Limitati

Va bene il turn over, va bene il modulo, va bene il possesso e probabilmente alla lunga porteranno anche quest’anno qualche risultato. Però dobbiamo avere la consapevolezza che, per garantire questi aspetti con continuità e qualità, siamo limitati. Limitati sono secondo me 2/3 giocatori per partite di un certo livello fisico e tecnico e sono sicuramente Venuti e Saponara. Il primo spesso è voglio ma non posso. Il secondo figlio di un altro calcio. Poi c’è Quarta, che sbaglia troppo negli appoggi e soprattutto a volte si fa fregare fisicamente. Secondo me oggi abbiamo giocato il primo tempo in 9 e alla fine abbiamo retto anche bene. Perché l’Udinese quando corre e pressa, non ti fa respirare e riparte sempre in qualità. E’ vero che possiamo essere certi che per qualsiasi altra azione del nostro campionato simile all’intervento su Venuti, sarà fischiato fallo o semmai interverrà il VAR. Però un difensore non si può far spostare come un pivello e al limite, si porta in terra tutti. Purtroppo siamo limitati nell’idea di calcio di Italiano. O magari sono limitati i giocatori nel cercare di applicarle fino all’impossible. Perché se dopo 70 minuti di giro palla, il 99% di possesso, fai fatica anche ad entrarci in area di rigore, devi per forza fare qualcosa di diverso. Non ci sono multe o penalità se si prova a buttare palla lunga, centrale o laterale e provare ad aggredire le seconde palle. Anche perché l’Udinese dopo l’ora di gioco era un po’ sulle gambe. E occorre anche mettere qualcuno di diverso in campo e non aspettare l’85°. Sia Italiano, sia Pradé hanno sottolineato che il turnover era obbligato. Il fatto che i cambi siano arrivati solo alla fine, significa probabilmente che ci sono giocatori veramente in difficoltà fisica. Penso a Dodo, a Jovic, oltre a quelli ovviamente neppure convocati. Limitati siamo sicuramente ad oggi negli attaccanti. Il linguaggio del corpo di Cabral e Jovic certo non fa sperare in questo periodo. Però magari è stanchezza. Certo, giocando ogni due giorni e mezzo anche da un punto di vista numerico le punte sono poche. E un pensiero ai nomi che abbiamo visto sfilare via (a parte ovviamente Vlahovic) a me viene di farlo. Belotti, Milik, Pinamonti.

Visto che siamo agli inizi e abbiamo 3 competizioni da portare avanti, preferisco focalizzarmi sui nostri problemi, sperando che la squadra trovi presto delle soluzioni. Però non mi piace l’aria che tira intorno alla Fiorentina. Prima di tutto, visto che si parla di non gravare sulle squadre che fanno le coppe, non si capisce davvero come mai si deve arrivare a questa gara in campionato con Udinese che ha 5 giorni di riposo, ovvero il doppio preciso della Fiorentina, che già viene da 5 gare in mezzo mese. E l’arbitraggio di stasera secondo me ha avuto veramente poco rispetto della Fiorentina, nei modi, nelle scelte. Per finire la sceneggiata di Spalletti. Concordo sul fatto di prendere provvedimenti esemplari su chi allo stadio ha un atteggiamento maleducato, aggressivo, violento ecc. Ci sono oggi tutti gli strumenti per monitorare, valutare, identificare, agire. Spalletti si è permesso di andare sul viso di questa gente, cosa che scometto non farebbe in nessun altro stadio. Cosa che nessuno allenatore fa, seppure spesso tartassati… basta pensare a MOurinho o anche a Italiano a Spezia nel campionato scorso. Ha fatto bene Barone a farsi sentire, secondo me in modo tardivo e puntando troppo poco il dito verso la sceneggiata di Spalletti.

E ora si entra nella vigilia della quinta giornata…

3 Commenti

  1. Alla vigilia della quinta giornata, scrivo questo commento, ed entro in sciopero.

    Non c’è niente da aggiungere a quello che dici te, semmai rimarcherei l’inettitudine, la pochezza, l’assoluta inutilità di Riccardo Saponara. Non è stato in grado di giocare un pallone riuscendo più di una volta ad inciampare sulle sue stesse finte. Però gli anno rinnovato il contratto. 🙁

    Italiano probabilmente un giorno allenerà il Barcellona, io ho paura che sia così instransigente, così illuminato, così al centro del suo progetto tattico, che alla fine toccherà allenare in Turchia come il suo omonimo Montella.

    E adesso entro in sciopero.

  2. Ecco l’ennesima stagione persa. Ma io mi domando come può un allenatore pensare di mandare in campo una squadra senza Milenkovic, Gonzales, Biraghi, Igor, Dodo,
    Sottil, che sono gli unici a saper giocare? Dobbiamo vedere in campo un Venuti che combina solo disastri, un Cabral non pervenuto, un Saponara bollito?
    Ma Pradè e soci sono capaci di trovare un attaccante decente invece dei vari Piatek, Cabral, Jovic, per non parlare di tanti precedenti, come riescono a fare altre società ?

    Quando abbiamo la fortuna di trovarne uno, lo passiamo subito alla Juventus, di cui siamo soltanto una succursale.

  3. Calma Carlo, calma. Intanto ieri sera la Roma ne ha presi quattro dall’Udinese e giocavano le prime linee, mentre noi solo uno su grossa ingenuità nostra.

    Al momento, quello che proprio non digerisco è Saponara, che è bollito come dici te e che non può assolutamente giocare in partite in cui conta sopratutto il fisico. Io nei 25 ci avrei messo Benassi, almeno non viene surclassato fisicamente.

    Inoltre, non capisco perché hanno preso a 15 milioni Ikoné, 15 milioni buttati veramente alle ortiche per un calciatore tecnicamente fortissimo ma mentalmente fragile.

    In ogni caso Italiano è questo, prendere o lasciare, per giocare ogni tre giorni ci vuole un allenatore che fa ruotare tutti e riesce a far sentire importante anche Saponara.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.