Avanti!

Dal presunto inferno dello stadio del Twente è la Fiorentina che esce con il biglietto per l’Europa in mano. Come si dice in questi casi, tocca a Jans e i suoi giocatori dare giustificazioni e avere ricriminazioni, mentre siamo noi ad andare avanti! Archiviamo subito gli aspetti legati al clima dello stadio. Se sono da condannare i 2 petardi lanciati dai tifosi viola, più che un inferno la Fiorentina ha trovato un’atmosfera da pub olandese, beccandosi a più riprese bicchiarate di birra. Però alla fine entrambi i casi non mi sembrano neppure episodi così eclatanti.

Passiamo allora alla gara. Riusciamo stasera ad andare avanti in coppa per due motivi tecnico/tattici fondamentali. Prima di tutto la coppia Milenkovic-Igor si è dimostrata subito un vero muro davanti a Terracciano. Affiatati, attenti, rocciosi e anche in grado di palleggiare bene per far ripartire l’azione. Il secondo aspetto riguarda la capacità di interdizione e di palleggio del centrocampo, gestita molto bene da Amrabat e Bonaventura. Un po’ più in affanno Maleh, mentre Mandragora ha portato ancora più equilibrio. A parte un inizio di fortissimo pressing del Twente, il nostro centrocampo ha iniziato a dare respiro alla squadra e creare anche azioni importanti.

Il motivo per cui invece abbiamo dovuto soffrire fino all’ultimo secondo di gara è che i nostri attaccanti hanno ancora cartucce a salve. I gol sbagliati davanti al portiere di Sottil, Ikoné e lo stesso Jovic sono un punto negativo, non solo per il fatto di averle sprecate. Pesa infatti sul giudizio l’estrema leggerezza con cui tutti e tre hanno gestito la situazione, da partitella del martedì. Di contraltare a questi errori abbiamo avuto bisogno quindi della super parata di Dino Zoff Terracciano. Subito il telecronista Marianella ha ricordato il tuffo di Zoff contro il Brasile in Spagna. E’ vero, come è vero il fatto sottolineato da Bravarone, che Marianella ha fatto una telecrona veramente partecipata, informata, come si fa quella di una Nazionale, non sputando sul piatto in cui mangia. A parte i gol mancati, possiamo dire comunque che anche gli esterni hanno fatto una gara dignitosa, così come Cabral prima e Jovic dopo e i due terzini. Solo Venuti una volta è stato veramente leggerino, facendosi portare via la palla e consentendo una importante palla gol al Twente.

In generale la Fiorentina ha mostrato personalità, coraggio, a tratti una discreta qualità. HA mostrato anche una condizione fisica in crescendo rispetto alle uscite precedenti. E’ mancato il colpo del KO, che è tipico delle grandi squadre. Adesso inizia la vera stagione densa della Fiorentina. Sta arrivando qualcosa di interessante dal mercato. Così, oltre a salutare qualche giocatore e provare a prendere qualcosa di interessante ancora in giro, serve secondo me una buona riserva di Igor. Serve oltre Barak un altro centrocampista se dovessero andare via Zurkowski e Benassi. Per stasera possiamo comuqnue andare a letto tranquilli, perché saremo noi ad andare avanti.

Attendiamo adesso i gironi, per capire quale sarà il percorso dei viola verso le fasi finali della competizione. Per oggi, possiamo festeggiare perché dovremo comunque andare avanti!

1 Commento

  1. Ieri sera, visto il risultato, mi sono proprio divertito.

    La Fiorentina ha giocato (come sempre) e lasciato giocare (un po’ meno di sempre) contro un avversario che ha provato a giocare più di come aveva fatto a Firenze e molto più di quello che avevano fatto Cremonese e Empoli.

    Oltre che del risultato sono soddisfatto anche del gioco. E’ vero che la partita è stata decisa al 97′ dalla superparata di San Pietro Terracciano e che dobbiamo ringraziare anche i due super salvataggi di Cabral e Igor, però abbiamo tenuto bene il campo contro un avversario tosto, che ha provato a metterla sul piano fisico, che ci ha un po’ picchiato, che ha fatto valere insomma il fattore campo con la complicità dell’arbitro.

    La Fiorentina non ha ceduto niente, ha avuto più occasioni e più clamorose, e ai punti avrebbe meritato di vincere.

    Favolosa la scena di Italiano che va su i’ muso a Jovic e poi lo abbraccia. Speriamo che la grinta dell’allenatore venga assorbita anche da Ikoné.

    Per me i migliori in campo Terracciano, Cabral e Igor. Non giudicherei i peggiori Venuti e Maleh solo per due errori, gli unici della loro partita, molto peggio il francese saltellante che gioca sul velluto. Di questo passo si allungano i gol sbagliati clamorosamente, speriamo che le potenzialità vengano espresse e che non rimangano tutte sulla carta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.