ha lottato fino alla fine con ogni suo interprete. Ci sono però chiari demeriti dei viola, forse come diciamo da giorni per una forma fisica ancora limitata. Forse per una impostazione tattica in questa fase troppo sterile. Dobbiamo solo sperare che il secondo problema dipenda dal primo.

Certo, a mio avviso ci sono oggi diverse insufficienze. In particolare, vorrei sottolineare quella di Dodo, Jovic, Ikoné. Non hanno certo impressionato gli altri e chi è entrato, in particolare Sottil e Gonzalez, non ha dato cambio di passo. Benino Bonanventura, Milenkovic e un po’ meglio del solito Quarta. Diversamente da domenica scorsa, Jovic si è completamente perso nella morsa dei difensori avversarsi. Magari contro la Cremonese, la fisicità e velocità di Kouamé consentiva di creare un po’ di spazio al centravanti. Saponara e Ikoné invece sono state spesso delle belle statuine. Bonanventura ha provato a creare qualcosa, ma ha predicato spesso nel deserto. Terzic ha giocato benino, fino a quando ha avuto qualche energia in corpo. Certo, Biraghi è entrato con la testa più stanca di Terzic. Vorrei chiudere con Dodò… anzi non chiudo e chiedo a Simone (ma anche ad altri nostri amici) se vogliono fare loro uno specifico PostLight.

8 Commenti

  1. Scrivo qui il mio postlight su Dodo e sulla con l’Empoli ripromettendomi di scrivere qualcosa un po’ più dettagliato a breve.

    Dodo non ha giocato bene, ma nemmeno troppo male, era la sua prima partita intera in Italia, ha fatto un paio di erroretti banali che potevano costarci caro (me li aspettavo), ha fatto intravedere qualche buona giocata, una buona tecnica individuale (me lo aspettavo), un po’ di temperamento (non me lo aspettavo). Da rivedere in partite con più spazio a disposizione.

    La partita è stata molto brutta, con la Fiorentina che ha giocato scolastica e lenta, Saponara niente, Ikoné quasi niente, Jovic niente (su una mezza palla ha fatto espellere il difensore), Maleh niente (è un gregario, non è una mezzala di qualità). Abbiamo corso, applicato gli schemi, il primo tiro dopo mezz’ora, poi una bella occasione con Ikoné nel primo tempo, nel secondo quasi niente. Alla fine la più bella occasione l’ha avuta Destro a fine primo tempo, ma non è più il destro di una volta.

    Fossi un giornalista chiederei a Italiano perché ha invertito gli esterni solo gli ultimi tre minuti, infatti sono subito arrivate due occasioni. Saponara è perfetto per giocare a piede invertito, anche perché non ha il fiato per scappare sulla fascia, ma gente come Ikoné, Gonzalez, Sottil dovrebbero (almeno per alcuni tratti di partita), giocare sulla fascia del proprio piede, perché sono in grado di puntare la fascia e poi crossare. Lo insegnano fin da bambini che i cross fatti dal fondo sono molto più difficili da gestire (per i difensori) rispetto a quelli che arrivano dalla trequarti. Per Italiano invece pare che non sia così.

    Con una squadra arroccatissima come l’Empoli di ieri in 10, Italiano doveva mettere Sottil a destra, Gonzalez a sinistra, due centravanti, e poi buttare palloni in area dalla riga di fondo.

    A Italiano chiederei anche se nel suo schema avrebbe trovato posto Maradona o Baggio?

    • Sono contento che non tu sia troppo severo con Dodo. Però ho un po’ il timore che sia abituato a giocare dove c’è poca attenzione tattica e si creano praterie da percorrere in lungo e largo.
      In Italia saremo scarponi, ma se la palla la tiene a 1 metro da te, l’hai persa.

  2. Se qualcuno mi spiega il significato del cambio Terzic/Biraghi e Cabral/Jovic a 10 minuti dalla fine con l’Empoli in 10 mi fa un favore, perchè io è da quando l’ho visto che ci rimugino e non riesco a darmi una spiegazione (sul momento volevo spaccare la tv!!)
    Io avrei messo tutte le punte che avevo in panchina e poi cross e mischie in area in cerca del goal…
    Detto questo (che a mio avviso è l’errore più grave) fino a quando Ikone fa queste prestazioni per me può stare pure in tribuna a fare lo spettatore, è completamente inutile.
    (Resto dell’idea che con Berardi al suo posto saremmo già in Champions!)
    Scusate lo sfogo .. ma 11 vs 9 per 12 minuti e non fare goal è roba da matti, manco nell’arci sarebbe successo e se fosse successo l’allenatore nello spogliatoio ci avrebbe preso a calci in culo per un ora!!

