Un punto in più

Poteva essere una partita molto simile a quello dello scorso anno. Per certi versi lo è stata, perché la Fiorentina nel primo tempo ha tenuto molto alto ritmo e pressing, togliendo respiro alla manovra del Napoli. E’ vero che il Napoli ha avuto un paio di occasioni, compreso il gol annullato per fuorigioco. Ma la Fiorentina è arrivata spesso in modo pericoloso al limite dell’area di rigore. E come lo scorso anno tutti si attendevano il calo della Fiorentina e il sopravvento del Napoli. Se lo attendeva sicuramente Spalletti. Invece la gara è stata equilibrata, combattuta e direi anche bella fino alla fine. E Spalletti sa bene che negli ultimi 15 minuti le decisioni, alcune inspiegabili, dell’arbitro Marianelli ha dato una mano al Napoli su certe ripartenze e percussioni della Fiorentina. Un paio di falli non fischiati sono stati clamorosi. Ed è quindi insopportabile il suo modo di sviare sempre le attenzioni, prendendosela con qualche tifoso che sopra la panchina può lanciare qualche insulto. Comunque la Fiorentina ha dimostrato carattere, qualità e con Amrabat e Barak possiamo dire che abbiamo finalmente anche a centrocampo una certa fisicità. Comunque Spalletti si trova con due punti in meno e la Fiorentina con un punto in più rispetto allo scorso anno. E anche questo è un piccolo tassello da non trascurare.

Certo dovremo capire se questa squadra è in grado di trovare di nuovo confidenza con la porta. Sottil in questo momento è quello che ci prova maggiormente, ma gli manca ancora il senso killer della punta. Barak ha preso le misure… speriamo che le trovi velocemente. Jovic ancora poco pervenuto e un po’ nervoso. Ikoné di nuovo impresentabile. Bonaventua non male, ma in termini di conclusioni in porta sicuramente da dimenticare. E anche stasera l’ingresso di Saponara non ha smosso niente. Dopo queste prime 5 partite ufficiali, mi viene proprio da chiedere se siamo sicuri di lasciar andar via Kouamé. Secondo me è l’unico ad avere le caratteristiche di Nico Gonzalez. Il salto di testa, la progressione. Ha meno qualità, è un po’ confusionario, ma riesce spesso a strappare un po’ la gara, oltre a essere molto generoso anche in copertura. A parte qualche passaggio da brivido di Quarta, la difesa anche stasera è stata impheccabile. Gollini ha fatto una cosa sbagliata nel gol annullato, respingendo verso il centro, ma forse non aveva modo di fare molto meglio e per il resto è stato sempre attento. Amrabat sta sorpredendo sempre di più e quindi da capire se Mandragora può essere anche un opzione come mezzala.

Vediamo adesso cosa succede con il mercato. Purtroppo non c’è tempo di rifiatare o riflettere, perché fra meno di 3 giorni abbiamo una difficile trasferta a Udine. La Fiorentina non è partita con i fuochi d’artificio, ma per ora non ha fatto passi falsi, con la logica anche di un punto in più. Vediamo se ora ITaliano riesce a mettere una marcia in più.

1 Commento

  1. Partita davvero molto bella.

    Amrabat, Milenkovic, Dodò strepitosi.
    Quarta (un passaggio sbagliato) e Sottil (è mancato il gol) davvero molto bene.
    Il resto della squadra, compreso Barak all’esordio, bene.

    Jovic ancora imballato, diciamo imballato, forse non ancora pronto alla realtà (operaia) di Firenze, forse non ancora pronto con gli schemi di Italiano, in ogni caso abbastanza volenteroso.

    Ikoné, purtoppo, davvero penoso. Penoso nelle giocate e soprattutto nell’atteggiamento. Un uomo (da 15M) regalato al Napoli. Possibile che sia così tenero? Nemmeno come il burro, è proprio tenero come la gelatina. Inesistente e, dalla parte del tifoso, senza speranza.

    Saponara imbarazzante.

    Kouamé si meriterebbe di essere inserito nella lista dei 25. Al posto di chi?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.