  3. Ciao Alberto! La penso al 50% come te. Per me era chiaro e necessario il cambio di Terzic. Non si reggeva più in piedi, rischiava di fare danni dietro e non dava più niente in avanti e infatti in un paio di occasioni abbiamo rischiato. Concordo invece su Jovic. Premesso che non ha fatto niente, però non sembrava stanco e magari con mezza palla ti inventa la giocata. Secondo me poteva togliere uno dei difensori… tanto erano diventati registi e mettere Cabral e fare una specie di 3-5-2. La verità è che erano in molti sulle gambe e con la testa parecchio annebbiata.

  4. Ciao a tutti, anche io la penso come Davide, mi va bene Terzic/Biraghi, ma non doveva uscire Jovic al posto di Cabral.

    Ikoné è bravo e veloce a scappare via sul sinistro, perché lo facciamo scappare verso il centro, che è pieno zeppo di gente, invece che sull’esterno?

    Avete mai provato a scappare via sulla fascia del vostro piede forte? Una volta sulla riga è facile fare un cross a rientrare a occhi chiusi che arriva teso dal fondo, per il difensore è difficile respingere, per l’attaccante è facile spingere.
    Chiaramente l’efficacia del cross dipende da chi lo fa, Biraghi ne fa uno ogni tre partite, Ikoné magari due o tre a partita, lo stesso Sottil o Gonzalez.
    Avete provato invece a fare la stessa cosa dalla parte del piede debole? Un cross fatto bene riesce molto più raramente e solo se il difensore vi fa crossare liberi. Altrimenti che succede, succede che si rientra, come fa Ikoné, e si ripassa il pallone all’indietro per ricominciare l’azione.

    Poi Ikoné ha fatto pena, ma quello è un altro discorso, ci hanno investito 15 milioni…

    • Il tema dei piedi invertiti riguarda però tutte le squadre, non solo la Fiorentina, o meglio ci sono scuole di pensiero, ovviamente nel 4-3-3. Nel 4-3-3 moderno, le ali sono di fatto i terzini, mentre i due esterni dovrebbero diventare (come le chiama Italiano) attaccanti e quindi tirare e non crossare.
      C’è poi la variante che manda invece i terzini dentro, ovvero diventano mezzale, mandando le mezzale in area e gli esterni alti (questa volta non a piedi invertiti) a crossare.
      Difficile dire quale è meglio e quale è peggio, la differenza la fanno come al solito gli interpreti.
      Berardi per esempio gioca sempre a destra… facendo un sacco di gol e un sacco di assist. Sottil e Gonzalez possono giocare tranquillamente a piedi invertiti e sono in grado di fare gol e assist… però devono darsi una svegliata. Ikoné a sinistra (anche in Francia) non ha mai giocato. Lui deve darsi qualcosa di più di una svegliata.

  5. Ikonè era stato dipinto come uno che creava superiorità numerica, cosa che ad oggi non ho ancora visto! Non prova neanche a saltare l’uomo, vira subito verso il centro (tornando indietro) e poi fa un passaggio laterale… in pratica il minimo sindacale (spesso manco quello perchè sbaglia il passaggio o perde palla).
    Io fino a che non se la sente di puntare l’uomo lo lascerei in panca, giocare come ha fatto le ultime due volte è inutile, siamo uno di meno (dato che in fase difensiva, dato anche il fisico, è inesistente).

  6. Su Ikoné la penso proprio come Alberto, al momento è un giocatore inutile.

    Sui piedi invertiti ci sono calciatori che rendono meglio da una parte o dall’altra, diciamo (?!) che qualcuno è universale, ma io ne faccio un discorso di opportunità.
    Dagli esterni a Empoli per 80′ non si è avuto niente, non dico poco, ma dico proprio niente, niente, niente. L’unico cross è arrivato da Terzic con il gol sfiorato da Ikoné, per il resto è stato un rientrare al centro senza concludere niente, la novella dello stento del cross.
    Perché non provare a cambiare strategia di gioco negli ultimi 20′, tra l’altro con l’Empoli in inferiorità numerica?

    Ikoné l’anno scorso contro Inter e Sassuolo ha sbagliato due gol fatti perché è arrivato a tirare con il piede debole. Vogliamo provare a farlo tirare con il piede forte?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.